13.9 C
Belluno
martedì, Maggio 21, 2024
HomePrima Pagina8 marzo, Car & Classic celebra le auto create per le donne

8 marzo, Car & Classic celebra le auto create per le donne

Citroen 5 CV

Dalle vetture anteguerra all’eleganza discreta delle Lancia, dalla Renault Floride alle utilitarie degli ultimi quarant’anni, la più grande piattaforma europea specializzata in acquisti e vendite di veicoli d’epoca onora quest’anno la giornata internazionale della donna ricordando la miriade di modelli che nella storia l’industria automobilistica ha destinato al pubblico femminile

Ancora prima che in Italia Gabriele D’Annunzio decidesse di declinare l’automobile come
sostantivo femminile, un signore francese, nel 1922, pensò di mettere in cantiere una vettura rivolta anche a un pubblico femminile. Stiamo parlando di André Citroën, geniale
imprenditore da sempre precursore dei tempi, e della sua piccola e compatta Citroën 5CV
Type C. Una vetturetta che non solo presentava notevole manovrabilità e facilità di
manutenzione ma con la sua potenza fiscale di 5CV, da cui prendeva il nome, era anche
economica. E, in più, usciva dalla produzione in tinte vivaci che conquistavano le signore.
Tanto da essere soprannominata “Petit Citron” (“Piccolo Limone”) per il colore giallo della
carrozzeria che appariva sulla réclame.

Pochi anni dopo, in Italia, fu la Fiat 509 a ispirare al vate che l’automobile doveva essere
femmina. “Ha la grazia, la snellezza, la vivacità d’una seduttrice”, scriveva nel 1926 al
Senatore Giovanni Agnelli, che proprio una magnifica Fiat 509 gli aveva regalato. Il modello
ha segnato, con il suo motore da un litro e un prezzo compreso tra le 16 e le 25mila lire, la
prima ampia diffusione di automobili nel Paese. Era infatti pensato per far accedere al
mercato le classi meno abbienti. Ed era pensato bene, dato che un anno dopo la presentazione alla Fiera di Milano del 1925, la 509 era l’auto più popolare nel Paese e, fino alla fine della sua produzione, nel 1929, ben 90mila esemplari hanno viaggiato nella Penisola. La Fiat 509 non era un’auto destinata alle donne ma aveva una compattezza e una leggerezza (795 Kg a vuoto) tali da far pensare che potesse essere facile anche per il “gentil sesso”. Un po’ come la Lancia Ardea, capolavoro di fine anni Trenta, simile nell’estetica e nella meccanica alla precedente e ultra innovativa Aprilia ma di dimensioni e cilindrata ridotte.
Con 30 CV, tuttavia, che le consentivano di raggiungere 110 Km/h e facevano di lei una
utilitaria di lusso. Anche perché non le mancavano gli elementi di eleganza e raffinatezza che avevano già contraddistinto i modelli più importanti del marchio quali il morbido panno
grigio o nocciola della tappezzeria, la strumentazione che includeva tachimetro con
contachilometri totale e parziale e diversi altri accessori di standing elevato.

Lancia Ardea

Costruita in quattro serie, fino al 1953, l’Ardea monta un quattro cilindri a V stretto con
valvole e albero di distribuzione in testa di soli 903cc di cilindrata, il più piccolo mai
costruito dalla Lancia. La sua storia “in rosa” è rappresentata in particolare dal fatto che
essendo stata l’ultima idea di Vincenzo Lancia, ne ha sviluppato il progetto la vedova Adele
Miglietti, che aveva preso le redini dell’azienda, portandolo a termine due anni dopo la morte del fondatore della Casa nel 1937. La sua linea di carrozzeria ha ispirato quella che è stata poi, oltre quarant’anni dopo, un’icona della Casa dedicata alla figura femminile: la Y10. Dal 1985, quando è nata la prima serie, l’iconica city-car della Lancia ha conquistato fino al 2015 2,7 milioni di clienti in tutta Europa e per tre anni consecutivi, a partire dal 2013, è stata definita la vettura preferita dalle donne italiane.
Un rapporto stretto, quello tra le automobili e “l’altra metà del cielo” che nel nostro Paese ha iniziato ad essere rimarcato nelle immagini dei modelli già nel 1932 con la nascita della
Balilla, al secolo Fiat 508. La “vetturetta per tutti” – dati il costo accessibile e le dimensioni
contenute – era raffigurata nei celebri manifesti del pittore Ducovic che associavano
l’armonia formale dell’auto alla “eleganza della signora”, sempre con la presenza di una o
due donne alte e magnificamente vestite. Ma non solo, la Balilla veniva anche pubblicizzata
con una fotografia che ha fatto epoca in cui una giovane signora era alla guida.  L’obiettivo era sottolineare, ancora una volta, la maneggevolezza e la facilità di guida del modello.
Per un vero exploit di autovetture destinate alle donne bisogna aspettare tuttavia gli anni
Cinquanta, è questa l’epoca in cui le case cominciano a progettare pensando alle esigenze
della clientela femminile. Per lo meno all’estero: nel 1952 la Austin inizia ad assemblare con un proprio motore da 1,2 litri quella che sarà la prima auto americana per il mercato a stelle e strisce prodotta in Europa: la Nash Metropolitan, che in seguito, dal 1956, verrà distribuita anche dalla marca britannica su questa sponda dell’Atlantico. Con le sue cromature lucenti e la livrea bicolore, era una versione in formato ridotto delle grandi streamline d’Oltreoceano ed è stata concepita come auto perfetta per lo shopping e per brevi spostamenti quotidiani.
Vale a dire, per le signore: non a caso, all’epoca era ampiamente reclamizzata sui magazine femminili. Mentre nell’elenco delle sue acquirenti più famose figura anche la principessa Margaret d’Inghilterra, sorella minore della regina Elisabetta II.
In Italia dalla fine della Seconda Guerra Mondiale fino alla decade successiva, più che l’era
delle auto destinate alla clientela femminile, ha preso il via l’ondata delle familiari che, sulla
spinta del boom economico hanno motorizzato il Paese: dalla seconda e terza serie della Fiat 500 “Topolino” – ovvero la B uscita nel 1948 e la C del 1949 – alla Fiat 600 del 1955 e alla Nuova 500, nata nel 1957. È il periodo degli sportelli controvento e dei consigli per le
signore su come entrare in auto con eleganza, come si vede ancora in alcuni filmati
dell’Istituto Luce realizzati in collaborazione con la rivista Quattroruote. Tuttavia forme
tondeggianti, passo corto, potenza e consumi contenuti fanno spesso accomunare questa
categoria di vetture alle donne, e fra loro possiamo considerare anche la Renault Dauphine,
che in Italia veniva prodotta dall’Alfa Romeo. Stessa cosa per le micro car, dalla la Iso Isetta del 1953, tre ruote con un solo portellone d’accesso sul frontale ed economicità estrema, al minuscolo Messerchmitt, che veniva reclamizzato stracarico di pacchi e pacchetti, al servizio di una bionda signora in perfetto stile Sixties.
L’Autobianchi Bianchina, con la sua versione trasformabile che è stata anche la prima a
essere costruita, nel 1957, segna la svolta che vede le donne protagoniste al volante,
ammiccando alle automobiliste come fa del resto tutto l’universo cabrio degli anni successivi:
ne sono esempi la Fiat 850 Spider che riempiva d’orgoglio Anna Magnani sulle strade della
capitale in L’Automobile (1971) o il Maggiolino scoperto (Volkswagen Typ 1) del 1949, fino
alla Ford Escort Cabriolet e alla Talbot Samba Cabriolet degli anni Ottanta, solo per
citarne alcune. Tra gli emblemi più amati della categoria, l’Audi TT Quattro roadster,
commercializzato a partire dal 1998 e ancora molto ricercato dai collezionisti di vetture
Youngtimer per via del suo comfort moderno unito al fascino del passato. Car & Classic ne
offre un esemplare all’asta a partire dal 13 marzo, visibile in questa pagina, dove è già
anche possibile fare offerte pre asta. Con il suo design audace, le luci avvolgenti, gli interni
ultra moderni e la grande qualità meccanica, l’Audi TT è un’auto che offre un rapporto
qualità/prezzo formidabile.
A proposito di capelli al vento, negli Sessanta arriva ad evocare bellezza e libertà la Renault
Floride e con lei niente meno che Brigitte Bardot a farle da testimonial. Presentata al Salone di Parigi nel 1959 e conosciuta nel mercato americano con il nome di Caravelle, si tratta di una Cabriolet piena di fascino, dalle linee raffinate, con motore a 4 cilindri in linea derivato dal motore Ventoux della Dauphine (845 cc, 40CV, velocità massima di 125 km/h). Nello stesso anno prende vita grazie alla British Motor Corporation e alla matita di Sir Alec
Issigonis anche la Mini, l’intramontabile caposaldo delle compattine ancora oggi di successo.
Mentre nel 1965 un mito come la Lancia Fulvia Coupé, vanto assoluto dell’industria
automobilistica italiana, viene accostato espressamente nelle pubblicità all’immagine della
donna. Trasmette voglia di emancipazione e indipendenza, sempre con la caratteristica
eleganza sobria della Lancia. Con un design azzeccatissimo, frutto della matita del brillante
stilista Piero Castagnero, la Fulvia Coupé è stata allestita nella versione con motore di 1216cc e, con una serie di potenziamenti meccanici come la cilindrata portata a 1600cc e l’adozione del cambio a cinque marce, è rimasta in produzione fino al 1976.
A partire dagli anni Settanta la galassia delle utilitarie ha fatto gola alla quasi totalità dei
costruttori: si sono avvicendate negli anni la LNA e la Visa in casa Citroën, la Peugeot 104,
la Fiat 126 e le successive Fiat Panda e Fiat Seicento, la Nissan Micra e poi la Figaro, le
Renault 5 e Clio, la Ford Ka. Ancora, cambiando versante geografico, la Toyota Yaris, la
Sirion della Daihatsu – un brand che in Italia è poi scomparso dal 2013 – la Daewoo
Matiz… molte di queste hanno visto la luce al termine degli anni Novanta, lasciando poi il
posto alle piccole grandi glorie nate dopo il 2000 e in molti casi ancora in voga. Parlando
della fine del secolo scorso, poi, non si può poi non menzionare il New Beetle, il restyling del Maggiolino avvenuto nel 1998 con novità che strizzavano l’occhio al mondo femminile come il vaso portafiori sul cruscotto. Oltre che un’auto, un omaggio alle donne.
Con oltre 42mila mezzi in vendita e 4 milioni di utenti al mese, Car & Classic
(www.carandclassic.it) è la più grande piattaforma digitale europea specializzata in acquisti e vendite di auto e moto, oltre che di veicoli commerciali storici (www.carandclassic.it). Un
marketplace enorme con un’ampia scelta non solo di veicoli in vendita ma anche di ricambi
e accessori. Per trovare rapidamente la lista completa di tutto quanto è disponibile su
Car & Classic in merito a un determinato modello, è sufficiente digitarne il nome
nell’apposito campo di ricerca nella home page. E non è tutto: su Car & Classic è anche
possibile fare ricerche in base alle marche produttrici cliccando direttamente sui loro loghi.
Per iniziare a vendere su Car & Classic è sufficiente attivare un account gratuito,
dopodiché la preparazione per l’asta è assistita da un esperto dell’azienda e offre sempre la
possibilità di stabilire un prezzo di riserva. Per gli acquirenti non esistono commissioni: il
totale da versare in caso di aggiudicazione di un veicolo è dato esclusivamente
dall’ammontare dell’ultimo rilancio vincente, mentre al venditore spetta il 6 per cento,
una percentuale comunque molto competitiva. La sicurezza nei pagamenti, poi, è garantita
dal sistema Escrow, che tiene bloccati gli importi finché gli acquirenti non si dichiarano
soddisfatti. Per ulteriori informazioni è a disposizione il Numero Verde 800 089 894.
Fondata nel Regno Unito nel 2005, Car & Classic può contare su un organico aziendale di
cento persone dislocate nel Continente, oltre a Sudafrica e Giappone. Nello Stivale è sbarcata circa un anno e mezzo fa ed è disponibile completamente in italiano. “L’Italia è un mercato di assoluto rilievo nel panorama europeo delle auto d’epoca vista la sua forte tradizione motoristica”, ha dichiarato Tom Wood, il fondatore di Car & Classic. “Il nostro sistema di aste online sta crescendo rapidamente e sta diventando anche qui leader di settore”.
www.carandclassic.it

- Advertisment -

Popolari