13.9 C
Belluno
martedì, Febbraio 7, 2023
Home Cronaca/Politica Spegnimento semaforo Baldenich nelle ore di minor traffico. Trevisan (Fiab Belluno): misura...

Spegnimento semaforo Baldenich nelle ore di minor traffico. Trevisan (Fiab Belluno): misura pericolosa per pedoni e ciclisti

Semaforo di Baldenich (Belluno)

In questi giorni abbiamo appreso che il Sindaco di Belluno intende interrompere il funzionamento del semaforo di Baldenich in alcune fasce orarie con l’intento di “…migliorare la fluidità della circolazione e abbassare i livelli di smog.” L’intervento avrà carattere sperimentale e durerà 6 mesi, consentendo alla Giunta Comunale di “capire se la misura funziona”.
In proposito vorremmo sapere quali sono i parametri che verranno presi in considerazione e gli strumenti di rilevazione installati per monitorare, e quindi valutare, l’efficacia e l’efficienza della misura. Ad esempio, per misurare i livelli di inquinamento, è prevista l’installazione di centraline Arpav in zona semaforo? E per controllare il comportamento degli automobilisti saranno montate delle telecamere?

Riguardo ai livelli di inquinamento giornaliero complessivo è facile prevedere che il semaforo acceso a fasce non porterà miglioramenti significativi. Infatti, il maggior numero di auto in coda e i tempi di sosta più lunghi che determinano i picchi di emissioni dannose si hanno nelle ore di punta, durante le quali il semaforo sarà comunque sempre funzionante.
Se questa previsione fosse confermata, la misura non avrebbe lo scopo di ridurre in modo significativo l’inquinamento, ma solamente di favorire la mobilità motorizzata nelle fasce orarie meno trafficate. E questo avverrebbe sulla pelle di pedoni e ciclisti che, peraltro, non inquinano e non fanno rumore. Infatti, quello che il Sindaco definisce “il principale asse di attraversamento della città in destra Piave” è in realtà un incrocio di quartiere, molto frequentato da pedoni, anziani e bambini, sul quale si affacciano una farmacia, un ristorante, un panificio, un’edicola e altri esercizi commerciali.

A semaforo spento pedoni e ciclisti dovranno affrontare l’attraversamento di una carreggiata, in quel tratto rettilinea, con diritto di precedenza e un limite di 50 km orari, molto pericoloso in una strada di quartiere e che pochi rispettano: basta un malinteso, un’incertezza, una disattenzione e a subirne le conseguenze con fratture, invalidità e decessi saranno, come sempre, i ciclisti e i pedoni.
Il vicesindaco Paolo Gamba ci rassicura dalle pagine del Corriere del Veneto (inserto del Corriere della Sera) ricordando che comunque “… i pedoni hanno sempre la precedenza quando attraversano sulle strisce…” Purtroppo in Italia pochissimi rispettano questo “privilegio”, infatti il rapporto ASAPS 2021 evidenzia “i troppi investimenti sugli attraversamenti pedonali… ben 6.762 sinistri con 180 morti… e oltre 10.000 feriti, nel luogo più ”sacro” della strada, quello in cui la precedenza è diritto del pedone e dove la tutela dovrebbe essere maggiore” (https://motori.quotidiano.net/autoemotonews/rapporto-asaps-incidenti-con-pedoni.htm)

Quindi ci auguriamo che nei mesi di sperimentazione si consenta ai pedoni di attivare la chiamata per fermare le auto per il tempo necessario all’attraversamento oppure si rinunci all’idea di spegnere il semaforo. Non sarà certamente qualche macchina in più, ferma in sosta per consentire l’attraversamento sicuro alle persone più esposte e fragili tra gli utenti della strada, a peggiorare i livelli di inquinamento in città. E comunque quella maggior quota di emissioni nocive potrà essere ampiamente compensata con politiche di mobilità, molto più incisive ed efficaci, a favore degli spostamenti con il trasporto pubblico, a piedi e in bicicletta.

Pierluigi Trevisan
Presidente di FIAB Belluno
Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta

Share
- Advertisment -

Popolari

Bando regionale per l’imprenditoria femminile. Domande on line dal 16 febbraio all’8 marzo

Venezia, 7 febbraio 2023 “Donne protagoniste dell'economia, dell'impresa e dello sviluppo produttivo della nostra regione. A loro dedichiamo questo importante bando di contributi regionali...

CAI – Coordinamento Sezioni Dolomiti Bellunesi. La Regione assicura l’aumento dei fondi per la manutenzione di sentieri e ferrate

Venezia, 7 febbraio 2023 - Aumentati i fondi regionali per i sentieri di montagna: la delegazione scesa ieri a Venezia e ricevuta dall'assessore al turismo...

Cortina sci ai piedi! Alta Badia – Ampezzo in 4 ore di sci con la nuova cabinovia Skyline

Un nuovo skitour dall'Alta Badia a Cortina per scoprire tutte le piste della Regina delle Dolomiti grazie alla nuova cabinovia Cortina Skyline. Un vero...

Sabato a Borgo Piave la presentazione del libro di Gobbato, Borovnica e altri campi di Tito

La Lega Nazionale delegazione di Belluno, in accordo e collaborazione con il Circolo culturale La Terra dei Padri - Belluno, commemorerà la Giornata del...
Share