13.9 C
Belluno
martedì, Agosto 16, 2022
Home Cronaca/Politica Cahiers de doléances Ci hanno detto: storia di una pandemia ...

Ci hanno detto: storia di una pandemia * di Filiberto Dal Molin

Abbiamo sentito finalmente la voce di un giudice, Susanna Zanda, dire la Verità.

“Dagli atrii muscosi, dai Fori cadenti.. un volgo disperso repente si desta… percosso da novo crescente romor…”

(Alessandro Manzoni – Adelchi (1822) Atto terzo – Coro)

Ci hanno detto che il CoViD-19 è una pandemia grave, molto pericolosa e molto contagiosa. Abbiamo saputo che la sua letalità è dell’1% circa o inferiore, come un’influenza.
Ci hanno detto che colpisce gravemente anziani e ammalati, ma non i bambini. Hanno bloccato interi continenti e imposto la mascherina a tutti, ovunque, anche negli asili e nei viottoli di campagna.
Ci hanno detto che nella prima settimana di malattia ci vuole vigile attesa e tachipirina. Salvo che hanno adottato interventi precocissimi e definitivi per personaggi importanti.
Ci hanno detto che non vi sono terapie domiciliari utili e convalidate. E hanno seppellito nel silenzio l’elenco delle terapie preventive e precoci che 41 medici italiani hanno elencato a Speranza.
Ci hanno detto che la idrossiclorochina (HCQ) non è un farmaco validato e approvato per la terapia domiciliare e hanno fatto pubblicare una sperimentazione falsificata su questo farmaco sulle più prestigiose riviste di medicina (subito dopo smentita e ritirata) per dimostrare che il farmaco è cardiotossico.
Ci hanno detto che l’unica terapia possibile è il vaccino, a tutt’oggi in fase sperimentale (e quindi non validata se non per motivi di emergenza) e hanno imposto la vaccinazione a tutti, anche ai bambini in fase di gestazione, e agli adulti che già avevano avuto e superato l’infezione virale e che quindi avevano già prodotto gli anticorpi specifici.

Ci hanno detto (e mi hanno detto) che i medici sono tutti obbligati alla vaccinazione pena la sospensione dall’Ordine, fino a dicembre del 2022, e l’hanno imposta col vaccino anti Covid variante “delta”, quando già si era diffusa l’infezione variante “omicron”.
Ci hanno detto che la sospensione per i medici disobbedienti permarrà fino a dicembre anche se la quarta vaccinazione, verosimilmente ottenuta coi vaccini residui in fase di scadenza, e per varianti virali non più attive, non fosse resa obbligatoria. La carenza di medici in tutti i settori della assistenza sanitaria non viene presa in considerazione.
Ci hanno detto di tutto, ma non ci hanno comunicato niente gli Organi governativi, gli Ordini dei Medici e le Procure di Milano e Roma circa la “intimazione a interrompere senza indugio la inoculazione del siero” scritta da 51 avvocati di tutta Italia.

Ci hanno detto…ci hanno detto… ci hanno detto molte altre cose di pari livello e interesse.

Ma questa è Scienza Medica? È rispetto per i malati e per la loro sorte? È forse Medicina di ispirazione ippocratica?

Ma no…ma no… ma no! Questa è soltanto propaganda, è commercio, è impresa, è business fatto in ambito sanitario. E’ guerra.
Guerra?
SI, guerra tra la Post-Verità e la Verità.

Dr. Filiberto Dal Molin *

*medico chirurgo specializzato in Radiologia, direttore sanitario della Salus, Istituto radiologico e fisiokinesiterapico con sede a Belluno.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Festival TrevisoRetrò 2022. Tre giorni di musica e amenità d’altri tempi

Festival TrevisoRetrò 2022. Una rassegna di 3 giorni dedicata a Musica e Amenità d’altri tempi in piazza Santa Maria dei Battuti a Treviso il...

Anziani protagonisti a Ponte nelle Alpi. Musica ed emozioni con le “Note dai Cortivi”

Ponte nelle Alpi, 16 agosto 2022 - Grande successo per l'evento "Divertiti con noi", promosso dall'Associazione "Accanto all'anziano e..." nella sala del Parco Ex...

Primus inter pares. Lettera aperta al presidente dell’Ordine dei Medici dal dottor Filiberto Dal Molin

Al presidente dell’Ordine dei Medici della mia città Presidente, in questo difficile ferragosto sento la necessità di chiedere nuovamente le Sue dimissioni. Lei svolge la Sua funzione,...

Caduta sulla pista di downhill. Altri interventi

Belluno, 15 - 08 - 22  -  Attorno alle 16 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato in Nevegal, lungo la pista...
Share