13.9 C
Belluno
sabato, Giugno 25, 2022
Home Cronaca/Politica Belluno è una città per i giovani, consulta, app ed eventi. Ecco...

Belluno è una città per i giovani, consulta, app ed eventi. Ecco le proposte dei giovani candidati di Oscar De Pellegrin: le proposte dei

Chi può “costruire” la Belluno dei giovani? Domanda quasi superflua: proprio loro. I diretti
interessati. Insomma, gli stessi giovani. E, in particolare, i candidati all’interno della coalizione guidata da Oscar De Pellegrin: fra loro, Paolo Luciani, Marco Donno, (Lega), Valentina Dalla Cort (Fratelli d’Italia), Sebastiano Marotto e Luca Padovan (Belluno al centro).
I cinque hanno presentato proposte e idee, all’interno di una conferenza stampa nella sede
dell’Ascolteria: «Le politiche giovanili rappresentano una parte importante del nostro programma – ha spiegato Luciani – e, negli ultimi anni, non sono state adeguatamente supportate. Belluno deve tornare a essere una città a misura di tutti, anche dei ragazzi».
Valentina Dalla Cort punta sulla Consulta giovanile: «Perché è in grado di rispondere alle esigenze di chi ha 28, 29 anni, come di chi ne ha 16. In più è l’organismo idoneo per gestire la sfera delle risorse. E sarebbe capitanato da uno specifico assessore».
Il ventunenne Marco Donno lancia poi il progetto di una nuova applicazione: «La app avrebbe lo scopo di incanalare proposte e aiutare studenti e lavoratori sulle questioni più varie. Dagli orari della biblioteca, alle prenotazioni per un posto in aula studio, passando per le informazioni su eventi, concerti e manifestazioni. La stessa app, inoltre, fungerebbe da canale diretto con l’amministrazione».
A proposito di eventi, Luca Padovan non ha alcun dubbio: «Alla città serve nuova linfa. E può arrivare attraverso la riproposizione di una stagione di appuntamenti e iniziative, di un calendario continuativo che possa ridare slancio al capoluogo. Anche sfruttando il marketing online, i social e la partnership pubblico-privato».
Senza considerare lo sport: «Vogliamo che Belluno si configuri come cittadella sportiva – conclude Sebastiano Marotto -. Un obiettivo raggiungibile con la riqualificazione delle strutture, da rendere efficienti sotto il profilo energetico. E ampliando il ventaglio di proposte e attività che possano avere una durata limitata nel tempo, ma fungano da stimolo per sperimentare discipline mai sviluppate a Belluno»

Share
- Advertisment -

Popolari

Tutto quello che c’è da sapere sul Nevegal * di Jacopo Massaro

"Circa 20 giorni fa abbiamo ufficialmente portato a casa 300.000 euro da parte della Regione per lo sviluppo del Nevegal". Ne dà notizia Jacopo Massaro...

La Leggenda di Bassano, prima tappa

Dopo il ritrovo per le verifiche in Villa Ca’ Cornaro di questa mattina e un veloce brunch ad anticipare il saluto del presidente del...

Il sindaco di Belluno De Pellegrin ha consegnato copia della Costituzione ai neo diciottenni alla Sagra del Campanot

Ieri sera, giovedì 23 giugno, il sindaco Oscar De Pellegrin ha accolto l'invito della Pro Loco Pieve Castionese, impegnata nella sagra del Campanot. Come da...

Detenzione e spaccio di stupefacenti. Un ventenne agli arresti domiciliari

La sera di mercoledì 22 giugno, la Squadra Mobile e le Volanti della Questura di Belluno hanno arrestato un giovane per detenzione di stupefacenti...
Share