13.9 C
Belluno
sabato, Giugno 25, 2022
Home Cronaca/Politica Oscar De Pellegrin: "Asse pubblico-privato per portare l’Università a Belluno: così possiamo...

Oscar De Pellegrin: “Asse pubblico-privato per portare l’Università a Belluno: così possiamo trattenere i nostri giovani”

Oscar De Pellegrin, candidato sindaco di Belluno amministrative 2022

«Portare l’Università a Belluno attraverso un asse strategico pubblico-privato». Non è solo un’idea o un obiettivo: è un progetto vero e proprio. E a promuoverlo è il candidato sindaco Oscar De Pellegrin con la sua coalizione.

Il faro delle liste civiche “Belluno al centro” e “Noi con Oscar” è intervenuto questa mattina a Gresal di Sedico, nella sede di Unidolomiti: ramo del Centro Consorzi. E con lui, la professoressa Francesca Ferrazza (coordinatrice didattica), l’avvocato Luca Dalle Mule, il professor Marco Dal Pont e il professor Daniele Trabucco. Non sono mancati poi gli interventi di Francesca Jacobellis (insegnante), Franco Roccon (amministratore di lungo corso) e Paolo Luciani (segretario della Lega per la sezione di Belluno).

«La grande risorsa del territorio sono i giovani – ha affermato De Pellegrin -; vale per il futuro, ma anche per il presente. Adoro parlare con le ragazze e i ragazzi, capire le motivazioni che li spingono a prendere determinate scelte in vista del domani. Non a caso, mi piacerebbe fossero partecipi dei progetti che li coinvolgono in maniera diretta».

Il territorio e l’università, una storia tutta da scrivere: «Belluno è capoluogo di provincia e dovrà esserlo pure delle Dolomiti. Come? Aprendosi all’esterno e facendo rete. Portare qui un polo universitario significa dare l’occasione ai giovani di studiare a Belluno, valorizzando allo stesso tempo Feltre. Significa, in altre parole, ripopolare il centro, il territorio in generale e permettere alla città di vivere e sbocciare attraverso attività didattiche, ricreative e sociali. Già un primo esempio di rilievo è dato dalla Luiss: ora dobbiamo agire per portare qui altri indirizzi di studio».

La condivisione pubblico-privato sarà fondamentale: «In questo senso – ha proseguito De Pellegrin – saremmo apertissimi a sfruttare canali già aperti da persone di competenza e professionalità, come quelle che lavorano nel settore “Università e Alta formazione” del Centro Consorzi».

Intrecciare e rafforzare una rete significa, inoltre, sviluppare collegamenti più veloci: «Soprattutto con realtà universitarie come Padova, Venezia e Trento. Per questo è necessario portare a termine l’elettrificazione ferroviaria». L’istruzione è un caposaldo di imprescindibile importanza in ottica di sviluppo del capoluogo: «Avere una città in grado di trattenere e addirittura di attrarre i giovani può incidere anche in termini di qualità della vita, nell’innovazione orientata a creare nuovi posti di lavoro. E alimenterebbe l’economia cittadina».

Share
- Advertisment -

Popolari

Tutto quello che c’è da sapere sul Nevegal * di Jacopo Massaro

"Circa 20 giorni fa abbiamo ufficialmente portato a casa 300.000 euro da parte della Regione per lo sviluppo del Nevegal". Ne dà notizia Jacopo Massaro...

La Leggenda di Bassano, prima tappa

Dopo il ritrovo per le verifiche in Villa Ca’ Cornaro di questa mattina e un veloce brunch ad anticipare il saluto del presidente del...

Il sindaco di Belluno De Pellegrin ha consegnato copia della Costituzione ai neo diciottenni alla Sagra del Campanot

Ieri sera, giovedì 23 giugno, il sindaco Oscar De Pellegrin ha accolto l'invito della Pro Loco Pieve Castionese, impegnata nella sagra del Campanot. Come da...

Detenzione e spaccio di stupefacenti. Un ventenne agli arresti domiciliari

La sera di mercoledì 22 giugno, la Squadra Mobile e le Volanti della Questura di Belluno hanno arrestato un giovane per detenzione di stupefacenti...
Share