13.9 C
Belluno
giovedì, Luglio 18, 2024
HomeLavoro, Economia, TurismoTutti i vantaggi dei chiusini stradali in materiale composito

Tutti i vantaggi dei chiusini stradali in materiale composito

Tra le norme che regolamentano i dispositivi di coronamento e di chiusura dei pozzetti stradali è emersa la nuova versione della UNI EN 124-1 che è stata pubblicata nel 2015 ed entrata ufficialmente in vigore nel 2017. Questa norma è stata voluta per colmare le lacune della precedente norma UNI EN 124 e difatti, ha introdotto i nuovi materiali che, nel tempo, si sono fatti strada sul mercato e che sono diventati estremamente popolari per versatilità, leggerezza e sostenibilità. In questa normativa rientrano i materiali innovativi con i quali viene oggi prodotto un elemento essenziale per la chiusura dei pozzetti stradali, ovvero il chiusino.

Il nuovo chiusino eco-compatibile

Questo era tradizionalmente prodotto quasi esclusivamente in ghisa, mentre oggi le innovazioni del mercato hanno permesso di alleggerirne e ottimizzarne le funzionalità attraverso l’introduzione dei materiali compositi. Gli speciali materiali con cui viene prodotto l’innovativo chiusino stradale risultano conferire estrema solidità e resistenza pur garantendo il massimo della leggerezza.

Difatti è stato dimostrato come il peso di un chiusino in materiale composito sia inferiore del 70% rispetto ad altri chiusini tradizionali. Si tratta di un vantaggio non indifferente se consideriamo che il peso ridotto consente di risparmiare costi per manodopera e trasporto sia per le fasi di installazione che per i successivi interventi di manutenzione.

I vantaggi dei materiali compositi

Il peso ridotto permette una notevole diminuzione dei costi di trasporto e, quindi, anche un notevole risparmio ambientale in materia di emissioni di combustibili fossili nell’ambiente. Per questo è sempre più richiesto considerando che il chiusino in materiale composito limita la dispersione di CO2 durante l’intero ciclo di vita e produce vantaggi economici e ambientali di un certo rilievo.

Il punto è che questi nuovi chiusini sono in grado di limitare danni ambientali e costi economici per tutto il loro ciclo di vita al massimo grado di versatilità. Possono essere utilizzati per tutte le finalità di chiusura dei pozzetti stradali ed in qualsiasi area di transito. I materiali plastici compositi permettono anche di ridurre l’inquinamento ambientale attutendo la rumorosità al passaggio di veicoli e pedoni mentre proteggono le persone da dispersioni di tensione pericolose in quanto non sono conduttori di elettricità.

Perché sono vantaggiosi?

Infine sono considerati estremamente vantaggiosi perché disincentivano i furti ed i vandalismi e sono altamente personalizzabili per forma, colore e logo. Tutti questi vantaggi si aggiungono alla durevolezza nel tempo che allunga il ciclo di vita del prodotto, riduce l’esigenza di manutenzione e semplifica enormemente il lavoro degli addetti alla sostituzione.

In altre parole i materiali compositi a base plastica, al di la di quanto si potrebbe pensare, sono al 100% sostenibili. La presenza di plastica non ha nulla a che vedere con quella di largo consumo che viene impiegata per involucri a brevissimo ciclo di vita. I chiusini di questo tipo durano una vita e, quindi, richiedono minori sostituzioni e comportano minori esigenze di smaltimento.

- Advertisment -

Popolari