13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 30, 2022
Home Prima Pagina Visita nelle scuole superiori della consigliera provinciale Da Rold: «Raccolte le esigenze dei...

Visita nelle scuole superiori della consigliera provinciale Da Rold: «Raccolte le esigenze dei presidi. A Pieve ragionamento per un convitto»

Lucia Da Rold

«Abbiamo scuole d’eccellenza che propongono un’offerta formativa davvero valida e rispondente alle esigenze del territorio, anche in chiave professionale e di sbocchi lavorativi. A noi il compito di valorizzarle e di offrire ai ragazzi un ampio ventaglio di possibilità di studio, non solo nei centri della Valbelluna, ma anche in montagna».

Così la consigliera provinciale delegata all’edilizia scolastica Lucia Da Rold, che ieri ha cominciato il tour negli istituti superiori di competenza della Provincia, insieme ai tecnici di Palazzo Piloni.

Nella prima giornata, i sopralluoghi hanno riguardato i plessi dell’Istituto Enrico Fermi, a partire dalle scuole di Santo Stefano di Cadore, con l’Ipsia Mobile e Arredamento (scuola professionale dedicata al comparto del mobile) e l’Istituto tecnico-economico. In tutto, circa 200 ragazzi e il numero delle iscrizioni in aumento negli ultimi anni. Poi la visita ha fatto tappa a Pieve, per la scuola degli ottici e la sede centrale dell’Istituto Fermi (con indirizzo di liceo scientifico e indirizzo tecnico-tecnologico). «Esempi di scuole d’eccellenza, con indirizzi di pregio: nella sezione marketing dell’istituto tecnico di Santo Stefano si insegnano tre lingue, tanto per fare un esempio; e l’istituto ottici è un fiore all’occhiello del territorio, collegamento diretto con l’industria simbolo del Bellunese – commenta la consigliera Da Rold -. Si tratta di scuole che danno la possibilità di formazione anche in aree che vengono considerate periferiche e in questo senso abbiamo raccolto dal dirigente dell’Istituto Fermi l’esigenza di un convitto per ospitare i ragazzi che arrivano da lontano. Già oggi la proposta formativa attira studenti da Belluno e dal Feltrino. Pensare non tanto a un convitto d’istituto, ma a un convitto d’area per il Centro Cadore potrebbe aumentare l’offerta e dare ulteriori possibilità ai ragazzi di seguire le loro inclinazioni e le loro capacità nel percorso scolastico. Il tema sarà sicuramente oggetto di approfondimento».

Nelle prossime settimane i sopralluoghi passeranno a Feltre e nell’Agordino, per poi concludersi a Cortina-San Vito e negli istituti cittadini del capoluogo.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Gran finale al Mig, Premio Mastri Gelatieri, Premio MIG Green e l’attesissima 52ma Coppa d’Oro

52ma Coppa d’Oro, vince il gusto malaga di Barbara Bettera di Rivolta d’Adda Con gli ultimi concorsi si chiude la Mig 2022 Longarone, 30 novembre...

Vino & Arte in Villa in Valbelluna, prima edizione. Sabato a Villa Miari Fulcis a Modolo

Feltre, 30/11/2022  Grazie ad un contributo della Regione Veneto e la collaborazione tra Consorzio Dolomiti Prealpi, Villa Miari Fulcis e Villa San Liberale sono in...

Infiltrazioni criminalità organizzata nel tessuto economico del Veneto

Marghera, 30 novembre 2022. Quello dell’infiltrazione della criminalità organizzata nelle Imprese del Nord Est è purtroppo uno dei fenomeni che in questi ultimi anni...

Da giovedì 8 a domenica 11 dicembre nelle piazze il “Panettone fatto per bene” di Emergency

Il dolce tipico del Natale quest’anno avrà tutto un altro sapore: da giovedì 8 a domenica 11 dicembre 2022 Emergency sarà con i suoi...
Share