13.9 C
Belluno
sabato, Luglio 2, 2022

Elogio all’eresia. Il caso di Guglielmo Marconi

La prima dichiarazione del nuovo presidente della Corte Costituzionale Amato dal suo insediamento è stata: «Il compito della giurisprudenza della Corte costituzionale, nelle materie in cui la scienza ha un peso, è di ascoltare le ragioni della scienza». In linea generale, non si può che essere d’accordo con tale affermazione d’esordio. Ma c’è un interrogativo che andrebbe posto al presidente della Corte: a quale scienza si riferisce?

Guglielmo Marconi
Antenna installata in Cornovaglia 1901

C’è un bellissimo episodio, a tal proposito, che accadde all’inizio del secolo scorso nel mondo scientifico, che rivoluzionò la fisica di allora. Ed è grazie a quell’ “eresia” se oggi possiamo comunicare a distanza senza dover ricorrere ancora ai piccioni viaggiatori.
Nel dicembre del 1901 l’allora 27enne Guglielmo Marconi (Bologna, 25 aprile 1874 – Roma, 20 luglio 1937), usa le invenzioni di Hertz, Tesla e J.C. Bose per ricevere il segnale radio nella sua prima comunicazione radio transatlantica su una distanza di 3.200 km da Poldhu (Regno Unito), al di là dell’Oceano Atlantico, a St. Johns, Terranova (Canada) proseguendo gli esperimenti iniziati a Sasso Marconi all’età di 20 anni. Marconi è convinto che le onde possano attraversare l’oceano seguendo la curvatura della Terra, benché la scienza ufficiale escludesse allora tale possibilità, dal momento che le onde elettromagnetiche si diffondono in linea retta. E pertanto, a causa della curvatura terreste, il segnale lanciato dalla Gran Bretagna non poteva essere intercettato oltre l’oceano, in Canada.

Il massimo esperto mondiale della matematica, della fisica teorica e della filosofia naturale dell’epoca, il professor Henri Poincaré, informato dell’esperimento, liquidò l’iniziativa dicendo: “Ma come si può essere così ignoranti, monsieur Marconi non lo sa che la Terra è sferica?”. Lo stesso fece Augusto Righi, professore di fisica all’Università di Bologna dove Marconi studiava: “Questo non può avere successo. Caro ragazzo, le hanno mai segnalato che la Terra è rotonda, non piatta? Signor Marconi, ma lei ha fatto l’esame di Fisica 2? Forse no. Lo faccia e poi ne riparliamo”.

Poincaré e Righi avevano ragione, secondo le conoscenze della fisica fino a quel momento. Ma né Poincaré, né Righi né Marconi sapevano che la ionosfera rifletteva le onde. Marconi, snobbato e deriso dalla scienza ufficiale, e apostrofato come terrapiattista diremmo oggi, fece ugualmente installare in Cornovaglia un grande trasmettitore della potenza di 25 Kw con un’antenna di 130 metri, costituita da sessanta fili tesi a ventaglio tra due piloni alti 49 metri e distanti fra di loro 61. Dopodiché s’imbarcò per St. John’s di Terranova con gli assistenti Kemp e Paget per andare ad intercettare il segnale radio. Il 12 dicembre 1901 dalla Gran Bretagna l’antenna lancia il segnale composto da tre punti, corrispondente alla lettera S del codice Morse, che viene intercettato dall’antenna alta 120 metri installata in Terranova, tra lo stupore generale del mondo scientifico.

Ebbene, per questo rivoluzionario metodo di trasmissione delle onde radio, a Marconi gli fu riconosciuto nel 1909 sia il brevetto che il Nobel della Fisica, insieme a Karl Ferdinand Braun, “a riconoscimento del contributo dato allo sviluppo della telegrafia senza fili”. Il mondo deve a Guglielmo Marconi l’invenzione della radio. Nell’aprile del 1912 i 705 superstiti del naufragio del Titanic saranno messi in salvo grazie alla radio. Per questo l’Inghilterra insignì Marconi del titolo di sir e l’Italia lo nominò senatore e marchese.

Roberto De Nart

Qui il fisico Emilio Del Giudice racconta con una divertente serie di battute l’episodio
https://www.youtube.com/watch?v=46iHx2ydTdw

Share
- Advertisment -

Popolari

Disturbi dell’apprendimento. A Feltre il doposcuola per ragazzi delle medie

Ancora posti disponibili per le proposte educative estive della cooperativa sociale Sumo dedicate a ragazze e ragazzi con Disturbi Specifici di Apprendimento o Bisogni...

A Feltre e Borgo Valbelluna. Laboratori gratuiti di abilità socio emotive per ragazzi

Un percorso per bambini e ragazzi dai 6 ai 13 anni Come aiutare bambini e ragazzi a essere più consapevoli delle loro emozioni? Che strategie...

Costalta di Cadore. Museo Etnografico Casa Angiul Sai. Sabato l’inaugurazione di due mostre 

Dopo l'infausta pandemia che ha obbligato l'Associazione a un rallentamento del programma di esposizioni, la stagione del 2022 si apre con la mostra tematica...

Un Mondiale e un fatturato raddoppiato. Cag Tecnologie Meccaniche di Borgo Valbelluna pronta per una nuova stagione da record

Martedì 5 luglio a Villa Alpago Novello la presentazione della moto del team speedup che gareggia nel Motomondiale classe Moto2 Borgo Valbelluna, 01 luglio 2022...
Share