13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 18, 2021
Home Scuola Stile di apprendimento: che tipo di studente di lingue sei?

Stile di apprendimento: che tipo di studente di lingue sei?

Attualmente i metodi di apprendimento sono fondamentali per l’università e ancora più importanti per studiare le lingue straniere. Ogni studente utilizza uno stile di assimilazione, Pennac sostiene chiaramente che “ogni studente suona il suo strumento”.

 

L’aula come un’orchestra

La metafora utilizzata da Pennac è chiara e semplice da comprendere, se ogni studente suona uno strumento specifico allora la classe è un’orchestra che suona la stessa sinfonia, l’eterogeneità dell’apprendimento è direttamente proporzionale alla conoscenza che ogni musicista (studente) ha dell’armonia delle note. Per ottenere risultati migliori bisogna conoscere i propri musicisti e comprendere quale strumento suonano meglio.

 

Che cos’è lo stile di apprendimento

Con questo termine si intende l’approccio con cui una persona apprende, il metodo preferito o quello più congeniale che garantisce migliori risultati nel percepire, in questo caso elaborare, immagazzinare, recuperare i dati e le informazioni inerenti alla lingua straniera.

I diversi stili di apprendimento variano a seconda delle preferenze ambientali (luce, suoni, temperatura, luoghi e tempi), possono differire a seconda delle modalità sensoriali (apprendimento uditivo, visivo, cinestetico o verbale) e anche rispetto agli stili cognitivi.

La conoscenza dei diversi stili cognitivi di apprendimento e la riflessione sulle peculiari caratteristiche personali, intese come soggettività psichica, sono elementi fondamentali che consentono a ogni studente di comprendere, non solo qual è il suo strumento preferito ma anche come suonarlo e ottenere il miglior risultato possibile.

 

Quali sono i canali sensoriali attraverso cui passa il processo l’apprendimento

Ogni individuo apprende una materia in modo diverso dagli altri, seguendo strategie e modalità che gli consentono di elaborare le informazioni e i dati, sfruttando gli stimoli sensoriali, meglio ancora: i canali sensoriali. Prendiamo ad esempio uno studente che frequenta un corso di francese online per distinguere quattro principali canali sensoriali attraverso cui passa il processo di apprendimento.

 

Canale visivo verbale

Questo è il canale sensoriale di apprendimento più utilizzato in generale, il metodo è molto semplice: tutto ciò che si apprende passa attraverso il sistema di letto – scrittura, in poche parole: leggendo s’impara. Prendere appunti, rileggerli, sistemarli e riformulare le spiegazioni, sono tutti atteggiamenti complementari a questa strategia di apprendimento.

 

Il canale visivo iconografico

Questo è il secondo gruppo di canale sensoriale dell’apprendimento definito visivo iconografico perché predilige le foto, i simboli, le immagini, i disegni, i grafici, i diagrammi e le mappe concettuali. Tutto ciò che è inerente al visual learning è uno strumento per apprendere.

 

Il canale uditivo

Il canale uditivo fa parte del terzo gruppo di canali sensoriali dell’apprendimento, è improntato solo ed esclusivamente sull’ascolto, ossia si impara principalmente assistendo a una lezione, discutendo con studenti o professori, lavorando in gruppi di studio. Anche chiedere chiarimenti e ulteriori spiegazioni agli insegnanti fa parte di questa strategia di apprendimento.

 

Il canale di apprendimento cinestetico

Questo gruppo predilige l’attività diretta, il canale di apprendimento cinestetico sfrutta la pratica per fissare bene in mente tutto ciò che può servire: facendo s’impara. Questo significa effettuare delle prove e superare test sulla lingua straniera, magari con l’ausilio di mappe concettuali e grafici.

E tu, che tipo di studente di lingue sei?

Share
- Advertisment -




Popolari

Denunciato il direttore della Ser.S.A.

7Belluno, 17 settembre 2021 - Può un direttore di una Rsa impedire la visita di un parente diretto nell’orario prestabilito, in possesso di prenotazione...

Crisi Acc. Donazzan: Dopo le rassicurazioni di Annibaletti confidiamo in una posizione coerente del Mise

Venezia, 17 settembre 2021  -  L’Assessore regionale al lavoro del Veneto, Elena Donazzan, alla luce delle odierne dichiarazioni riportate dalla stampa locale in merito alla...

ACC. Incontro al Mise del 28 settembre. Zuglian: “La Fim Cisl non lascerà che a pagare errate valutazioni o previsioni siano ancora i lavoratori”

"La Fim Cisl giudica positivamente la pronta convocazione del tavolo ACC al Mise del 28 settembre. Alla luce di alcune dichiarazioni apparse sui giornali...

Via le restrizioni del green pass a scuola, sono discriminatorie e pericolose

L’Italia è il Paese con il Green Pass più restrittivo d’Europa eppure non ci sono ancora linee guide precise su come vivere la quotidianità...
Share