13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 18, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Crisi Acc. Mauro Zulian (Fim Cisl): "Italcomp oppio dei popoli"

Crisi Acc. Mauro Zulian (Fim Cisl): “Italcomp oppio dei popoli”

ACC Wanbao“Il progetto Italcomp è stato bello finché è durato: questa è la sintesi finale fatta dalla viceministra dello Sviluppo economico, Alessandra Todde, al tavolo ministeriale di lunedì su ACC. La viceministra afferma che nel precedente esecutivo esisteva un consenso politico attorno alla creazione di un azionariato di maggioranza pubblica, anche se temporaneo, per la progettazione di un polo industriale Belluno-Chieri, convinzione politica che non appartiene al nuovo esecutivo.

Il ministro Giorgetti ha più volte sottolineato che l’unica strada percorribile è e rimane quella di una maggioranza di investitori privati. Come era prevedibile, la ricerca di un privato che andasse a sostituire il ruolo pubblico non ha avuto alcun esito: il progetto Italcomp prevedeva tempi di realizzo nel medio termine, l’equilibrio nel breve lo si otteneva solamente tenendo conto di una più ampia strategia di politica industriale orientata al mantenimento e conservazione della filiera produttiva del comparto elettrodomestico italiano. Da qui l’epilogo rovinoso: i lavoratori di Riva di Chieri non solo non hanno più un progetto di reindustrializzazione con la prospettiva di finire gli ammortizzatori a dicembre, ma hanno anche perso un anno a discutere e progettare sul nulla. Lo stabilimento di Borgo Valbelluna ridefinisce il proprio obiettivo verso la cessione del perimetro aziendale a quei terzi che possono garantire la continuità produttiva e i livelli occupazionali.

In sostanza si affida all’esito della gara d’asta promossa dal commissario Castro. Ma come Chieri, anche ACC nel frattempo ha dilapidato tempo e risorse economiche, sempre sotto osservazione e con l’approvazione del MISE, orientate alla genesi di un progetto che alla fine non ha mai avuto luce. Italcomp è stato “l’oppio dei popoli”: ha garantito per un lungo periodo una pace nelle calde piazze di Belluno e Torino.

Aver confermato la copertura economica per la realizzazione di Italcomp e poi non averla onorata ha messo lo stabilimento di Borgo Valbelluna in una situazione di cassa disastrosa. Se l’obiettivo iniziale fosse stato quello definito al tavolo ministeriale dal coordinatore della Struttura per le crisi d’impresa Luca Annibaletti, ossia strettamente connesso alla cessione a terzi tramite asta, le scelte e gli impegni economici sarebbero sicuramente stati altri ed oggi non vivremmo quella situazione di continua precarietà.

L’artico 37 per i lavoratori rappresentava una ricucitura dei rapporti con il governo, dimostrava un impegno diretto e preciso nei confronti dello stabilimento. L’aver scritto un decreto ministeriale convertito poi in legge seguito da un decreto attuativo a sua volta seguito da un decreto direttoriale per poi affermare al tavolo che si devono ancora fare delle valutazioni sulla sua applicabilità non è esattamente quello che ci aspettavamo come impegno diretto e preciso.

La Fim Cisl Belluno Treviso fa proprio lo sconcerto dei lavoratori per la deriva polemica espressa dai rappresentanti del MISE maggiormente preoccupati di esternare giustificazioni più che fornire soluzioni. Siamo qui per lavorare e trovare delle risposte alla situazione di assoluta emergenza di cui i lavoratori e solo i lavoratori mese per mese stanno subendo le immediate conseguenze”.

Mauro Zuglian – Fim Cisl Belluno Treviso

Share
- Advertisment -




Popolari

Denunciato il direttore della Ser.S.A.

7Belluno, 17 settembre 2021 - Può un direttore di una Rsa impedire la visita di un parente diretto nell’orario prestabilito, in possesso di prenotazione...

Crisi Acc. Donazzan: Dopo le rassicurazioni di Annibaletti confidiamo in una posizione coerente del Mise

Venezia, 17 settembre 2021  -  L’Assessore regionale al lavoro del Veneto, Elena Donazzan, alla luce delle odierne dichiarazioni riportate dalla stampa locale in merito alla...

ACC. Incontro al Mise del 28 settembre. Zuglian: “La Fim Cisl non lascerà che a pagare errate valutazioni o previsioni siano ancora i lavoratori”

"La Fim Cisl giudica positivamente la pronta convocazione del tavolo ACC al Mise del 28 settembre. Alla luce di alcune dichiarazioni apparse sui giornali...

Via le restrizioni del green pass a scuola, sono discriminatorie e pericolose

L’Italia è il Paese con il Green Pass più restrittivo d’Europa eppure non ci sono ancora linee guide precise su come vivere la quotidianità...
Share