13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 18, 2021
Home Cronaca/Politica Casa di riposo di Belluno. Segnalazioni dei familiari e la risposta/invito del...

Casa di riposo di Belluno. Segnalazioni dei familiari e la risposta/invito del direttore

Casa di riposo “Maria Gaggia Lante” di Cavarzano – Belluno

Belluno, 15 settembre 2021 – In questi giorni sono giunte alla nostra redazione delle segnalazioni da parte di familiari degli ospiti della Casa di riposo “Maria Gaggia Lante” di Cavarzano (Belluno), gestita dalla Ser.S.a. srl (Servizi sociali e assistenziali), la società con unico socio il Comune di Belluno. La struttura ospita 143 anziani, 155 lavoratori interni e 30 lavoratori dipendenti di altre aziende (dati ottobre 2020 dal sito ufficiale).

Le segnalazioni riguardano principalmente le condizioni generali degli anziani, l’igiene personale, gli orari e le modalità di accesso delle visite. Abbiamo pertanto interpellato il direttore generale della struttura, Paolo Piazza per avere dei chiarimenti.

“Se c’è una qualsiasi problematica – ha detto il direttore – noi siamo qui disponibili per risolverla. Invito quindi i familiari degli ospiti che vogliano segnalarci situazioni particolari a contattarci direttamente telefonando o inviando una mail (tel. 0437-273511 email: info@sersa.it). Se non fossero state trovate risposte adeguate all’interno della struttura con il personale addetto, intervengo personalmente per capire e risolvere il problema. Nella quotidiana gestione di una RSA (Residenza assistenziale per anziani) – prosegue il direttore – con ospiti non autosufficienti, capita di ricevere delle normali segnalazioni alle quali provvediamo a dare risposta.

Per quanto riguarda l’igiene personale – prosegue il direttore – facciamo uso di prodotti certificati. Le salviette, non sono quelle comuni in commercio, ma si tratta di prodotti specifici.  Per quanto riguarda gli orari e le modalità di accesso, ci atteniamo alla normativa generale. Ossia visita previo prenotazione e accesso con green pass (ottenibile a seguito vaccino o certificazione di avvenuta guarigione da covid o tampone negativo nelle ultime 48 ore). Preciso che il documento cartaceo deve avere un codice QR altrimenti non ci è possibile verificarne la validità. Sono sempre applicate, inoltre, quelle regole interne previste in tutte le Rsa ossia la mascherina, il distanziamento ecc.”.

“Rinnovo quindi il mio invito – conclude il dottor Paolo Piazza – affinché i familiari si rivolgano senza indugio, alla nostra struttura per qualsivoglia problematica”.

Share
- Advertisment -




Popolari

Denunciato il direttore della Ser.S.A.

Belluno, 17 settembre 2021 - Può un direttore di una Rsa impedire la visita di un parente diretto nell’orario prestabilito, in possesso di prenotazione...

Crisi Acc. Donazzan: Dopo le rassicurazioni di Annibaletti confidiamo in una posizione coerente del Mise

Venezia, 17 settembre 2021  -  L’Assessore regionale al lavoro del Veneto, Elena Donazzan, alla luce delle odierne dichiarazioni riportate dalla stampa locale in merito alla...

ACC. Incontro al Mise del 28 settembre. Zuglian: “La Fim Cisl non lascerà che a pagare errate valutazioni o previsioni siano ancora i lavoratori”

"La Fim Cisl giudica positivamente la pronta convocazione del tavolo ACC al Mise del 28 settembre. Alla luce di alcune dichiarazioni apparse sui giornali...

Via le restrizioni del green pass a scuola, sono discriminatorie e pericolose

L’Italia è il Paese con il Green Pass più restrittivo d’Europa eppure non ci sono ancora linee guide precise su come vivere la quotidianità...
Share