13.9 C
Belluno
sabato, Ottobre 1, 2022
Home Cronaca/Politica Rincaro materie prime, dagli eurodeputati i primi segnali di supporto. Basso (Confartigianato):...

Rincaro materie prime, dagli eurodeputati i primi segnali di supporto. Basso (Confartigianato): «Il problema va risolto, altrimenti la ripresa non sarà possibile»

Michele Basso – Direttore Confartigianato Belluno

Stanno arrivando le prime azioni a supporto di Confartigianato Belluno per porre un freno al rincaro delle materie prime. Dagli uffici di Piazzale Resistenza, qualche giorno fa, era partito il grido d’allarme – l’ennesimo – rispetto all’impennata dei prezzi, soprattutto per il materiale da costruzione, legno in primis. Una lettera scritta dalla presidente Claudia Scarzanella e indirizzata a deputati ed europarlamentari. Ora dall’Europa arrivano le prime reazioni. In particolare, una interrogazione nella Commissione parlamentare competente depositata da Rosanna Conte, eurodeputata della Lega, che chiede quali misure intende mettere in atto l’Unione Europea. E risposte di sostegno da parte di altri europarlamentari, come Herbert Dorfmann.

«Quello dei rincari delle materie per un Paese trasformatore come l’Italia sta diventando un problema particolarmente serio e pesante, come ben sanno gli artigiani, che giustamente hanno lanciato un preoccupato allarme» spiega Conte, che si è mossa anche con altri colleghi, tra cui l’eurodeputato Paolo Borchia. «Le motivazioni sono molteplici, ma credo che la principale sia dovuta al fatto che, dopo una fase di rallentamento dovuta alla pandemia, i Paesi sono ripartiti in maniera forte e decisa, pagando però più del previsto la necessità di riempire i magazzini e reperire sul mercato buona parte delle materie prime con prezzi che, a detta di vari analisti, nel giro di alcuni mesi dovrebbero, almeno si spera, tornare a livelli accettabili. È chiaro, comunque, che l’Europa non può stare assolutamente alla finestra e deve assolutamente intervenire in questa fase ed è per questo che, raccogliendo anche l’appello di Confartigianato Belluno, ho presentato un’interrogazione chiedendo alla Commissione che vengano istituite misure straordinarie e concrete contro tali aumenti e che, contemporaneamente, attui una strategia reattiva ed efficace in risposta alle mire commerciali extra Ue. Solo in questo modo l’Europa può e deve sostenere la ripresa, sia per supportare le imprese ma anche per garantire la tutela dei posti di lavoro e, nello stesso tempo, la salvaguardia dei consumatori».

«Ringraziamo gli europarlamentari che hanno risposto al nostro appello e che in questi giorni ci stanno rispondendo con un impegno concreto – commenta il direttore di Confartigianato Belluno, Michele Basso -. Il problema va risolto quanto prima, perché se l’aumento incontrollato dei prezzi proseguirà a lungo, sarà impossibile agganciare la ripresa. Le pmi aspettano da mesi la fine del Covid per ripartire e tornare alla normalità. La situazione che si sta creando sui mercati rischia davvero di far naufragare tutti gli sforzi tesi a rimettere in sesto il motore economico dell’Italia, che è fatto di piccole realtà artigiane».

Il tema del rincaro sarà messo sotto la lente anche nella prossima assemblea di Confartigianato Belluno, in programma lunedì 14 giugno. Per l’occasione parteciperanno anche gli europarlamentari Rosanna Conte e Gian Antonio Da Re.

Share
- Advertisment -

Popolari

Presentata ieri al Centro congressi Giovanni 23mo la nuova guida rossa Belluno città splendente

Ha avuto luogo ieri, venerdì 30 settembre al Centro Giovanni XXIII di Belluno, la presentazione della guida “Belluno città splendente. Storia, architettura, arte” tanto attesa dalla...

Andre Fiocco è il nuovo segretario provinciale della Cgil Funzione Pubblica. Subentra a Gianluigi Della Giacoma

Oggi, a Sedico, presso il Centro Formazione e Sicurezza, è stato eletto il nuovo Segretario Generale della Fp-CGIL di Belluno. Le delegate e i delegati...

Tornano in vigore da domani a Belluno le inutili ordinanze anti smog

Belluno, 30 settembre 2022 - Entrano in vigore da domani, sabato 1 ottobre, le due nuove ordinanze comunali “antismog” (N.358 “Misure di limitazione della...

Si apre “Uno sguardo Comune”. Progetto contro l’isolamento degli anziani di Val di Zoldo

Contrastare l’isolamento fisico e tecnologico degli anziani della Val di Zoldo: questo lo scopo del progetto “Uno sguardo Comune - Rete di collaboratori familiari...
Share