13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 7, 2021
Home Cronaca/Politica Acc Mel. Padrin: «Vietato abbassare la guardia, servono risorse immediate per salvare...

Acc Mel. Padrin: «Vietato abbassare la guardia, servono risorse immediate per salvare lo stabilimento e concretezza sul piano ItalComp»

«Le dichiarazioni di intenti sono positive, ma in questo momento serve concretezza. E serve subito. Non dimentichiamo che Acc ha bisogno immediato di liquidità, altrimenti non arriverà al piano ItalComp».

È quanto afferma il presidente della Provincia di Belluno Roberto Padrin, il giorno dopo il vertice tra Mise, sindacati, Acc ed ex Embraco.

«Un incontro che ha confermato la volontà della viceministra Todde a portare avanti il progetto del polo italiano del compressore, ma che non può più attendere i tempi che la politica ha mostrato fino a oggi. Stiamo parlando di uno stabilimento, quello di Acc, dove quasi 300 persone lavorano quotidianamente senza sapere se continueranno a ricevere lo stipendio. E questo per far fronte alle commesse e agli ordini che non mancano; significa che il mercato c’è e può continuare a esserci. Proprio per questo è necessario che arrivi la liquidità necessaria a far transitare Acc nella futura ItalComp, se questa sarà la strada, mentre credo che un eventuale messa sul mercato della fabbrica rischierebbe di essere un errore, come già visto con la proprietà cinese. Da parte della Provincia, attenzione massima alla situazione, complessa anche per un’altra realtà produttiva di Borgo Valbelluna, vale a dire Ideal Standard. Disponibili a fare tutto quello che è nelle nostre possibilità per salvaguardare due siti produttivi importanti e i relativi posti di lavoro. Ecco perché il 1° maggio parteciperemo alla manifestazione di sindacati e lavoratori, organizzata proprio per tenere alta l’attenzione sul tema».

«L’idea del polo italiano del compressore è corretta e va nella direzione giusta di dare linfa vitale a un settore, quello del freddo e degli elettrodomestici, forte nel nostro Paese» aggiunge il sindaco di Borgo Valbelluna, Stefano Cesa, con cui il presidente della Provincia è in costante contatto. «L’attenzione rimane alta: in questo momento serve un’accelerazione sul fronte della liquidità, senza la quale nel giro di poche settimane si rischia di chiudere».

Share
- Advertisment -

Popolari

Efficientamento energetico, dissesto idrogeologico e sicurezza stradale. Belluno, Zoppè e Limana assegnatari di 384.640 euro

Belluno, Zoppè di Cadore e Limana sono i tre comuni del Bellunese tra i primi assegnatari dei fondi del Bando per l'efficientamento energetico. Secondo...

Fondo per i comprensori sciistici. De Carlo: “Soddisfatti, ma il provvedimento è troppo sbilanciato verso il Trentino Alto Adige”

“Abbiamo cercato di migliorare il Fondo per la montagna previsto dal Decreto Sostegni, provando a riequilibrare la ripartizione delle risorse su tutte le regioni,...

Fitoche, un progetto per salvare la montagna veneta, gli allevamenti e le produzioni

Il presidente Floriano De Franceschi: "un'iniziativa trasversale, con partner i cinque caseifici veneti di montagna, gli allevamenti ed il mondo della ricerca universitaria" Vicenza, 7...

Nuovo punto vaccinale a Sedico con Luxottica

Belluno, 7 maggio 2021 – L’Ulss Dolomiti, Comune di Sedico e Luxottica hanno definito congiuntamente un percorso collaborativo per attivare un nuovo Centro vaccinale...
Share