13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 16, 2022
Home Lavoro, Economia, Turismo Concluso il corso internazionale per maestri gelatieri: nove i diplomati, provenienti dal...

Concluso il corso internazionale per maestri gelatieri: nove i diplomati, provenienti dal Marocco

Roberto Padrin – Presidente della Provincia e sindaco di Longarone

Padrin: «Un esperimento riuscito che porterà in giro per il mondo una delle grandi eccellenze bellunesi»

Nove nuovi maestri gelatieri del Marocco, diplomati con successo a Longarone. Si è concluso nei giorni scorsi il corso internazionale che ha visto protagonisti alcuni ragazzi marocchini. Una collaborazione Longarone Fiere-Mig-Enaip che ha creato un primo esperimento di scuola internazionale del gelato.

«Un’idea nata qualche anno fa, grazie all’amicizia con Aziz Rabbah, ministro delle risorse energetiche del Marocco, venuto a Longarone in occasione della Mig – spiega il vice presidente di Longarone Fiere, Giorgio Bosa -. In quell’occasione è rimasto talmente colpito dal gelato artigianale fatto alla maniera italiana da chiederci di organizzare una Mig anche nel Paese magrebino. Qualche mese dopo, nel 2017, siamo stati alla fiera Cremai, il principale appuntamento africano per quanto riguarda aziende e professionisti della pasticceria. E abbiamo raccolto i nominativi di persone interessate ad apprendere l’antica arte del gelato artigianale. Da lì è partito tutto e abbiamo avviato il corso».

Un percorso di formazione partito a fine febbraio 2020, che ha dovuto affrontare diverse difficoltà, non ultimo il Covid. I corsisi arrivati a Longarone hanno dovuto conseguire prima di tutto un certificato di conoscenza della lingua italiana (livello A2). Poi hanno seguito le lezioni tecnico-pratiche all’Enaip, con esperti e maestri della gelateria artigianale. In totale, sono stati quasi dieci i mesi di corso. E mercoledì scorso sono stati consegnati i diplomi.
«Si è trattato del primo corso – spiega Bosa -. L’esperimento è riuscito e ci sono già altre nazioni che hanno chiesto di partecipare. Da parte nostra, stiamo lavorando per far decollare questa nuova iniziativa, nell’ottica di superare il cambio generazionale nel settore del gelato artigianale».

«Credo sia qualcosa di veramente eccezionale aver portato un know-how bellunese, fortemente identificativo della nostra provincia come è il gelato artigianale, fuori dai confini italiani ed europei – commenta il presidente della Provincia, Roberto Padrin -. Un esperimento riuscito che ci consentirà di proseguire su questa strada, per esportare un prodotto tipico delle nostre valli. E formare i maestri gelatieri da noi significa farli ambasciatori della provincia di Belluno in tutto il mondo. Ringrazio la Fiera e l’amico Zaidi Allal, il nostro contatto con il governo marocchino, che ci ha aiutato a concretizzare il progetto».

Share
- Advertisment -



Popolari

Campionati italiani Giovani di sci di fondo. Due ori al Comitato Veneto e due alle Alpi Occidentali

Comelico Superiore (Belluno), 16 gennaio 2022 – Si è svolta ieri, sabato 15 gennaio, a Padola di Comelico Superiore (Belluno) la prima delle due...

Piemonte e Valle d’Aosta protagonisti alla prima giornata della Coppa Italia di Biathlon in Val di Zoldo

Val di Zoldo (Belluno), 16 gennaio 2022 – Si è svolta ieri, sabato 15 gennaio, la prima delle due giornate della Coppa Italia Fiocchi...

Seconda giornata di International Motor Days a Cortina

Rombo di motori in tutta la valle per la seconda giornata di International Motor Days - Cortina Winter Edition, che si svolge a Cortina...

No greenpass 24 Belluno. Tachipirina e vigile attesa cadono dinanzi al Tar del Lazio

Belluno, 15 gennaio 2022 - Oggi pomeriggio al Parco "Città di Bologna" di Belluno si è tenuta la 24ma manifestazione nogreenpass, con una discreta...
Share