13.9 C
Belluno
mercoledì, Aprile 14, 2021
Home Cronaca/Politica Scusateci. Lettera aperta del senatore De Carlo ai giovani

Scusateci. Lettera aperta del senatore De Carlo ai giovani

“Cari ragazzi,

in quest’ultimo anno, su di voi si sono dette tante, troppe cose: che non sapete rispettare le regole; che non potete andare a scuola perché è lì che scoppierebbero i contagi, e perché poi quando uscite non sapete stare lontani; che, in fondo, starvene a casa vi piace; che i veri problemi sono quelli della gente che lavora, anzi: che ora non lavora quasi più.
Nessuno, però, vi ha detto la parola più importante: scusateci.

Scusateci, perché noi la nostra giovinezza l’abbiamo vissuta uscendo con i compagni di scuola, giocando a calcio con gli amici, mangiando tutti insieme la pizza il sabato sera, e forse qualcuno non si ricorda più quanto fossero speciali quei momenti.
Scusateci, perché da un anno siete chiusi in casa senza guardarvi veramente negli occhi con i vostri compagni di classe, senza poter chiedere in privato un aiuto o un consiglio ai vostri insegnanti, e qualcuno pensa che questo sia un mondo bellissimo per la “generazione social”.
Scusateci, perché le vostre mamme e i vostri papà stanno vivendo un periodo difficilissimo al lavoro, se lo hanno ancora, e le vostre case si stanno riempiendo di preoccupazioni e frustrazioni, e voi siete gli ultimi a cui si pensa.
Scusateci, perché questa pandemia ci ha reso più cattivi, altro che migliori; oggi se qualcuno vi vede in due o tre che chiacchierate con le mascherine in un parco vi manda i vigili per punirvi, invece che pensare che c’è chi ancora vuole vivere la socialità, pur in questa nuova normalità che viviamo.
Scusateci, perché vivete ingabbiati nelle vostre stanze, senza abitudini e certezze, e la rabbia e il senso di solitudine crescono, e trovare qualcuno che vi capisca alla vostra età è difficile: secondo uno studio realizzato dall’Istituto Piepoli, 8 persone su 10 si sentono stressate e il “sovraccarico emotivo” colpisce gli adolescenti tra i 12 e i 17 anni.
Scusateci, perché ci lamentiamo che vivete sempre con i telefonini in mano, ma adesso che viviamo tra DAD e smart working ci accorgiamo che gli investimenti sulle infrastrutture di rete sono stati insufficienti e inefficaci, mentre per garantire a tutta la famiglia di lavorare e studiare i vostri genitori sono dovuti correre a comprare computer e tablet per tutti.
Scusateci, perché vi hanno costretti a studiare a casa e magari avete un fratellino più piccolo che con l’asilo o il nido chiuso vuole giocare con voi, così piange e urla perché non gli date retta e voi non riuscite a seguire la lezione.
Scusateci, perché lo sport per voi è una valvola di sfogo, è l’occasione per esprimervi al meglio, per fare nuove amicizie, e vi sono state chiuse le palestre, i palazzetti, le piscine, e anche in bicicletta non potete allontanarvi troppo da casa.
Scusateci, perché i vostri esami di maturità non avranno mai una “Notte prima degli esami” come quella che cantano i vostri genitori o i vostri fratelli più grandi.
Scusateci, perché vi è stato rubato un anno di vita, della VOSTRA vita.

Anzi. Scusateli. Perché non siamo tutti così: c’è chi vi conosce e vi capisce, e ha provato a difendervi, a far capire che non si possono dimenticare milioni di ragazzi, milioni di storie diverse con in comune il bisogno e la voglia di crescere, di crescere insieme.
Non ci hanno ascoltato, ma voglio che ricordiate che la vostra vita non sarà sempre tutta così, una solitudine filtrata da una telecamera e da uno schermo di un computer.

Non vi dico “andrà tutto bene”: ormai siete grandi, e il “vissero insieme felici e contenti” sapete che funziona sempre nelle favole e poco nel mondo reale.
Voglio però dirvi che non siete soli. Tra non molto potremo tornare ad abbracciare i nostri amici, a fare sport, a passeggiare in compagnia: è questo l’obbiettivo, il pensiero fisso che dobbiamo avere tutti nell’avviarci verso l’uscita di questo lunghissimo tunnel.

Luca De Carlo
Senatore Fratelli d’Italia”

Share
- Advertisment -

Popolari

Il saluto del presidente della Provincia ai prefetti Savastano, Bracco e De Rogatis

«Salutiamo e ringraziamo il prefetto Sergio Bracco, per l’impegno profuso nel nostro territorio. Nonostante il breve periodo trascorso a Belluno, abbiamo potuto apprezzare le...

ACC. Ostanel: “Sono al fianco dei lavoratori, per il bene di tutto il Bellunese e nel silenzio delle istituzioni regionali”

"Oggi ho incontrato i lavoratori della ACC che da lunedì, senza interrompere la produzione, sono in presidio davanti alla Prefettura. Hanno rivolto alla politica...

Giovedì 15 aprile evento online di Dolomiti Hub. Protagonista Tib Teatro con il progetto Casa delle Arti di Belluno

Per il mese di aprile Dolomiti Hub, lo spazio di innovazione sociale di Fonzaso, ha in programma un denso palinsesto di appuntamenti online. Dopo...

Mariano Savastano è il nuovo prefetto di Belluno. D’Incà: “Grazie a Sergio Bracco per il lavoro svolto”

"Il dottor Mariano Savastano sarà il nuovo Prefetto di Belluno. A lui rivolgo i migliori auguri di buon lavoro e di una proficua collaborazione...
Share