13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 19, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Settore moda penalizzato. Marisa Zabot (presidente mestiere abbigliamento): «Produzione a rilento per consentire...

Settore moda penalizzato. Marisa Zabot (presidente mestiere abbigliamento): «Produzione a rilento per consentire alle lavoratrici di seguire la Dad dei figli»

Sono pochissimi i settori dell’artigianato che non risentano della “zona rossa” e degli effetti delle nuove restrizioni anti-Covid. Tra i più penalizzati c’è la moda, tradizionalmente a traino femminile. E proprio le donne rientrano nella categoria di lavoratori in difficoltà per la chiusura delle scuole.

«Non tutti hanno la possibilità di avere i nonni a portata di mano. E chi resta a casa a seguire i figli piccoli alle prese con la didattica a distanza?» si chiede Marisa Zabot, titolare di Otto B srl e presidente del mestiere abbigliamento di Confartigianato Belluno. «Ovviamente le donne. Per le mamme-lavoratrici è un problema non da poco. E di riflesso diventa un problema anche per le imprese. Da parte nostra stiamo cercando in tutti i modi di dare una mano, per agevolare la conciliazione tra lavoro e impegno a casa. Ma la situazione è estremamente complessa».

Non sono poche le donne impiegate nel settore, che in Veneto conta circa 6mila imprese artigiane: quasi 14mila lavoratrici, il 75% dell’intera forza lavoro delle aziende della filiera moda e abbigliamento. «A Belluno i numeri sono in proporzione, ma ci sono anche aziende dove la componente femminile supera di gran lunga il 75% – continua Zabot -. Nella mia, ad esempio, ho 15 dipendenti, tutte donne. E la didattica a distanza sta mettendo in seria difficoltà l’intero processo produttivo, proprio perché alcune hanno figli piccoli e non possono lasciarli a casa da soli. Al momento sopperiamo con un rallentamento della produzione e recupereremo non appena sarà possibile, consapevoli che la priorità è la salute collettiva».

La presidente Zabot analizza anche il momento sul fronte lavorativo: «Tutti registrano difficoltà, legate soprattutto alla chiusura del commercio al dettaglio e alla concorrenza agguerrita delle vendite online. Si salva chi ha la possibilità di lavorare come terzista per grandi gruppi, attivi soprattutto sul mercato internazionale, dove ricominciano a pedalare i Paesi che hanno spinto forte su campagne vaccinali di massa. Speriamo si esca presto da questa situazione. Quello che vogliamo è poter lavorare e tornare alla normalità».

Share
- Advertisment -

Popolari

Campagna vaccinale Ulss Dolomiti: vaccinati il 92% degli ultraottantenni in Provincia

Belluno, 19 aprile 2021 - Si è conclusa nel pomeriggio l'ultima giornata di accesso libero per gli over 80 a Tai di Cadore, con...

Sopralluogo alla frana di Valle di Cadore. Bortoluzzi: «Studiamo la situazione geologica per ipotizzare gli interventi più funzionali»

I tecnici incaricati dalla Provincia di Belluno hanno effettuato una serie di sopralluoghi a Valle di Cadore, lungo il versante sotto l'abitato di Costa...

Karrycar, il primo servizio on line per il trasporto auto in tutta Italia realizzato dalla startup bellunese Droop srl.

Belluno, 19 aprile 2021 - Spedire o ritirare un’auto da un punto all’altro dell’Italia non è mai stato così facile, veloce e conveniente. E’...

Superbonus 110%. Veneto in testa per numero di pratiche

Secondo i dati ENEA, nel Nordest, i crediti ceduti sono pari a 128 milioni di euro e il Veneto con 853 interventi asseverati è...
Share