13.9 C
Belluno
sabato, Febbraio 27, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Lavoratori dello spettacolo: stanziati dalla Regione quasi 2 milioni e mezzo per...

Lavoratori dello spettacolo: stanziati dalla Regione quasi 2 milioni e mezzo per indennità integrativa

Elena Donazzan assessore regionale all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro

Venezia, 19 febbraio 2021 La giunta regionale su proposta dell’assessore al lavoro Elena Donazzan ha deliberato la destinazione di ulteriori fondi per la reiterazione della misura di sostegno regionale integrativa delle indennità previste a livello nazionale a sostegno di lavoratori dello spettacolo, nonché per l’estensione dell’intervento ad una nuova platea di lavoratori.

“La cultura è economia, e nel tempo abbiamo investito in formazione, ritenendo questo ambito del lavoro del Veneto una realtà di altissima qualità professionale, caratterizzata da molteplici imprese operanti nell’ambito della creatività – afferma Elena Donazzan. – Questa indennità è un segnale della presenza e della vicinanza della Regione, affinché i professionisti non disperdano le proprie competenze e si sentano riconosciuti quali generatori di buona economia”.

Il provvedimento prevede di stanziare ulteriori euro 2.450.000,00 ad integrazione delle risorse già stanziate con deliberazioni di luglio e settembre 2020, al fine di finanziare il rinnovo della misura di sostegno regionale integrativa delle indennità previste a livello nazionale per i lavoratori dello spettacolo per i lavoratori già rientranti nei precedenti interventi nazionali e regionali nonché per estendere la medesima misura anche i lavoratori iscritti al “Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo” che hanno presentato per la prima volta domanda all’INPS entro il 30 novembre 2020. La cifra complessiva destinata a favore di queste categorie, compresa l’estensione alla nuova platea, ammonta a 3.650.000 euro.

Cristiano Corazzari, assessore regionale

“Il Covid-19, ormai lo abbiamo compreso e toccato con mano – ha aggiunto l’assessore regionale alla Cultura Cristiano Corazzari – ha creato lavoratori di serie A e lavoratori di serie B: c’è chi, infatti, è riuscito comunque a continuare la propria attività anche con le restrizioni e chi, invece, purtroppo, come è successo ai cittadini appartenenti al mondo della cultura e dello spettacolo che, sono stati costretti a fermarsi”.

“Alle tante parole, che siamo soliti udire – ha continuato Corazzari – la Regione Veneto ha preferito i fatti, dando un segnale concreto e immediato per questi lavoratori e le loro famiglie, che sappiamo essere stati penalizzati gravemente e a lungo a causa di questa pandemia mondiale”.

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Contrattazione sociale in provincia di Belluno: le Linee Guida per il 2021 di Cgil-Cisl-Uil

Lotta alla povertà e alla disuguaglianza sociale, politiche concrete in favore di anziani e giovani, nuove infrastrutture sanitarie per combattere la diffusione del Covid-19....

Nominati da Zaia i nuovi direttori generali della sanità veneta

Venezia, 26 febbraio 2021 - Il presidente della Regione, Luca Zaia, ha nominato oggi i nuovi direttori generali delle nove Ullss, delle due Aziende ospedaliere...

Lupo avvistato nella zona dell’Oltrerai di Ponte nelle Alpi. De Bon: «Nessun rischio per l’uomo. Ma gli animali domestici vanno custoditi adeguatamente»

I tecnici della Provincia e il consigliere delegato Franco De Bon hanno incontrato questa mattina il sindaco di Ponte nelle Alpi, per analizzare la...

Maria Grazia Carraro è il nuovo direttore generale della Ulss 1 Dolomiti

Maria Grazia Carraro, laureata in Medicina e Chirurgia all'Università di Padova, con Specializzazione in Igiene e medicina preventiva, è il nuovo direttore generale della...
Share