13.9 C
Belluno
giovedì, Febbraio 25, 2021
Home Cronaca/Politica "Immobilismo" della Provincia, Padrin risponde al senatore Saviane: «Abbiamo varato una manovra...

“Immobilismo” della Provincia, Padrin risponde al senatore Saviane: «Abbiamo varato una manovra da quasi 10 milioni di euro»

Roberto Padrin – Presidente della Provincia

«La Provincia non alza la voce perché preferisce lavorare quotidianamente sul territorio e per il territorio».

È la risposta del presidente Roberto Padrin all’intervento del senatore leghista Paolo Saviane, che attraverso una nota stampa aveva accusato il governo di immobilismo nei confronti della montagna, tirando in ballo anche Palazzo Piloni.

«Ringrazio il senatore Saviane, perché il suo intervento ci dà l’occasione per ritornare su tutte le iniziative varate recentemente dalla Provincia, grazie al grande supporto di tutto il consiglio provinciale, a favore del territorio e della ripartenza post-Covid» afferma il presidente Padrin.

«La Provincia non si è fermata a lamentare la situazione drammatica che sta vivendo il territorio, su cui oltre alle conseguenze della pandemia stanno gravando le emergenze maltempo – ultima quella di inizio anno, che ha colpito soprattutto Comelico, Alto Cadore e Alto Agordino. Complessivamente, tra cofinanziamento provinciale e utilizzo d’area vasta del Fondo Comuni confinanti, abbiamo varato un pacchetto da oltre 10 milioni di euro. Con 500mila euro a sostegno degli impianti di risalita individuati come motore del turismo invernale. Con 1 milione di euro per due progetti di Dolomitibus. Con un cofinanziamento da quasi 500mila euro all’Ulss per lo sviluppo della telemedicina. Con 3 milioni di euro complessivi per dotare le scuole di spazi idonei e infrastrutture digitali. E con altre progettualità. Certo, avremmo potuto fare di più, se avessimo le risorse che servono al nostro territorio, sia economiche che umane. Proprio per questo abbiamo portato la questione all’attenzione del ministro D’Incà, in un recente incontro a Roma. Spiace constatare che il lavoro per il territorio venga connotato politicamente, anche quando i problemi e le criticità da risolvere richiederebbero un gioco di squadra che non bada al colore della casacca.

Anzi, colgo proprio l’occasione per chiedere al senatore Saviane un aiuto, dalle stanze romane, per il territorio in cui è stato eletto. Lancio l’invito: lavoriamo insieme, per il Bellunese e per tutti i bellunesi, nessuno escluso».

Share
- Advertisment -

Popolari

L’Ulss 1 Dolomiti acquista attrezzature per oltre 1 milione di euro

Sono state acquisite, tramite le procedure previste dal Decreto Rilancio, altre attrezzature sanitarie utili, tra cui una nuova TAC per l’ospedale di Belluno, che...

Furto in abitazione a Feltre

Feltre, 24 febbraio 2021 - Nella tarda mattinata di oggi, i carabinieri della Stazione di Feltre sono intervenuti in un'abitazione di via Farra a...

Rinnovo cariche all’Ebav. Alessandro Conte (Cna Veneto) alla presidenza. Giannino Rizzo (Uil) vice presidente. Nel consiglio Rudy Roffarè (Cisl Veneto)

Venezia 24 febbraio 2021 – L'assemblea EBAV riunitasi martedì 23 febbraio, ha rinnovato il Consiglio di Amministrazione dell'Ente Bilaterale dell'Artigianato Veneto e ha nominato...

Scuola. L’assessore regionale Donazzan scrive al ministro Bianchi: investire su organici. 3mila docenti licenziati perché in possesso del vecchio diploma magistrale

Venezia, 24 febbraio 2021   “Ho colto con favore l’invito del Ministro Bianchi ad avviare una positiva interlocuzione con i territori a partire dal raccogliere...
Share