13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 30, 2022
Home Arte, Cultura, Spettacoli In libreria. Il delitto di Busto Arsizio, la raccapricciante storia di Silvia...

In libreria. Il delitto di Busto Arsizio, la raccapricciante storia di Silvia Da Pont, 21enne di Cesiomaggiore fatta morire nel 1951 da Carlo Candiani

Il delitto di Busto Arsizio, l’ultimo libro di Roberto De Nart, in libreria per Natale, è una storia realmente accaduta. Fu un caso che fece molto scalpore negli anni ’50 quando accadde. Se ne occuparono anche i grandi giornali come il Corriere d’Informazione (poi Corriere della Sera) e La Stampa che seguirono tutte le fasi processuali fino alla Cassazione. E anche i periodici come Tempo, Oggi, La settimana illustrata, dedicarono ampi servizi alla tragica e raccapricciante fine di Silvia Da Pont, la ragazza di 21 anni di Cesiomaggiore trovata morta il 28 ottobre 1951 a Busto Arsizio, nella cantina della villetta in via Galilei n.3 dove lavorava come domestica. Di questa povera ragazza conosciamo i dettagli dalla testimonianza resa dai suoi familiari, il padre Antonio Da Pont boscaiolo di Cesiomaggiore, la madre Adelina Bortolas domestica e poi casalinga, e la sorella maggiore Maria, babysitter a Zurigo. Fu Maria a dare impulso alle indagini poi condotte dal capitano Mongelli, comandante dei carabinieri di Busto Arsizio, che porteranno alla sbarra il cavalier Carlo Candiani, 70enne, due volte vedovo, ex commerciante di macchine per cotonifici, appassionato di farmacologia ed erboristeria che abitava nella stessa villetta di sua proprietà. Dino Buzzati scriverà che il Candiani l’ha “tenuta nascosta, come una sorta di bambola vivente tutta per sé per oltre un mese e mezzo alimentandola solo con qualche cucchiaino di vino e latte”. L’Orco di Busto Arsizio come venne chiamato dai giornali il Candiani, firmerà la confessione, poi ritratterà, sarà condannato a 25 anni in Assise, poi ridotti a 14 in Appello e a 13 in Cassazione, e morirà nel carcere di Parma nel 1957. L’omicida dunque è il signore della porta accanto, un uomo distinto, ritenuto perbene, che per salvare la propria reputazione deciderà di lasciar morire la ragazza che avrebbe potuto avere salva la vita.

Il libro è disponibile in formato tradizionale cartaceo e in formato elettronico eBook su Amazon.

Share
- Advertisment -

Popolari

Bando regionale per la parità ed equilibrio di genere. Donazzan: “10 milioni per sostenere una cultura più inclusiva”

I progetti potranno essere presentati entro il 31 gennaio 2023 dagli enti accreditati “Anche in Veneto, nonostante i livelli di occupazione femminile più alti...

Belluno, saldo Imu 2022 entro il 16 dicembre. Invariate aliquote e detrazioni

Scade venerdì 16 dicembre 2022 il termine per il pagamento del saldo IMU 2022. La legge 234/2021 (legge di Bilancio 2022) prevede alcune agevolazioni per...

L’assessore regionale Lanzarin interverrà oggi alla Conferenza dei sindaci

Belluno, 30 novembre 2022 - Incontro sulla sanità con la Regione, oggi pomeriggio a Belluno in Sala Bianchi. La riunione della conferenza dei sindaci...

Laurea infermieristica a Feltre. Avviato l’anno accademico

Feltre, 30 novembre 2022 - Ieri è stato dato avvio ufficialmente al nuovo Anno Accademico nella sede di Feltre dell' Università degli Studi di...
Share