13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 25, 2020
Home Cronaca/Politica Crac Banche. Per i truffati è in pista l’elemosina di stato

Crac Banche. Per i truffati è in pista l’elemosina di stato

Meno 88% rispetto alla promessa di Di Maio, perfino sotto del 3% di quanto liquidato nel 2017 dalle due banche venete.  Le deleghe alle banche del Sottosegretario Villarosa: mai esistite.

Proprio una settimana fa, a Curtarolo (Padova) il trio grillino composto da un Ministro, Sottosegretario di Stato e Presidente di Commissione al secolo F. D’Inca, A. Vianello e D: Pesce seduti fianco a fianco di Patrizio Miatello – Associazione Ezzelino III da Onara – assistito dai due consulenti, Prof. Avv.to R. Bettiol e dott. L. Mazzon, hanno dato vita ad un incontro con poche decine di truffati per “festeggiare” l’avvio delle procedure di pagamento del rimborso del danno patito a seguito del crac bancario successo tre anni or sono. Va subito precisato, che pudicamente tutti discorrevano di un ristoro del 40% del 30% (criterio fissato una prima volta a settembre 2018), dimostrando di voler ignorare la tabellina del numero 4 che moltiplicato per 3 volte da 12.

In effetti, il risarcimento effettivo è (sarà, se e quando ciò avverrà) del 12% vale a dire la carità data ai poveri assistiti dai servizi sociali. Insomma, un risultato disonorevole “portato a casa” soprattutto da chi nella lunga campagna elettorale di fine 2017- primavera 2018 si dimenava nelle piazze e nelle tv chiedendo a nome e per conto del “popolo dei truffati” il 100%. Costoro, capi, capetti e gran parte della base sociale vociante e reclamante, ingrossarono le fila votante 5 Stelle e Lega. La cronaca narra che il più lesto nel cogliere le grida di dolore, fu il giovane astro nascente del firmamento della politica italiana, On.le Luigi Di Maio. Egli come s’addice a tutti i leader, specie se capipopolo, con la consueta sicumera all’epoca sentenziò “qualsiasi cifra sotto il 100% è da non accettare, perché è un’elemosina “. Detto e fatto dallo stesso Ministro degli Esteri due anni dopo, la mancia governativa è stata scodellata come le salsicce con la polenta.

Ad onor del vero a dargli una robusta mano, sono state quasi tutte le associazioni dei truffati nella loro triplice declinazione: quelle di derivazione nazionale riconosciute dal Ministero, quelle architettate dagli stessi legali che patrocinavano e difendono i derubati dalle banche in sede penale e/o civile, più quelle sorte spontaneamente dal basso tra i gabbati, tipo Ezzelino III da Onara, Don Torta, amici della BPVI e via localizzando. Un guazzabuglio di sigle e di interessi sovente in competizione ed in contrasto tra di loro, anche perché i vertici di ciascuna di queste organizzazioni, tutte peraltro validate dal duo Bitonci – Villarosa in sede ministeriale senza particolari formalità, non hanno mai voluto/saputo trovare un percorso condiviso per la causa comune. L’unico momento di quasi unanime concordia, immortalato dai selfie fatti con i sopracitati sottosegretari, è stato quando l’esecutivo 5 Stelle-Lega decurtò del 70% il risarcimento da ristorare – negli anni a venire – al dormiente popolo dei truffati. Una volta ridotto ad un miserevole 30% il rimborso del danno subito, c’è sempre modo per fare di meglio.

Tutto questo succedeva a settembre 2018. Il mese antecedente, esattamente il 6 di agosto, il Senato della Repubblica votava convintamente il differimento ad ottobre del decreto attuativo della legge approvata dal Governo Gentiloni che avrebbe potuto erogare una percentuale ben più cospicua. È noto che l’atto fu bloccato e dal veto grillino e dalla profetica affermazione di un lungimirante Andrea Arman dateci “un mese di tempo” e faremo un decreto migliore. Ad ottobre 2020, la realtà ha smentito sia i Grillini ministeriali che le visioni strategiche del Presidente del Comitato Don Torta. In quel frangente di tempo, qualche associazione più attenta a ciò che stava accadendo e vicina alle posizioni espresse dal PD, avrebbe potuto cogliere l’assist offerto da tutti i gruppi parlamentari, ma in agosto si va in ferie ed i traditi dalle banche possono aspettare.

Altra fanfaronata ripetuta varie volte nel corso di questi anni è che il 30% era il massimo concedibile e possibile da ottenere, falso. Già il provvedimento previsto dalla 205/2017 non poneva limiti nel risarcimento e se adottato i truffati i soldi li avrebbero in tasca da più di un anno, ma questo non ha interessato – come si è visto – i responsabili dei numerosi sodalizi presenti in scena. Inoltre, la Commissaria Europea Margrethe Vestager in più occasioni aveva rassicurato governanti e delegazioni in visita, che l’intensità della percentuale di aiuto verso gli azzerati – come del resto già successo in casi similari succeduti in Francia e Germania – era (è) unicamente di competenza dell’esecutivo nazionale. L’unico limite posto dalla legislazione europea in materia era (è) il divieto di corrispondere il 100% del patrimonio mobiliare evaporato. La fissazione del 30% “tombale” è stato un paletto del tutto arbitrario, tenuto presente che le risorse c’erano (ci sono) in abbondanza. Del resto, una prima ed unica volta applicata siffatta percentuale decisa dall’accoppiata Di Maio-Salvini adoperando i primi 25 milioni resisi disponibili, la nuova casta al potere è stata talmente efficiente che ne ha spesi solo 11, risparmiandone 14 a favore dello stato ed a tutto danno dei truffati che nel frattempo sono sempre intenti a tenere “duri i banchi”.

Il partito di maggioranza relativa in Parlamento, scambiato il partner di minoranza governativa ovvero fuori la Lega e dentro il PD a settembre 2019, con il cosiddetto decreto rilancio a primavera di quest’anno ha pensato bene di cogliere un ulteriore spunto brillante offerto da Patrizio Miatello-Ezzelino III da Onara, nel frattempo subentrato nelle simpatie grilline al posto di uno dei padri putativi della legge vigente il già nominato avvocato Andrea Arman ed onorevole mancato dei 5 stelle. Il bilancio statale offriva (offre ancor oggi) la necessaria disponibilità di risorse: 525 milioni non spesi nel 2019 ed altrettanti da spendere nel 2020 e 2021 per un totale di 1.575 milioni di euro, ma la domanda sorge spontanea “perché dare subito il 30% concordato due anni prima?” Meglio ritardare ancora un po’, nel frattempo “rassereniamo gli animi” diamo un piccolo segnale, del resto, un po’ di beneficenza non si nega a nessuno tantomeno ai traditi nel risparmio.  Et voilà il gioco è fatto, il governo a trazione grillina approva, la minoranza strilla ma nei 15 mesi in cui governava non era riuscita a scucire un soldo e si arriva ad inizio ottobre in quel di Curtarolo (Padova) laddove officiante la squadra di Patrizio Miatello assieme alla squadra governativa di puro conio grillino, si è celebrata la “giornata storica” ovvero “la festa d’inizio del risparmio indennizzato”.

Domanda, trattasi di inizio con il 12% in attesa del restante e tuttora mancante 18% quando e se verrà, oppure semplicemente è la fine della corsa?  Ai truffati che sopravviveranno e/o ai loro eredi l’ardua sentenza.

La sensazione avvertita è che in questa operazione, gli unici a trarre qualche vantaggio sono stati (saranno) unicamente i legali/presidenti dei comitati o qualche altro professionista ben relazionato, anche per vincoli di parentela o di vicinanza con le organizzazioni “no profit “, che – a loro volta occupandosi dell’argomento – per curare la pratica di rimborso presso il FIR domandano una percentuale variabile dal 5 al 7% oppure un corrispettivo fisso.

Circa la farraginosità delle procedure messe in campo dalla citata norma, recante – tra le altre mostruosità – il meccanismo demenziale del doppio binario, l’elargizione di ben 12,5 milioni fatta a Consap designata senza gara essendo una società “fatta in casa-in house” dal e del MEF, l’andamento lento di una Commissione che nei suoi primi 83 giorni di attività ha validato 780 domande su più di 144 mila, i commenti su questa testata datano a partire da agosto 2018 e proseguono in successivi 46 articoli pubblicati. Sugli inghippi e gli intoppi già palesi fin dal varo della legge, molti (troppi) hanno preferito passare oltre confidando che “dopo” sarebbe stato meglio di ieri, invece è accaduto il peggio prevedibile e preannunciato.

In verità la parola elemosina non è stata solo utilizzata dall’allora Capo dei 5 stelle, ma anche da tutti i responsabili delle associazioni quando bocciarono senza se e senza ma la proposta “offensiva, arrogante ed insultante verso gli azzerati “lanciata tramite un’offerta transattiva pubblica da Veneto Banca e Popolare di Vicenza pronte a dare il 15% del risparmio tradito a fronte della rinuncia di ogni causa nei loro confronti. I fatti citati avvenivano a gennaio 2017, l’operazione allestita dagli istituti di credito andò in porto con l’assenso e successiva liquidazione a ben 121.00 ex-soci delle popolari.

Osservando i dati, si segnala che l’adesione all’o.t.p. delle banche decotte è stata più massiccia rispetto alle domande presentate al Fir in scadenza a giugno di quest’anno provenienti dai medesimi istituti, poco più di 98.000. Il truffato nostrano, valutate le invettive, le accuse e le denunce penali/civili magari sottoscritte, nel 2017 preferì passare subito all’incasso; dato che il 15% valeva sull’intero patrimonio evaporato senza paletti né di reddito né di valore sull’intera somma depositata e sfumata.

Il raffronto con l’obolo statale è presto fatto. Rispetto ai tempi, non c’è paragone, tutti i 121.000 soci hanno già da anni i soldi in tasca da tre anni.  Nel campo statale, l’esecutivo 5 stelle-pd con l’applauso di Ezzelino III da Onara ed a denti stretti anche quello di Andrea Arman, sta attivando ora i pagamenti. Nessuno sa prevedere quando sarà pagato l’ultimo degli aventi diritto. Con riferimento al quantum, il numero 12 è inferiore a 15 ed è inoltre aggravato dalla condizione che se il richiedente FIR ha già ottenuto il rimborso dalle banche e rientra nei paletti fissati dalla legge vigente, il già percepito è sottratto alla devoluzione del 12% attribuito. L’esemplificazione potrebbe essere, fatto salve successive verifiche, la seguente. Per un danno patito e convalidato di 50.000 euro in caso di accoglimento della domanda, debbo aspettare il prossimo 18% poiché l’attuale percentuale offre un importo inferiore a quanto già avuto. In effetti, il 12% di 50.000 euro sono 6.000 € inferiori ai 7.500 del 15% già percepiti nel 2017. Va da sé che le parcelle nel frattempo addebitatemi dal legale prescelto o sono state già pagate o il gabbato non è in grado di saldarle con l’obolo del Conte 2.

Infine, un’annotazione sul “popolo dei truffati”. Questi, sono sempre gli stessi che applaudirono i Consoli ed i Zonin non accorgendosi dei bilanci taroccati, ma incassando per anni i proventi dalle azioni super valutate e sono sempre i medesimi che a Vicenza a febbraio 2019 hanno battuto fragorosamente le mani a Salvini e Di Maio che disse “entro una settimana avrete i soldi”, evento non esistito. Nella ricorrenza dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri sovviene una sua massima “chi è causa del suo mal pianga sé stesso”.

Da ultimo, un brevissimo accenno alle ultime novelle di Alessio On.le Villarosa a proposito di ritiro delle deleghe in materia di banche, mai esistite e mai avute dal Ministro in carica come dal predecessore. Se il lettore vuole informarsi nei particolari, i contenuti sono nel decreto del 7 agosto 2020 al seguente link:

https://www.mef.gov.it/ministro-uffici/sottosegretari/documenti/2020_01_10_DM_MEF_Villarosa_delega.pdf

Lunedi 19 ottobre  2020                                                                                                        Enzo De Biasi

Share
- Advertisment -

Popolari

Appropriazione indebita aggravata e continuata. Denunciato dipendente della Mares Ortofrutta di Sedico

I carabinieri di Sedico, a conclusione delle indagini, hanno denunciato in stato di libertà per appropriazione indebita aggravata e continuata uno dei dipendenti dell'esercizio...

Sabato a Belluno riaprono tutti i mercati

Belluno, 25 novembre 2020 - Il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, ha firmato oggi l'ordinanza che consentirà nella giornata di sabato la riapertura di...

Impianti sciistici. Carraro (Confindustria Veneto) e Berton (Confindustria Belluno): la salute pubblica non si discute, ma non può esserci concorrenza sleale

«Fin dall'inizio della pandemia abbiamo detto che la salute pubblica viene prima di tutto. Lo confermiamo anche in questa occasione. Ma non va dimenticato...

Incendio di un’abitazione a Umin. Attivate le misure di sostegno al nucleo familiare. Aperta una sottoscrizione

A seguito dell’incendio che ha gravemente danneggiato nel tardo pomeriggio di martedì 24 novembre un’abitazione situata nella frazione di Umin, l’Amministrazione ha prontamente attivato...
Share