13.9 C
Belluno
mercoledì, Settembre 23, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Covid-19 e ripartenza: i piani di Snam e la visione del CEO...

Covid-19 e ripartenza: i piani di Snam e la visione del CEO Marco Alverà

Dopo oltre due mesi dall’inizio della quarantena l’Italia si prepara a ripartire e a fare i conti con tutti quegli elementi che sono stati stravolti dall’emergenza Coronavirus. Oggi c’è dunque bisogno di una forte riorganizzazione sia da parte delle aziende che dei singoli cittadini.

A interrogarsi sulle prospettive a lungo termine è anche il CEO di Snam, Marco Alverà, che in un lungo post sul proprio profilo LinkedIn ha fatto il punto sui cambiamenti e i trend principali già in atto. Uno dei punti centrali della sua riflessione è l’evoluzione tecnologica del nostro Paese e i suoi riflessi sull’economia e sul lavoro. Questo periodo ha infatti spinto in avanti la curva tecnologica in Italia, facendo segnare ampi passi in avanti per tanti e diversi settori, da quello della didattica a distanza ai molti servizi riorganizzati senza presenza fisica. La certezza è che molti di questi aspetti resteranno solidamente nelle routine di cittadini e lavoratori. Proprio il modo di lavorare va ripensato e aggiornato, sfruttando ciò che si è appreso in questi mesi: l’home working è oggi una realtà presente in molte aziende, tra le quali proprio Snam, dove ha portato risultati ampiamente positivi.

Inoltre – scrive Alverà – la crisi ha dimostrato come il ruolo sociale delle imprese sia sempre più rilevante. Oggi le aziende sono chiamate a rispondere e ad agire in prima persona per prendersi cura delle persone e di tutti gli attori che orbitano attorno ad esse, dai propri dipendenti ai fornitori, passando per le comunità in cui operano.

Per il CEO di Snam Marco Alverà, la sfida centrale è quella della transizione energetica. In Europa, è attesa una grande accelerazione di questo fenomeno dovuta al Green New Deal, che creerà nuovi posti di lavoro dando il via ad un futuro più sostenibile, grazie ad uno stanziamento iniziale di mille miliardi.

Un attore centrale di questa transizione, secondo Alverà, sarà l’idrogeno, un settore in cui le spinte politiche per la crescita della domanda potranno sbloccare significativi investimenti privati, con ricadute positive anche sull’occupazione.

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Amministrative Lozzo di Cadore e Voltago Agordino. Il prefetto Cogode conferma i commissari prefettizi

Il prefetto di Belluno, Adriana Cogode, ha confermato, con propri decreti, i commissari prefettizi per la provvisoria gestione dei Comuni di Lozzo di Cadore...

Regionali 2020. Osnato: “Fratelli d’Italia è saldamente terzo partito in Veneto”

"A spoglio ormai concluso e con i numeri definitivi alla mano, possiamo considerare questa tornata elettorale per le Regionali 2020 un ennesimo, deciso, passo...

Super Zaia, 41 seggi alla coalizione di centrodestra e 9 al centrosinistra

I dati oramai sono consolidati anche se mancano alcune sezioni. La coalizione di centrodestra con Zaia presidente fa il pieno di seggi, 41 contro...

Palazzo Guarnieri apre le sue stanze segrete. Giovedì il concerto esclusivo del pianista Alessandro Cesaro

Un evento esclusivo, una location unica. Per i 250 anni dalla nascita del compositore Ludwig van Beethoven Unisono propone una serata aperta a sole...
Share