13.9 C
Belluno
venerdì, Settembre 18, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Giovedì all'Insolita storia la presentazione del libro "Il delitto Cimetta", la vicenda...

Giovedì all’Insolita storia la presentazione del libro “Il delitto Cimetta”, la vicenda processuale dell’omicidio della titolare del Caffè Vittoria

Tornano gli appuntamenti culturali al Bar Insolita Storia in via Tasso 7/D a Belluno, nel rispetto delle regole del distanziamento.

Giovedì 3 settembre con inizio alle ore 19 si terrà la presentazione del libro “Il delitto Cimetta” di Roberto De Nart. Conduce la serata la giornalista Alessia Trentin.

L’8 maggio 1947, al largo de Ca’ La Bricola n.21 a Venezia, la rete a strascico di Luigi Robelli si incaglia in un baule legato a due macigni che contiene il corpo di Linda Cimetta, 45enne originaria di Vittorio Veneto, titolare del Caffè Vittoria di Belluno. La vicenda è tratta dagli atti processuali conservati all’Archivio di Stato di Venezia. Un migliaio di fogli ingialliti che raccontano la lunga storia processuale che portò alla sbarra Bartolomeo Toma, commesso di tabaccheria e il gondoliere Luigi Sardi. Se ne occupò nell’ordine, il Tribunale militare straordinario di Padova nel ‘47, la Cassazione nel ‘49, la Corte d’Assise di Venezia nel ‘50, ancora la Cassazione nel ’51, la Corte d’Assise d’Appello di Venezia nel ‘52, ancora la Cassazione nel ‘53 e per ultima ancora la Corte d’Assise d’Appello nel ’55. La verità processuale è chiara, i due complici sono colpevoli. Ma ci sono due colpi di scena degni di un noir nascosti tra le carte esaminate dall’autore, che fanno traballare la certezza dei tribunali. L’epilogo della storia, inoltre, non fa che rafforzare il mistero, che tale resterà. Toma, con una condanna all’ergastolo confermata nei vari gradi di giudizio, nel 1960 riuscirà ad evadere dal penitenziario dell’Isola di Santo Stefano e di lui non si saprà più nulla. Sardi, che ottenne uno sconto di pena per seminfermità mentale e si proclamerà sempre innocente, esce dal carcere nel 1980 e uccide il maresciallo di polizia Senisi. Sarà nuovamente rinchiuso e morirà nel 1983 fuori di senno continuando a ripetere “ero innocente”.

Share
- Advertisment -




Popolari

Green deal Cadore 2030: il nuovo patto per un domani di benessere

“Green deal Cadore 2030” è un progetto ambizioso intrapreso dalla Magnifica Comunità: un Nuovo Patto per il Cadore che ha l'aspirazione di coinvolgere tutti i...

Pantani e Contador, grandi scalatori di montagna

Le Alpi e le altre catene montuose sulle quali è possibile respirare aria pura e godere di un panorama mozzafiato sono lo scenario ideale...

Finanziato anche per l’anno scolastico 2020-21 “Investi scuola”. Padrin: «Uno strumento indispensabile per garantire a tutti il diritto all’istruzione»

Anche per l’anno scolastico 2020/21 è attivo il progetto “Investi scuola”. Grazie al finanziamento del Fondo Comuni di confine e al cofinanziamento di Provincia...

Perde la vita investito da un’auto a Danta

Non ce l'ha fatta Giuseppe Menia Bagattin, 85enne di Danta di Cadore, che nel pomeriggio di ieri è stato investito da un'autovettura condotta da...
Share