13.9 C
Belluno
lunedì, Settembre 21, 2020
Home Cronaca/Politica Riforma Costituzionale. Enrico Cappelletti (M5S): "Abbiamo il Parlamento con il più alto...

Riforma Costituzionale. Enrico Cappelletti (M5S): “Abbiamo il Parlamento con il più alto numero di parlamentari elettivi in Europa”

Enrico Cappelletti, candidato presidente della Regione Veneto (Movimento 5 Stelle)

Il 20 e 21 settembre andremo a votare la riforma costituzionale per la riduzione del numero di parlamentari.

Partiamo da un dato di fatto: abbiamo il Parlamento con il più alto numero di parlamentari elettivi in Europa. Possiamo tenere tutto com’è, oppure ritenere che sia tempo di avere istituzioni più moderne ed efficienti. Ci hanno provato in molti prima di noi, ma lo hanno promesso e non lo hanno fatto.

Accusano spesso i parlamentari del Movimento 5 Stelle di essere “attaccati alle poltrone”, ma noi le poltrone – per la prima volta nella storia del nostro Paese – le abbiamo tagliate. Altri invece, come Zaia, aumenta le poltrone in regione per poter far sedere comodamente una decina di politici in più. È infatti paradossale che la Lega in Veneto chieda ai cittadini di votare Si al referendum per ridurre seggi e costi della politica e contemporaneamente chieda ai cittadini Veneti di votare per un partito che ha appena aumentato il numero di poltrone a Venezia, visto che hanno aumentato il numero di assessori regionali “esterni” di 10 unità. Ma tant’è.

Rispetto all’obiezione che viene fatta, sulla presunta “riduzione di democrazia” conseguente alla riforma, ricordo che gli abitanti per ciascun parlamentare elettivo in Germania e Francia sono 117.000, 102.000 nel Regno Unito (esclusi i “Lord” di nomina regia). Oggi l’Italia ha un parlamentare elettivo ogni 64.000 abitanti, con la riforma si salirà ad uno ogni 101.000. Perché, dunque, gli italiani dovrebbero continuare “mantenere” quasi mille politici, assieme ai relativi stipendi, portaborse, rimborsi spese e staff?

Con la nostra riforma i senatori diventeranno 200 e i deputati 400, con un risparmio atteso di 1 miliardo di euro, ogni due legislature. Ma il vantaggio più importante sarà che con un Parlamento con meno politici avremo un Parlamento più veloce, efficiente e produttivo. E soprattutto sarà un Parlamento più dignitoso ed autorevole, agli occhi di chi paga le tasse ed anche di chi ci guarda da fuori dai confini nazionali.

È una battaglia “storica” del M5S e auspico che vinceremo con un plebiscito di Sì.

Share
- Advertisment -



Popolari

Il docufim Movida degli studenti del Liceo “Dal Piaz” di Feltre vince il SalinaDocFest 2020.

Il docufim Movida, realizzato dal Laboratorio Cinema del Liceo "Giorgio Dal Piaz" di Feltre, diretto da Alessandro Padovani vince il SalinaDocFest 2020. Il premio...

Esercitazione dei vigili del fuoco ad Alleghe

Oltre 60 vigili del fuoco, tra permanenti e volontari, con 20 automezzi l’elicottero Drago 71 e personale del centro telecomunicazioni regionale, hanno preso parte...

Riapre la caccia, ma c’è ancora illegalità in Italia. Il caso del Veneto

Pubblicato l'annuale rapporto del CABS sui reati venatori. Lo studio prende in esame le comunicazioni istituzionali delle forze dell'ordine, stampa accreditata, interventi delle Guardie...

Elezioni 2020. Regionali, referendum sul taglio dei parlamentari, suppletive Senato, Comuni. Affluenza, exit poll e risultati

Urne aperte domenica 20 settembre dalle 7 alle 23, e domani lunedì dalle 7 alle 15 per il voto del referendum costituzionale sul taglio...
Share