13.9 C
Belluno
domenica, Aprile 11, 2021
Home Cronaca/Politica Nevegal, agonia senza fine. Le riflessioni del consigliere Addamiano

Nevegal, agonia senza fine. Le riflessioni del consigliere Addamiano

Pazzale del Nevegal (Belluno)

Non c’è pace per il Colle bellunese. Non abbiamo dimenticato il naufragio del progetto del 2012  “Abitare il Nevegal” intrapresa dalla giunta di centrodestra, costata al Comune di Belluno 300mila euro circa + benefit di villetta con giardino + auto, un’Audi in leasing da 1.100 euro mensili al manager svizzero Gerard Luyet per la realizzazione di una struttura di formazione permanente per gli operatori locali del turismo e l’accademia con gli investimenti di privati rimasti occulti.

Non è andata molto meglio oggi, con la giunta di centrosinistra, che in piena estate 2020 per una serie di motivi e attese con la Regione e gli operatori del Nevegal, non è riuscita a mettere in funzione la seggiovia.

Raffaele Addamiano

Sull’argomento interviene il consigliere comunale di opposizione Raffaele Addamiano che pone i seguenti sei punti di riflessione.

1) La seggiovia del Nevegal, nonostante i pubblici, recenti proclami del Sindaco, non è aperta nel pieno della stagione estiva. Questo è un danno di immagine per il comprensorio e un pregiudizio commerciale per gli operatori del Colle.

2) Nel corso dell’ultimo anno da parte del Sindaco e della sua maggioranza ci sono stati continui cambiamenti di opinione sulle strategie da intraprendere per il rilancio del Nevegal (Es. Newco – 100.000 Euro / 50.000 Euro – Affitto a Bellunum con una improvvisata modifica statutaria scritta a penna su un pizzino scarabocchiato). Questo ha determinato una situazione di assoluta incertezza sul futuro dell’area che è di per se un fattore negativo per la totale mancanza di prospettive gestionali affidabili a medio-lungo termine.

3) La querelle polemica ed esplicita sulla stampa tra Comune di Belluno e Alpe del Nevegal, cioè tra pubblico e privato, è l’antitesi della necessaria sinergia tra attori diversi per un obiettivo comune. Tale mancanza di coordinamento e di collaborazione è imputabile alla parte pubblica che deve, per sua natura e funzioni, svolgere un ruolo di regia politica.

4) Allo stato non ci sono serie e concrete prospettive per la stagione invernale la cui preparazione deve cominciare all’inizio dell’autunno. L’Alpe sarà in liquidazione e non possono bastare da soli i pur meritevoli sforzi degli imprenditori privati che operano in Nevegal.

5) La Commissione speciale per il Nevegal nel corso del Consiglio Comunale del 15 giugno scorso è stata letteralmente umiliata dal Primo Cittadino con un colpo di mano spregiudicato prima e del tutto inutile poi. Giusto, quindi, dare un segnale forte con le condivise dimissioni dei Consiglieri Comunali di Centro-destra a fronte dell’arroganza della Sinistra.

6) La mancata immediata eseguibilità alla variazione al bilancio di previsione 2020-2022 non è imputabile alla minoranza che legittimamente vota contro i provvedimenti che non la convincono, bensì alla maggioranza che nell’occasione dell’ultimo Consiglio Comunale del 31 luglio c.a. era presente a ranghi assai ridotti. La maggioranza progressista, come sempre, nasconde le sue gravi mancanze con un ignobile e fazioso scaricabarile.

Share
- Advertisment -

Popolari

Borgo Valbelluna: 31^ edizione del concorso letterario nazionale “Trichiana Paese del Libro”

L’Amministrazione comunale di Borgo Valbelluna ha reso pubblico il bando della 31^ edizione del Premio Letterario Nazionale “Trichiana Paese del Libro”, concorso per racconti...

La figura dell’OSSS, Operatore Socio Sanitario Specializzato, a metà tra OSS e infermiere * di Andrea Fiocco

Si fa sempre più pressante la richiesta da parte delle RSA di avviare la formazione dei cosiddetti OSS Specializzati o con formazione complementare, gli...

Il sentiero Italia Cai, oltre 7mila chilometri in 20 regioni. Martedì in edicola lo speciale di Meridiani montagne

Milano, 9 aprile 2021 - Uno Speciale di Meridiani Montagne in uscita martedì prossimo celebra, in anteprima, la nascita del Sentiero Italia CAI. Una storia italiana...

Lavoratori agricoli esclusi dal Decreto sostegni. Presidio davanti alla Prefettura di Belluno. Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil: “Lavoratori stagionali essenziali ma senza...

Belluno, 10 aprile 2021 - Presidio davanti alla Prefettura questa mattina dei sindacati Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil in rappresentanza dei lavoratori...
Share