13.9 C
Belluno
mercoledì, Agosto 17, 2022
Home Cronaca/Politica Esternalizzazione del Primo soccorso di Auronzo. Coordinamento Bellunese del Veneto che Vogliamo:...

Esternalizzazione del Primo soccorso di Auronzo. Coordinamento Bellunese del Veneto che Vogliamo: è questa la sanità che vogliamo?

Il coordinamento provinciale bellunese del “Veneto che Vogliamo – Lorenzoni Presidente” interviene in merito all’esternalizzazione del Primo Soccorso di Auronzo con la nota che segue.

È solo di pochi giorni fa la notizia dello stanziamento di 6 milioni di euro per smaltire nel privato le prestazioni accumulatesi a causa dell’emergenza Covid ed oggi registriamo un ulteriore tassello nel progetto di distruzione della Sanità pubblica da parte della Giunta Zaia.
Con un comunicato stampa, l’Azienda Sanitaria “Dolomiti” conferma che la gestione del Primo Soccorso di Auronzo è stata affidata alla Cooperativa Castelmonte. Nulla di nuovo, verrebbe da dire. La narrazione per cui solo il privato può offrire servizi sanitari, via via più essenziali, nelle aree meno centrali, si è consolidata negli anni. Così, nonostante le diverse raccolte di firme, le interrogazioni in Regione, i solleciti al ministro Speranza, è stata confermata la gestione alla cooperativa per 5 anni. Vincere un appalto al ribasso come si concilia con la qualità del servizio? La precarizzazione e l’esternalizzazione di servizi essenziali come possono favorire la crescita professionale e il livello di qualità delle prestazioni?
I fatti di questi ultimi giorni non nascono dalla necessità di far fronte a emergenze straordinarie o dall’impossibilità oggettive del pubblico nel rispondere ai bisogni dei territori, ma bensì da un piano dei “piccoli passi” per abituare i cittadini ad accedere a servizi essenziali erogati da privati, e quindi, per trasformare la sanità privata in normalità. Il ricorso al privato per i servizi essenziali dovrebbe essere la narrazione di una sconfitta o la dimostrazione dell’incapacità di governare, non un motivo di vanto nel “garantire i servizi sul territorio”.
Il sistema ha retto al Covid grazie alla professionalità degli operatori e perché l’opera di privatizzazione non era ancora stata completata! Vogliamo fermare questa privatizzazione di fatto e dare priorità assoluta al sistema socio-sanitario pubblico, nel rispetto del principio costituzionale di universalità e gratuità del diritto alla salute. Crediamo in una sanità pubblica, e per questo continueremo a batterci per la re-internalizzazione dei servizi e per l’esaurimento delle convenzioni con i privati.

Share
- Advertisment -

Popolari

Gli interventi di soccorso in montagna di oggi

Quero - Vas (BL), 16 - 08 - 22 -  Impegnato lungo l'Alta Via degli Eroi dopo essere partito ieri da Porcen e aver...

Concerto a Palazzo Fulcis Venerdì 19 agosto, alle 20.45

Prosegue con entusiasmo la rassegna "REstate in Città", in programma a Belluno fino al 1° settembre, ricca di concerti e visite guidate, che stanno...

Rilevatori per il censimento a Belluno. Domande entro il 22 agosto

Riapertura dei termini per il reclutamento dei rilevatori per il censimento permanente popolazione e abitazioni 2022-2026. Domande entro le ore 12 del 22 agosto...

Bellunum cerca un tecnico. Domande entro il 26 agosto

Selezioni per un Istruttore tecnico addetto al coordinamento dei servizi di igiene ambientale per la Società Bellunum srl. Scadenza per la presentazione delle domanda,...
Share