13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 3, 2022
Home Prima Pagina Il progetto di Belluno Alpina: alle ex scuole di Ronce la sede...

Il progetto di Belluno Alpina: alle ex scuole di Ronce la sede per un nuovo consorzio forestale. Dal Farra: “Ora è fondamentale curare il territorio”

Ex scuola Ronce – Belluno

“Il territorio ha bisogno di cura e manutenzioni: il bosco avanza, consumando i prati e marcendo in piedi, e i turisti chiedono pulizia. Smettiamo di guardare con invidia i vicini e agiamo: mai come ora è necessario accelerare per la creazione di un consorzio forestale che possa curare le aree sopra i 600 metri di quota dei comuni di Belluno, Ponte nelle Alpi e Limana”.

L’appello arriva dall’associazione Belluno Alpina che ha già individuato nelle ex scuole di Ronce la possibile sede del nuovo consorzio, rimodulando il vecchio progetto di ristrutturazione con l’obbiettivo di dare spazi al consorzio e alla popolazione.

Gimmy Dal Farra

“Questo è il progetto che porteremo al prossimo incontro del tavolo antispopolamento coordinato dal comune di Belluno e dall’assessore Giannone” spiega il presidente Gimmy Dal Farra. “L’edificio chiuso ormai da diversi anni non deve essere trasformato in abitazione, ma deve restare un presidio per la comunità: si trova in posizione centrale rispetto all’intero comprensorio Quantin-Nevegal-Ronce-Valmorel e da lì parte lo svincolo di accesso alla strada silvopastorale alla sistemazione della quale sta già lavorando la regione. Lì possono trovare posto una sala incontri e un ufficio con un dottore forestale che si occupi delle pratiche boschive. Oltre a questo , un magazzino e un’officina per i mezzi degli operai che si dedicherebbero allo sfalcio dei prati, alla sistemazione dei sentieri, alla rimozione delle ramaglie, alla messa in sicurezza idrogeologica del territorio e all’incremento e valorizzazione delle risorse forestali. Si potrebbe anche realizzare una cucina con sala ristoro per accogliere i visitatori in un angolo immerso nel verde con vista sull’intera Valbelluna; i consorzi che abbiamo visitato in Lombardia si occupano infatti anche di commercializzazione dei prodotti, dai formaggi al miele, oltre a contribuire alla filiera bosco-legno-energia”.

Dal Farra continua ricordando la visita dello scorso febbraio ai consorzi forestali della Lombardia e ne sottolinea l’indispensabilità per i territori di montagna: “Unioni montane e comuni non possono arrivare dappertutto: non hanno uomini, risorse e mezzi sufficienti, così come le associazioni. Se vogliamo puntare sul turismo e contrastare lo spopolamento, servono sentieri e prati puliti, anche per tenere lontani pericoli per la salute come le zecche. Il consorzio forestale, magari anche con il supporto di qualche privato, è la soluzione migliore per le nostre zone: in queste settimane, gli uffici comunali dovrebbero essere riusciti a studiare il testo unico in materia di foreste e filiere forestali. Per questo chiediamo ai sindaci dei tre comuni che formalizzino in fretta una decisione su questo tema, per il quale siamo pronti a coinvolgere anche la provincia e la regione per studiare ogni tipo di collaborazione possibile. Nel corso del prossimo incontro del tavolo antispopolamento chiederemo la concretizzazione di un accordo quadro che prenda spunto dal progetto Ronce 2020, frutto di lavoro e confronto con le popolazioni. La differenza la fa chi vive e lavora qua e chi conosce gli interventi da avviare con urgenza”.

Share
- Advertisment -

Popolari

La Consulta e i vaccini * di Filiberto Dal Molin

Abbiamo avuto in questi giorni la ventura di sapere come si sono articolate le discussioni e le argomentazioni in tema di obbligo vaccinale anti...

Certificata la presenza della lontra europea in Comelico. De Bon: «Scoperta di grande rilievo. È una specie rara e un indicatore di eccellente qualità ambientale»

La lontra è tornata ad abitare il Bellunese. La scoperta è avvenuta attorno a metà novembre, grazie a una serie di ritrovamenti. L'animale, che...

Violenza sulle donne e lo scivolone della maggioranza * di Ilenia Bavasso

"Io so di non sapere". Ignoranza s. f. . – L’ignorare determinate cose, per non essersene mai occupato o per non averne avuto notizia: i....

Dalle grandi dimissioni all’abbandono silenzioso: le condizioni del lavoro nelle province di Belluno e Treviso

Ricerca della Cisl su un campione di 2.550 lavoratori e lavoratrici Un giovane su 6 ha cambiato lavoro nell'ultimo anno: 4.765 dimissioni volontarie nel primo...
Share