13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 19, 2021
Home Cronaca/Politica Presentata questa mattina la squadra bellunese del Pd per le elezioni regionali

Presentata questa mattina la squadra bellunese del Pd per le elezioni regionali

De Donà, Fontana, Lorenzoni, Zatta, De Bortoli, Candeago

Sono stati presentati questa mattina al gazebo in piazza dei Martiri a Belluno i 5 candidati bellunesi del Partito democratico per le elezioni regionali che sosterranno il candidato alla presidenza della Regione del Veneto del centrosinistra Arturo Lorenzoni, presente alla conferenza insieme all’onorevole Roger De Menech e alla segretaria provinciale Monica Lotto.

Ecco i candidati:
– Edi Fontana, 60 anni, quadro aziendale, vicesindaco del Comune di Limana, già consigliere provinciale;
– Maria Teresa De Bortoli, 59 anni, insegnante di scuola dell’infanzia. consigliera comunale a Pedavena, ex sindaco per due mandati dal 2009 al 2019, presidente dell’Istituto Carenzoni Monego di Feltre. Già consigliera provinciale.
– Fabio Candeago, 65 anni medico psichiatra ex direttore dell’Unità Operativa di Psichiatria del Cadore, già consigliere comunale a Sedico;
– Cristina De Donà, 55 anni, insegnante di scuola secondaria, fortemente impegnata nel volontariato;
– Adis Zatta, 39 anni, ingegnere, assessore del Comune di Feltre, componente del direttivo Anci Veneto e presidente del Consiglio di Bacino Dolomiti.

Queste le loro dichiarazioni:
– Edi Fontana ha parlato di progettualità e fragilità del territorio, il riconoscimento della Legge 25 art.15 contenuta anche all’interno dello Statuto della Regione. Ha sottolineato come invece si stia andando in direzione opposta, togliendo deleghe alla provincia. Sanità. Ha invocato strategie mirate a gestire lo scenario che ci attende nei prossimi vent’anni, con una popolazione ultrasessantacinquenne oltre il 30 %. Occupazione. Possibilità di attrarre i giovani attraverso corsi universitari e percorsi di carriera.
– Maria Teresa De Bortoli ha ricordato la figura di Sergio Reolon, che il 14 luglio del 2007 con il consiglio provinciale andò a Venezia per sostenere l’autonomia, e oggi a distanza di 13 anni non siamo riusciti ad averla. Sul sociale e sanità, ha sottolineato il bisogno di nuove idee.
– Fabio Candeago, ha ricordato il taglio negli ultimi dieci anni di 40mila posti letto a livello nazionale e 39 miliardi di sottofinanziamento. “E si è visto, durante la criticità per l’emergenza covid, ciò che questo ha comportato, insieme alla difficoltà di una regia nazionale. Negli ultimi 25 anni ho assistito al progressivo depauperamento delle professionalità e della capacità di rispondere alle esigenze dei cittadini. Bisogna potenziare la medicina del territorio. L’80% della spesa sanitaria va per le fasce dai 65 anni in su”.
– Cristina De Donà ha parlato di alternativa culturale, ha sottolineato l’importanza di informare i cittadini, anche su ciò che non è stato fatto. Ed ha citato la legge sulla famiglia l’hanno approvata in coda dopo 10 anni, scritta dalle associazioni.
– Adis Zatta ha detto che la provincia di Belluno è una provincia piegata, riferendosi alla tempesta Vaia. Ed ha sostenuto l’esigenza di portare dalla provincia di Belluno in Regione quella che ha chiamato “emorragia di innovazione”. Innovazione tecnologica, ma anche il grosso serbatoio di valori ambientali, turistici e di competenza del Bellunese.

“Credo molto nella proposta che andiamo a fare – ha dichiarato Arturo Lorenzoni, candidato presidente alla Regione Veneto – è una proposta di governo e di un’agenda di valore per la Regione. Stiamo portando una visione diversa del Veneto”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Pulite le fontane del centro città

Belluno, 18 aprile 2021 - Dopo il tam tam sui social, l'amministrazione comunale ha dato il via alla pulizia delle quattro fontane "incriminate", colpevoli...

Malore in casera

Longarone (BL), 18 - 04 - 21 - Attorno alle 15.40 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione di Casera...

La solidarietà delle associazioni a Casanova, presidente di Mountain Wilderness Italia querelato per aver criticato “Quad in quota”

Luigi Casanova, presidente onorario di Mountain Wilderness Italia, è stato sottoposto a processo a richiesta dei sostenitori della manifestazione "Quad in quota" di Falcade...

Rinnovato il contratto dei metalmeccanici. In provincia di Belluno passa con il 93,8% dei consensi

Il Nuovo CCNL Industria metalmeccanica è stato ratificato nella provincia di Belluno con il 93,8% di voti favorevoli. Il voto si è svolto in...
Share