13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 28, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Finanziamenti: come acquistare un'auto grazie alla cessione del quinto

Finanziamenti: come acquistare un’auto grazie alla cessione del quinto

Si può avere necessità di acquistare un’auto perché si desidera un modello più nuovo e più grande, o perché quella vecchia ha subito un guasto ormai irreparabile. Non sempre, però, si ha la disponibilità economica immediata per comprarne un’altra e questo può tradursi in un vero problema. In questo caso, la soluzione ideale potrebbe essere quella di optare per un prestito con la cessione del quinto, e il portale Chescelta spiega come fare per poterlo richiedere e quali sono i requisiti necessari che il richiedente deve avere.

A differenza di un semplice prestito finalizzato, la cessione del quinto presenta svariati vantaggi ed è molto più semplice da richiedere. Difficilmente tale richiesta viene rigettata dagli istituti di credito, perché la restituzione delle somme avviene attingendo allo stipendio o alla pensione, nella misura di cifre mensili non superiori a un quinto degli stessi. Questa tipologia di prestito, per la sua estrema versatilità, può essere richiesta praticamente da chiunque abbia un reddito fisso, persino da cattivi pagatori o da persone con contratto a tempo determinato. Qualora, poi, vi sia una diminuzione delle ore lavorative (ad esempio da un full time a un part time), sarà prevista una decurtazione della rata per adeguarla al nuovo reddito.

Acquistare un’auto grazie alla cessione del quinto è quindi una soluzione veloce sia per i dipendenti statali che per quelli privati. Nel primo caso, l’operazione è persino più veloce e semplice, in quanto l’erogatore dello stipendio o della pensione è lo Stato stesso, per cui le garanzie richieste sono certamente minori; nel caso dei dipendenti privati, invece, bisognerà presentare in più busta paga e TFR.

L’erogatore del credito, inoltre, potrebbe fare delle ulteriori verifiche riguardo l’anzianità di servizio, il numero dei dipendenti e, più in generale, la solidità dell’azienda per cui si lavora: molte volte si tratta però di un mero pro-forma. Ovviamente, i lavoratori stagionali o coloro i quali siano impiegati solo per una parte dell’anno, potrebbero incontrare qualche difficoltà in più.

Trattandosi di una cifra atta ad acquistare un’automobile, comunque, l’importo richiesto difficilmente arriverà a cifre esorbitanti, anche se dipende molto dal tipo di mezzo che s’intende acquistare. Il debito, comunque, si estingue solitamente in un arco temporale che va dai due fino ai dieci anni e può essere richiesta, a ulteriore garanzia, la sottoscrizione di un contratto assicurativo. Ovviamente, sarà il mediatore creditizio designato dall’istituto di credito a fare tutte le valutazioni del caso. Il datore di lavoro, invece, avrà l’unico obbligo di pagare regolarmente gli stipendi e, in caso di cessazione del rapporto di lavoro, provvedere alla liquidazione del TFR.

Gli altri vantaggi che riguardano un finanziamento con cessione del quinto riguardano la finalità dello stesso: si definisce, infatti, prestito finalizzato quello per cui si debba indicare precisamente la tipologia di acquisto che s’intende fare. Con tale modalità, questo non è necessario per cui, oltre alla somma dedicata al bene, si può avere un piccolo surplus come liquidità aggiuntiva. Molto convenienti sono anche le tasse riguardanti la cessione del quinto. Si definisce TAN il Tasso Annuo Nominale, mentre il TAEG è il Tasso Annuo Effettivo Globale e comprende molte altre voci rispetto al primo. Entrambi questi tassi d’interesse, in questo tipo di prestito sono più bassi rispetto agli altri.

Richiedere un prestito con cessione del quinto è, operativamente, molto semplice anche se si procede online. Sui portali come Chescelta, è persino possibile procedere con delle simulate inserendo pochi semplici dati: l’importo desiderato, i dati personali e la tipologia di rapporto di lavoro. Si può così avere una prima idea di cosa comporti inoltrare la domanda e, in caso positivo, procedere con l’invio della documentazione.

Share
- Advertisment -


Popolari

Ordinanza Alto Adige. Bond (FI): «Si prendono gioco dell’Italia. E al governo va bene così»

«Oltre al danno, la beffa: l'Alto Adige ci prende in giro. L'ultima sprezzante iniziativa è una pubblicità a pagamento su alcuni quotidiani nazionali». Così...

Case popolari, aperto il bando per il 2020. Domande entro il 4 dicembre

L’Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale della Provincia di Belluno informa che è aperto il bando di concorso per l'assegnazione di alloggio di edilizia residenziale...

Covid-19 e il crollo dell’Occidente * di Aldo Constantini 

Perché l’oriente (Cina, Hong Kong, Taiwan, Vietnam, Singapore, Sud Korea, Giappone) riescono a controllare e gestire la pandemia di Covid-19 e l’occidente (Italia, Francia,...

Tre furti in appartamento. Due a Borgo Valbelluna e uno a Pedavena

Sono tre i furti in appartamento denunciati tra ieri e oggi: due sono avvenuti nel Comune di Borgo Valbelluna nel quartiere Salvo d'Acquisto dove...
Share