13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 12, 2022
Home Cronaca/Politica Bonus mobilità esteso ai capoluoghi di provincia, ma penalizza ancora la montagna

Bonus mobilità esteso ai capoluoghi di provincia, ma penalizza ancora la montagna

Il “bonus mobilità” viene esteso anche ai capoluoghi di provincia. Una modifica che va incontro solo parzialmente alle richieste avanzate nei giorni scorsi dalla Provincia di Belluno, con una lettera del presidente Padrin e del consigliere delegato Dario Scopel, inviata al premier Conte e al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

La bozza iniziale del “Decreto rilancio”, infatti, prevedeva un incentivi per la mobilità dolce e l’erogazione di un “buono” per l’acquisto di bici elettriche, segway, monopattini e simili. Ma solamente per i residenti delle città con almeno 50mila abitanti. Una differenziazione che escludeva le aree montane. E proprio per questo la Provincia di Belluno si era affrettata a chiedere un’estensione del bonus, in modo da non creare misure tali da acutizzare le differenze tra aree urbanizzate di pianura e territori di montagna.
Il testo definitivo del decreto aggiunge un tassello che va nella direzione chiesta da Palazzo Piloni. Ma solo parzialmente.

«Sono stati inseriti anche i capoluoghi di provincia come possibili fruitori del “bonus mobilità”, anche se non raggiungono i 50mila abitanti – commenta Dario Scopel, consigliere provinciale delegato in materia di mobilità e trasporti -. Significa che i cittadini di Belluno potranno richiedere il contributo previsto per l’acquisto di mezzi di trasporto green, come biciclette. I cittadini di Limana, di Ponte nelle Alpi, di Sedico, o dell’Agordino e del Cadore, come quelli dell’Alpago e del Feltrino, invece, non potranno. Apprezziamo lo sforzo del governo nell’allargare le possibilità del bonus. Ma spiace constatare come la montagna risulti penalizzata».

Il deputato di Fratelli d’Italia e sindaco di Calalzo di Cadore, Luca De Carlo, critica duramente la modifica al bonus mobilità, che da ora sarà accessibile anche ai residenti nei comuni sotto i 50mila abitanti, ma solo se capoluoghi di provincia.

“Forse a Roma pensano che nei paesi di montagna si giri solo in groppa agli asini e che le biciclette non ci servano: non vedo altra spiegazione nel tagliare fuori dal bonus mobilità ancora una volta i piccoli comuni montani. La politica di decrescita felice di questo governo ucciderà le realtà periferiche”.

“Questo governo continua a non capire la realtà”, attacca De Carlo. “Non si possono creare ancora cittadini di serie A e di serie B, tanto più che le zone montane stanno sviluppando progetti di mobilità sostenibile, di reti e piste ciclabili, di sviluppo turistico sulle due ruote. La volontà di sviluppare una decrescita felice può forse andar bene per le metropoli, ma se si penalizzano i cittadini della montagna, italiani con pari dignità degli altri, allora vuol dire che si vogliono uccidere le periferie. Altro che attenzione alle aree deboli!”.

Proprio su questo tema, De Carlo rincara la dose: “Se il Governo conoscesse il territorio e i suoi problemi, saprebbe che nessuno potrebbe usare un monopattino sulle strade che ci ritroviamo. Invece che agli sconti sui segway, pensino a dare i soldi ai comuni per fare le manutenzioni e investano sulle infrastrutture: eppure stando a Roma dovrebbero ben vederne, di buche sulle strade… I sindaci si aspettano aiuti economici per intervenire sul proprio territorio e per riparare alle perdite di questi due mesi e più di lockdown; basta con la filosofia, dobbiamo salvare quello che ancora ci resta”.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Eventi calamitosi del 2020: il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi

Il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi per gli eventi calamitosi del 29 agosto 2020. Quel giorno, una...

Interventi di soccorso in montagna

Belluno, 11 - 08 - 22 Verso le 15.20 l'elicottero di Dolomiti Emergency, alla centesima missione, è volato lungo il sentiero 215 che scende...

Carceri. Capece (Sindacato autonomo polizia penitenziaria) replica al capo delle carceri Renoldi: “L’iniziativa Ferragosto in carcere è sinonimo di ipocrisia istituzionale”

"Leggo con sgomento le dichiarazioni odierne del Capo del DAP dipartimento amministrazione penitenziaria Carlo Renoldi che dispone il Ferragosto in carcere per lui e...

Alberi monumentali. Anche il liriodendro di Buzzati nell’elenco delle piante del Comune di Belluno

“Dietro la vecchia casa di campagna, era già immenso e antico, quando io comparvi piccolo bambino”: così Dino Buzzati, nell’ultimo elzeviro da lui scritto...
Share