13.9 C
Belluno
sabato, Febbraio 27, 2021
Home Cronaca/Politica Rifinanziato il bando per le utenze domestiche. De Carlo: “L'Unione Montana non...

Rifinanziato il bando per le utenze domestiche. De Carlo: “L’Unione Montana non arretra sui servizi sociali”. Stanziati 15mila euro

Luca De Carlo, deputato

La giunta dell’Unione Montana Centro Cadore, riunitasi venerdì scorso, ha deliberato il rifinanziamento del “bando utenze”, che prevede l’assegnazione di contributi alle famiglie del territorio a parziale ristoro delle spese sostenute per Imu, Tari, Tasi, acqua, gas ed energia elettrica; anche quest’anno, il finanziamento è di 15mila euro.

«Abbiamo ricevuto molte richieste di informazioni sulla riattivazione di questa opportunità, sia da cittadini che da assistenti sociali dei nostri comuni”, spiega il presidente dell’Unione Montana e sindaco di Calalzo di Cadore, Luca De Carlo. “Questo interesse è stata un’ulteriore spinta per riconfermare una misura molto sentita”.

Il bando, che sarà presto pubblicato nel sito dell’Unione Montana e dei comuni aderenti, consentirà di soddisfare circa un centinaio di richieste (94 quelle pervenute nel 2018, a dimostrazione dell’efficacia del provvedimento): tra i requisiti per poter accedere al contributo, un Isee inferiore a 15mila euro e almeno un componente del nucleo familiare residente da non meno di cinque anni in uno dei Comuni appartenenti all’Unione Montana.

Il contributo per ogni nucleo sarà pari a massimo 150 euro per famiglie con un solo componente; fino a 200 euro per famiglie da due a tre componenti; infine, fino a 250 euro per famiglie con quattro o più componenti.

«Questa iniziativa è l’ennesima dimostrazione di come l’Unione Montana non intenda arretrare in tema di erogazione di servizi sociali, proprio mentre cominciamo a respirare un”aria sempre più pesante di dismissione da parte del settore pubblico, soprattutto nelle terre alte”, conclude De Carlo. “Sono convinto che le risposte al territorio debbano arrivare innanzitutto dal pubblico: sono i sindaci, i comuni e gli assistenti sociali le prime sentinelle del territorio, le figure che per prime individuano e monitorano le situazioni più delicate”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Attraversamenti faunistici. De Bon: «Obiettivo sicurezza, per gli automobilisti e per gli animali»

Provincia di Belluno e Veneto Strade sono al lavoro per prevenire gli incidenti stradali che coinvolgono la fauna selvatica. Negli ultimi vent'anni infatti sono...

Il saluto al nuovo direttore generale dell’Ulss 1 Maria Grazia Carraro

L’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Belluno dà il benvenuto alla dottoressa Maria Grazia Carraro, che per i prossimi 5 anni sarà...

Crac banche. I truffati, buoni clienti per il business di avvocati ed associazioni valutabile in 87 milioni di euro

Davvero bravi i veneti, hanno regalato allo stato più di 1 miliardo di € non impegnabili soprattutto a causa dei “paletti” della legge 145/2018. Come...

Contrattazione sociale in provincia di Belluno: le Linee Guida per il 2021 di Cgil-Cisl-Uil

Lotta alla povertà e alla disuguaglianza sociale, politiche concrete in favore di anziani e giovani, nuove infrastrutture sanitarie per combattere la diffusione del Covid-19....
Share