13.9 C
Belluno
domenica, Settembre 27, 2020
Home Cronaca/Politica Periferie. Presentato oggi l'emendamento dai deputati del Pd per ripristinare tutti i...

Periferie. Presentato oggi l’emendamento dai deputati del Pd per ripristinare tutti i fondi.

Roma, 4 Settembre 2018 _ Ridare ai Comuni tutti i fondi stanziati con il bando periferie per garantire la prosecuzione dei progetti e l’avvio dei lavori il prima possibile. Con questi obiettivi i deputati del Partito Democratico hanno presentato oggi in prima commissione Affari Costituzionali della Camera, un emendamento per ripristinare i fondi destinati al contrasto del degrado nelle periferie delle città italiane tagliati dal governo Lega – 5S. L’emendamento è stato firmato da molti altri parlamentari e consente inoltre di garantire maggiori spazi di spesa per tutti i comuni italiani utilizzando gli avanzi di amministrazione.

«L’iniziativa intende ridare sicurezza alle amministrazioni locali che oggi nel corso delle audizioni alla Camera hanno rappresentato tutti i loro timori. Come ricordato dall’Anci, afferma il deputato veneto Roger De Menech, «i sindaci sono spaesati, confusi e impauriti perché il taglio operato dal governo su fondi già stanziati costituisce un precedente. Se oggi tagliano le periferie, domani potrebbero togliere ai Comuni i fondi destinati dai governi del centrosinistra per lo sport, per l’edilizia scolastica o per il recupero dei beni culturali. In ballo ci sono miliardi di euro in tutta Italia. Di fatto nessuna amministrazione potrà realmente contare sulle risorse che si è vista assegnare in questi anni. Come è facile immaginare, la conseguenza sarà il blocco i tutti i lavori già avviati o in programma».

Alle audizioni erano presenti anche molti sindaci veneti, tra cui il primo cittadino di Padova, Sergio Giordani e quello di Belluno, Jacopo Massaro.

C’è un secondo aspetto, ha sottolineato De Menech durante il suo intervento in Commissione, e riguarda la volontà di dividere il paese tra Comuni capoluogo e tutti gli altri. «È un’operazione pericolosissima perché mettere in contrasto i territori significa creare barriere e ostacolare la risoluzione di problemi decennali. Il degrado delle periferie delle città è strettamente connesso alla povertà, alla bassa qualità della vita e agli alti tassi di delinquenza. Intervenire in questo settore è importante soprattutto per cominciare a rimuovere le cause del malessere sociale che serpeggia nel nostro Paese. Senza contare che spesso in tutti i Comuni i progetti andavano a beneficio di una comunità diffusa, non solo dei residenti. Per fare due esempi a Belluno, la costruzione del polo di interscambio modale ferro-gomma davanti alla stazione ferroviaria sarebbe andato a vantaggio delle migliaia di studenti provenienti da tutta la provincia che transitano in quello spazio. Se Padova potenzia le linee del tram, il beneficio è di tutti coloro che le utilizzano, compresi i lavoratori, gli universitari e i turisti che ogni giorno vanno nella città del Santo».

L’emendamento sarà discusso in Commissione nel week end per approdare in aula la prossima settimana.

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Sanità. Preoccupazione per il futuro dell’ospedale San Martino di Belluno. * di Roberto De Moliner

Terminata la campagna elettorale, ricca come sempre di promesse da parte delle forze che governano la nostra Regione, in un contesto economi attuale i...

Crescono gli iscritti al 5° Dolomiti Rally

A cinque giorni dalla chiusura delle iscrizioni, fissata alla mezzanotte di mercoledì 30 settembre prossimo, è già salito a 56 il numero degli equipaggi...

Ski College Veneto di Falcade. Presentata oggi la stagione 2020-2021 con oltre 60 atleti sciatori di snowboard, sci alpino e fondo

Falcade (Belluno), 26 settembre 2020 – «Vogliamo continuare ad alzare l'asticella e far sì che i nostri ragazzi possano raggiungere obbiettivi sempre più ambiziosi...

Nevegal, 8 anni di chiacchiere * di Fabio Bristot “Rufus”

Lette le dichiarazioni di Massaro, tra le quali spiccano per poca onestà intellettuale quelle secondo le quali non sarebbe "competenza del Comune di Belluno...
Share