13.9 C
Belluno
lunedì, Ottobre 26, 2020
Home Cronaca/Politica Progetto elettrodotto Terna. I Comitati civici della Valbelluna preparano le osservazioni e...

Progetto elettrodotto Terna. I Comitati civici della Valbelluna preparano le osservazioni e affilano le armi per eventuali ricorsi. Pastella: “La riprogettazione è l’unica strada per non devastare il nostro territorio”

Gianni Pastella, coordinatore dei Comitati Civici della Valbelluna
Gianni Pastella, coordinatore dei Comitati Civici della Valbelluna

In vista della scadenza per l’invio delle osservazioni al progetto Terna, i Comitati civici della Valbelluna si sono riuniti lunedì sera per analizzare e approvare il documento da inviare al Ministero dell’Ambiente. Erano presenti rappresentanti di ciascun comitato locale. 

Per le osservazioni tecniche sono state riprese quelle già inviate, riprendendone contenuti e concetti. Si è puntata l’attenzione sui difetti procedurali e si sono già preparate le basi per i futuri ricorsi, in quanto l’azione di Terna ha dimostrato la debolezza della politica bellunese nell’affrontare un tema di interesse pubblico e strategico per la nostra provincia.

“Nel corso di questi tre anni ci siamo rivolti a tutte le forze politiche del palcoscenico locale, provinciale, regionale e nazionale. – sottolinea Gianni Pastella in rappresentanza dei Comitati civici della Valbelluna  – Nonostante qualche piccola azione e alcune prese di posizione puramente verbali e che non hanno avuto nessuna conseguenza, non si sono ottenuti i risultati sperati. I cittadini hanno messo, e stanno ancora mettendo, il massimo impegno in questa battaglia, mentre gran parte dei politici si sono mossi solo una volta messi con le spalle al muro e con prese di posizione che sembrano più di facciata che realmente di convinzione nel portare avanti una riprogettazione condivisa, studiando la soluzione migliore per il territorio.

Ribadiamo ancora una volta che nessuno è contrario all’infrastrutturazione del nostro territorio, ma sicuramente noi cittadini abbiamo perso la fiducia nelle istituzioni, che non hanno saputo capire l’importanza e la portata reale di questo progetto.
Cosa dovrebbero fare centinaia di cittadini dopo aver manifestato civilmente il proprio dissenso, aver chiesto colloqui a tutti i livelli istituzionali, aver esposto le problematiche a chiunque, aver speso giornate e risorse economiche per informare e per proporre possibili soluzioni alternative, senza l’aiuto di chi li rappresenta?

Perfino chi sostiene da sempre il progetto dichiara che la nostra posizione è condivisibile, ma preferisce guardare solo al proprio orticello.
Qualunque sia l’esito della valutazione in corso – conclude Pastella –  confermiamo che la battaglia verrà portata ad ogni livello. Siamo pronti ai ricorsi, convinti che la riprogettazione sia l’unica strada da seguire per non devastare per sempre il nostro territorio, da sempre sfruttato, umiliato e mai valorizzato come merita”.

Share
- Advertisment -


Popolari

Case di riposo al collasso per mancanza di personale. Cisl Fp: “La Regione si attivi, serve una regia unica”

Case di riposo della provincia di Belluno in grave difficoltà per mancanza di personale. La segnalazione arriva dalla Cisl Fp Belluno Treviso. "Gli istituti...

Dpcm, misure Alto Adige. Bond (FI): «Lo Stato nello Stato colpisce ancora. Basta alla concorrenza sleale»

«Cosa possono fare gli inermi baristi e ristoratori di tutti quei territori bellunesi confinanti con l'Alto Adige? Niente! Di qua dal confine saranno costretti a chiudere...

Provincia di Belluno “Carbon neutral”? Europa verde non ci sta

L’iniziativa del marchio “carbon neutral” per la provincia di Belluno lascia molto perplessi i militanti di Europa Verde Belluno. "Va bene fare una fotografia delle...

Quattro furti in abitazione ad Alano di Piave

Alano di Piave, 25 ottobre 2020  - Quattro furti in appartamento ad Alano di Piave nella serata di ieri. Ignoti, previa effrazione degli infissi,...
Share