13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 20, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Accordo aziendale Luxottica. Franco Lorenzon: "Innovazione, organizzazione del lavoro, relazioni sindacali, premi....

Accordo aziendale Luxottica. Franco Lorenzon: “Innovazione, organizzazione del lavoro, relazioni sindacali, premi. Non solo staffetta generazionale”

Franco Lorenzon segretario Cisl Belluno-Treviso
Franco Lorenzon segretario Cisl Belluno-Treviso

“In questi giorni l’accordo integrativo aziendale sottoscritto in Luxottica ha avuto una risonanza nazionale, in particolare per l’avvio della cosiddetta “staffetta generazionale”, una sorta di passaggio di testimone (il posto di lavoro) tra lavoratori più anziani e (potenziali) lavoratori più giovani”.

Lo afferma Franco Lorenzon, segretario generale Cisl Belluno Treviso.
“L’interesse e il plauso ottenuti sono certamente meritati – prosegue Lorenzon –  se non altro perché confermano il ruolo di avanguardia contrattuale che questa azienda si è guadagnata, non da oggi, sul campo.
Qualche commentatore ha proposto che un simile livello aziendale di contrattazione diventi alternativo a quello nazionale; altri, invece, hanno elogiato la conferma di una contrattazione aziendale che rimane saldamente ancorata a quella nazionale. Altri, infine, hanno messo in luce la lungimiranza della direzione aziendale, cui è corrisposta una positiva – ma subordinata – disponibilità sindacale.

Quello che, invece, è sfuggito ai più, è che l’accordo aziendale è composto di ben 46 pagine, di cui solo due sono dedicate alla famosa staffetta generazionale. Ma è proprio qui che occorre soffermarsi, se si vuole capire in profondità cos’è veramente accaduto durante le lunghe e laboriose ore di confronto contrattuale.
Per andare al sodo, va evidenziato come 5 pagine dell’accordo riguardino le “relazioni sindacali e il coinvolgimento e partecipazione dei lavoratori”, 15 pagine siano dedicate “all’organizzazione del lavoro e alla gestione dell’orario di lavoro”, e 12 pagine interessino il “premio di risultato”, che sono gli aspetti più critici e controversi dei rapporti tra imprese e lavoratori nel cambio di fase realizzatosi durante la crisi.

Questo significa che l’innovazione è possibile solo in un contesto condiviso di gestione dell’azienda, dagli aspetti organizzativi, agli orari, al salario. In altre parole, la differenza viene fatta da un rapporto contrattuale partecipativo, non ideologico, con al centro il comune interesse del buon funzionamento dell’azienda. Perché solo da questo interesse collettivo scaturiscono risultati positivi sia per la parte imprenditoriale che per quella sindacale. Quanto siamo distanti dall’approccio antagonista e ideologico che ha caratterizzato le relazioni sindacali di altre grandi aziende del nostro Paese! Certo, è necessaria una dirigenza aziendale aperta e illuminata, ma non meno importante è il ruolo di un sindacato responsabile e attento agli interessi concreti dei lavoratori.

Questo è ciò che fa la differenza fra vecchio e nuovo – conclude Lorenzon – tra ideologia e pragmatismo, tra “buona e cattiva” azienda, tra un Sindacato al passo con i tempi e uno più nostalgico.”

 

Share
- Advertisment -


Popolari

La Lega perde un consigliere in consiglio comunale di Belluno, Andrea Stella va con Fratelli d’Italia

Andrea Stella, figura di spicco della Lega di Belluno nella quale milita dal 2007 e all'interno della quale ha ricoperto vari ruoli, lascia il...

Le migliori mete da visitare in autunno

L’autunno è una stagione perfetta per chi vuole andare in vacanza. A differenza dell’estate, infatti, permette di accedere a soggiorni con prezzi più contenuti....

Spettacoli di mistero delle Pro loco Bellunesi. Venerdì appuntamento a Belluno con i Castelli perduti e draghi dimenticati

Ritorna la rassegna "Veneto, spettacoli di mistero", promossa dall'Unpli Belluno nell'ambito delle iniziative di Unpli Veneto e Regione. Le Pro loco bellunesi non mancheranno...

Due positività al Comune di San Vito di Cadore. Ordinanza di chiusura e sanificazione degli uffici

A seguito della positività riscontrata a due dipendenti, il sindaco Emanuele Caruzzo ha disposto la chiusura degli uffici comunali di San Vito di Cadore...
Share