13.9 C
Belluno
sabato, Febbraio 27, 2021
Home Cronaca/Politica Riordino delle funzioni delle province. Sergio Reolon: "La proposta Bottacin, se approvata,...

Riordino delle funzioni delle province. Sergio Reolon: “La proposta Bottacin, se approvata, affosserà la legge 25 e con essa la possibilità di investire nella difesa del suolo”

Sergio Reolon
Sergio Reolon

Martedì in consiglio regionale del Veneto si discuterà il disegno di legge sul riordino delle funzioni delle Province.
“Nel testo all’esame – fa sapere Sergio Reolon dalla sua pagina di Facebook – , l’applicazione della legge 25 viene ancora rimandata e non si affronta la questione del finanziamento delle funzioni che, in base a quella legge, dovrebbero passare alla Provincia di Belluno.

Per questo – prosegue l’ex consigliere regionale del Pd – ho predisposto un emendamento che il gruppo del Pd in consiglio regionale ha presentato in commissione, dove però è stato bocciato e verrà riproposto in consiglio probabilmente purtroppo con lo stesso esito.
Contemporaneamente l’assessore Bottacin ha presentato un disegno di legge che, mi dicono, trasformerà in emendamento da presentare martedì che, se approvato, rappresenterebbe l’affossamento della legge 25 e una grande fregatura per la nostra Provincia.
Spiego rapidamente perché.
La proposta Bottacin prevede che le funzioni della legge 25 siano finanziate con i canoni del demanio idrico (circa 14 milioni).
Ricordato che i canoni idrici li abbiamo conquistati nel 2006 e che quindi da allora sono già risorse a disposizione della provincia per investimenti nella difesa idrogeologica, va precisato che la regione spende oggi circa 30 milioni per esercitare direttamente quelle funzioni. L’effetto della proposta Bottacin sarebbe quindi di far risparmiare 30 milioni alla Regione, di obbligare la Provincia a fare con 15 milioni ciò che la Regione faceva con 30 e di togliere inoltre alla Provincia la possibilità di investire nella difesa del suolo l’introito dei canoni idrici.
Una vera fregatura e la fine delle aspettative date dalla Legge 25.
Ciò che mi sconvolge e rammarica – conclude Sergio Reolon –  è che a Belluno ci sia un silenzio drammatico, sembra quasi che la cosa non sia fondamentale per il nostro futuro”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Contrattazione sociale in provincia di Belluno: le Linee Guida per il 2021 di Cgil-Cisl-Uil

Lotta alla povertà e alla disuguaglianza sociale, politiche concrete in favore di anziani e giovani, nuove infrastrutture sanitarie per combattere la diffusione del Covid-19....

Nominati da Zaia i nuovi direttori generali della sanità veneta

Venezia, 26 febbraio 2021 - Il presidente della Regione, Luca Zaia, ha nominato oggi i nuovi direttori generali delle nove Ullss, delle due Aziende ospedaliere...

Lupo avvistato nella zona dell’Oltrerai di Ponte nelle Alpi. De Bon: «Nessun rischio per l’uomo. Ma gli animali domestici vanno custoditi adeguatamente»

I tecnici della Provincia e il consigliere delegato Franco De Bon hanno incontrato questa mattina il sindaco di Ponte nelle Alpi, per analizzare la...

Maria Grazia Carraro è il nuovo direttore generale della Ulss 1 Dolomiti

Maria Grazia Carraro, laureata in Medicina e Chirurgia all'Università di Padova, con Specializzazione in Igiene e medicina preventiva, è il nuovo direttore generale della...
Share