13.9 C
Belluno
sabato, Febbraio 24, 2024
HomeCronaca/PoliticaTre milioni dalla Regione per i “Cammini della Fede in Veneto”. Presentato stamani...

Tre milioni dalla Regione per i “Cammini della Fede in Veneto”. Presentato stamani in Giunta Regionale il progetto di recupero e valorizzazione del paesaggio veneto  attraverso i quattro Itinerari della Fede 

Palazzo Balbi
Palazzo Balbi

Presentato stamani a Palazzo Balbi, sede della Giunta Regionale del Veneto il Progetto “Cammini della fede in Veneto”, un piano di recupero e valorizzazione del Paesaggio veneto, attraverso i quattro itinerari della Fede più noti e frequentati da turisti, devoti, pellegrini, amanti delle bellezze naturali della regione.

“Il Cammino di Sant’Antonio” da Camposampiero a Padova, visitando i territori di Borgoricco, Cadoneghe, Campodarsego, Camposampiero, Padova, San Giorgio delle Pertiche e Vigodarzere; la “La Grande Rogazione di Asiago” sull’Altopiano di Asiagoun percorso che interessa il comune di Asiago ma che coinvolge anche i comuni di Conco, Enego, Gallio, Foza, Lusiana, Roana, Rotzo; “La Via dei Papi” un tragitto che si snoda su tutto il territorio della provincia di Belluno interessando i comuni di Belluno, Cesiomaggiore, Feltre, Lentiai, Mel, Ponte nelle Alpi, San Gregorio nelle Alpi, Santa Giustina Bellunese, Sedico e Sospirolo; gli “Gli Itinerari di fede in Valpolicella” che si snodano tra Fumane, Marano di Valpolicella, Negrar, San Pietro in Cariano, Sant’Ambrogio di Valpolicella.

Un patrimonio comune che ha caratterizzato il Veneto sotto il profilo storico, culturale e architettonico grazie ad una forte componente religiosa che si è espressa nel tempo nei luoghi di fede come chiese, conventi, monasteri, santuari, chiostri, sepolcri, cappelle votive. Una grande risorsa, un’opportunità per il turismo culturale e religioso, beni comuni da recuperare e riqualificare attraverso il programma di interventi di circa tre milioni di euro finanziati dalla Regione del Veneto.

“I fondi messi a disposizione per i “Cammini della fede in Veneto – ha spiegato stamani Marino Zorzato, vice presidente e assessore al Territorio e Cultura Regione del Veneto  – derivano da sanzioni comminate sul piano urbanistico, ed ammontano a ben 2 milioni e 900mila euro, che grazie a questo progetto saranno impiegati per la valorizzazione del paesaggio veneto. Non piccoli interventi sporadici, ma un vero e proprio piano organico di valorizzazione di tutto il territorio veneto che desidera diventare un traino per l’economia e per il turismo. Sino ad oggi sui “Cammini di Fede” non si era mai investito. Fortunatamente, grazie anche ad amministrazioni davvero sensibili e collaborative, abbiamo identificato questi quattro itinerari che coprono la quasi totalità del territorio regionale, e abbiamo creato un meccanismo speciale individuando, tra tutti i Comuni coinvolti, un Comune che faccia da capofila; la collaborazione è più che partecipata e la qualità del progetto che sta emergendo è davvero straordinaria”.

Gli interventi riguarderanno messa in sicurezza, accessibilità, recupero e valorizzazione sia dal punto di vista culturale che devozionale. Ognuno di questi luoghi infatti genera un’emozione vera; la loro identità, ricchezza storico-archeologica, naturalistica e paesaggistica beneficeranno del valore aggiunto dato dalla realizzazione degli interventi di riqualificazione a loro dedicati per farli diventare fulcro del turismo religioso veneto, italiano ed internazionale.

I “CAMMINI DELLA FEDE IN VENETO” verranno presentati all’interno di una Mostra itinerante che si inaugurerà il 6 giugno a Camposampiero, alle ore 11.30, nei Santuari Antoniani, punto di partenza per il Cammino di Sant’Antonio; le tappe successive saranno a San Pietro in Cariano nel mese di luglio, a Sedico nel mese di agosto per chiudere a Settembre ad Asiago.

 

- Advertisment -

Popolari