13.9 C
Belluno
mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomeLettere OpinioniEmergenza neve. Soccorso alpino presente con 570 operatori per un totale di...

Emergenza neve. Soccorso alpino presente con 570 operatori per un totale di 928 giornate/uomo

 

Fabio Bristot (Rufus)
Fabio Bristot (Rufus)

“Dal 31 gennaio al 9 febbraio 2014 il Soccorso alpino ha contribuito con un grande sforzo per l’emergenza neve, dopo quello ovviamente prodotto dai Vigili del fuoco, con i quali, va sottolineato, c’è stato un ottimo rapporto di collaborazione”.

Lo sottolinea Fabio Bristot, delegato CNSAS II^ Zona Dolomiti bellunesi, che fornisce alcuni dati statistici dell’operazione che, in alcune realtà, continua ad essere in atto a causa del persistere di condizioni critiche legate principalmente ad eventi valanghivi.

“Nelle varie attività previste dai coordinamenti presenti sul territorio (CCS e COM) hanno preso parte complessivamente 570 operatori del CNSAS per complessive 928 giornate uomo corrisposte (valore certamente in leggero difetto a causa delle difficoltà di recensire le molteplici attività minori effettuate). Una forza lavoro importante – afferma Bristot – che auspichiamo possa essere stata utile per alleggerire il forte disagio di quei giorni sopportato dalle comunità locali e da gli enti locali più interessati.

soccorso alpino neveI Comuni con la maggiore presenza operativa del CNSAS sono stati Livinallongo del Col di Lana con n. 176 g/u, Cortina d’Ampezzo con n. 92 g/u, Rocca Pietore con n. 85 g/u, Sappada con n. 73 g/u, S. Stefano di Cadore con n. 67 g/u e, via via, gli altri Comuni.

Un ringraziamento – conclude Bristot – ai Servizi Regionali CNSAS dell’Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Trentino Alto Adige, oltre alla 6^ Zona Delegazione Speleologica Veneta ed 11^ Zona Delegazione Prealpi Venete, che hanno concorso in modo importante con il loro personale a dare sollievo alla nostra provincia”.

- Advertisment -

Popolari