13.9 C
Belluno
domenica, Aprile 18, 2021
Home Cronaca/Politica Impiegata 50enne di Vittorio Veneto sottrae alla propria azienda oltre 3 milioni...

Impiegata 50enne di Vittorio Veneto sottrae alla propria azienda oltre 3 milioni di Euro tramite operazioni bancarie online. Sequestrati dalla Guardia di Finanza conti correnti, una villa a Borca di Cadore e autovetture

guardia di finanzaDall’alba di oggi le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria di Venezia, su delega della locale Procura della Repubblica, stanno eseguendo perquisizioni e sequestri di beni mobili, immobili e autovetture, tra i quali spiccano una villa situata a Borca di Cadore, un immobile a Jesolo, un’autovettura di lusso e quote societarie per oltre un milione di euro.

I provvedimenti si inseriscono nel quadro di indagini nate a seguito della querela di un imprenditore trevigiano nei confronti di una propria ex dipendente, la quale al termine delle investigazioni è risultata aver sottratto illecitamente circa 3,2 milioni di euro dai conti correnti delle società presso cui lavorava.

Numerose sono le condotte truffaldine accertate: ripetuti e ingiustificati prelevamenti operati sul canale “home banking”, apposizione di firme false su assegni e disposizioni di bonifico, indebite percezioni dei propri compensi.

Una volta prelevate le somme, la segretaria infedele provvedeva ad accreditarle su propri conti personali, per reinvestirle in acquisizioni mobiliari ed immobiliari (anche tramite l’interposizione di una società) ovvero per reimpiegarle in vari modi a beneficio di se stessa e dei suoi due figli, destinatari anch’essi degli ingenti proventi dell’attività illecita.

Dopo un anno di indagini, svolte anche attraverso accertamenti bancari eseguiti su movimentazioni per oltre 10 milioni di euro, i finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria di Venezia hanno ricostruito l’intero giro d’affari dell’attività fraudolenta, che si protraeva ormai da anni, e individuato la destinazione di gran parte del patrimonio sottratto.

L’ex segretaria, una cinquantenne residente a Vittorio Veneto (TV), dovrà ora rispondere dei delitti di frode informatica, truffa aggravata, accesso abusivo a sistemi telematici e falsità, mentre i suoi due figli sono indagati per truffa, ricettazione e falso.

Le indagini sono tuttora in corso, al fine di delineare eventuali ulteriori illeciti commessi dalla segretaria.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Accordo Confartigianato-Feinar-Volksbank per il Superbonus 110%. D’Incà: «Una risposta ai nostri associati e al territorio bellunese

Confartigianato Belluno ha sottoscritto ieri (venerdì 16 aprile) un importante accordo con Feinar e Volksbank per semplificare l'accesso al Superbonus 110%. La convenzione prevede...

Sopralluogo al lago di Centro Cadore. La Provincia studia un intervento di pulizia simile a quello avviato a Santa Croce. Bortoluzzi: «Fondamentale per la...

La Provincia di Belluno sta studiando un intervento di pulizia del lago di Centro Cadore, simile a quello avviato qualche settimana fa a Santa...

Restaurate tre cornici dell’Ottocento del patrimonio artistico del San Martino, grazie al Centro Consorzi di Sedico

Belluno, 16 aprile 2021 - Sono state riportate al loro splendore tre cornici storiche, che racchiudono dipinti dell’ottocento del patrimonio artistico dell'ospedale "San Martino"...

La storia di 4 partigiane. Berton (Confindustria): “Donne e libertà, esempi per non dimenticare”

Una iniziativa di Confindustria Belluno e Isbrec a 76 anni dalla Liberazione. Lunedì 19 aprile la presentazione del libro "La casa in montagna" con...
Share