13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Incontro a Tambre sul tema: “Donne che hanno dato un contributo nuovo...

Incontro a Tambre sul tema: “Donne che hanno dato un contributo nuovo ed inedito alla riflessione teologica”

Silvana Bartoli (storica, Torino, Società Italia delle Storiche) e Silvana Panciera (sociologa, Brescia, Centre Européen de Rencontre et de Ressourcement) terranno un incontro a Tambre (venerdì 31 maggio alle 18 al centro sociale) sul tema: “Donne che hanno dato un contributo nuovo ed inedito alla riflessione teologica”. Una prima parte è dedicata a “La vicenda di Port-Royal”  (S.Bartoli). Nel ricchissimo universo monastico del ’600 francese la vicenda di Port-Royal assunse una valenza unica. Riformata nel 1609 con il ripristino della clausura e all’insegna della preminenza della libertà interiore rispetto alle ingiunzioni del potere (patriarcale, religioso, politico), l’abbazia verrà coinvolta, e si lascerà coinvolgere, dalle vicende connesse al giansenismo.
L’individuazione, da parte della Chiesa, di cinque proposizioni considerate eretiche nell’Augustinus di Jansen e l’imposizione di un formulario di condanna, rifiutato dalle monache di Port-Royal, porterà allo scontro e alla distruzione dell’abbazia, diventata
ormai simbolo del dissenso, nel clima gesuitico degli ultimi anni di regno di Luigi XIV.
Nella seconda parte “Le beghine, donne di libertà”  (S.Panciera). Pur avendo anche una componente maschile, il movimento beghinale, nato verso la fine del XII° secolo e spentosi nel XX°, è stato soprattutto un movimento di donne, comunemente conosciute con il nome di beghine. Si dice anche che, per il loro carattere d’indipendenza verso l’autorità maschile, il movimento delle beghine potrebbe essere considerato il primo movimento femminista a livello europeo. Ma perché il termine beghina è oggi usato come sinonimo di bigotteria o d’ipocrisia? Perché i loro scritti sono quasi inesistenti? E come mai, benché siano state le prime infermiere d’Europa, non esiste traccia di questa loro missione nei libri di storia della medicina?
* Evento organizzato da 5 associazioni: Ass. Belluno-Donna, Ass. Dafne, Ass. Il Tralcio, Ass. Tina Merlin, SeNonOraQuando Belluno.
* L’iniziativa completa comprende altri 5 incontri e un corso di Storia delle Donne [pieghevole_corso_2011.pdf]
* Con il patrocinio del Comune di S. Stefano di Cadore
* Finanziato con il contributo del Centro di Servizio per il Volontariato della Provincia di Belluno.

Share
- Advertisment -

Popolari

Rete elettrica. Incontro Provincia-Terna-ministro D’Incà. Padrin: «Chiediamo a Terna di conoscere i piani relativi all’intero Bellunese»

La Provincia di Belluno ha incontrato oggi i vertici di Terna, per continuare a ragionare dei miglioramenti infrastrutturali che riguardano le reti elettriche del...

Grandi opere. Padrin: «Belluno assente ma lavoriamo affinché le Olimpiadi risolvano i nostri gap». Bond: «Ennesima dimenticanza del Bellunese»

«Non posso dire di non essere sorpreso. Ma sicuramente le strategie relative alle Olimpiadi, pur non rientrando espressamente nella lista grandi opere per il...

Belluno, record di cassa integrazione. Paglini (Cisl): “A un passo dal baratro, serve un piano territoriale per l’occupazione e il rilancio”

"Eravamo preoccupati prima di leggere i dati, ma i numeri sono numeri e non lasciano spazio a interpretazioni: Belluno è la provincia veneta che...

Recovery Fund e Piano di Ripresa. 210 miliardi della UE da spendere e rendicontare entro il 2026. L’Italia sarà in grado? Probabilmente no

Il 2020 anno nefasto causa pandemia. Risalire si può, con le risorse UE (Recovery Fund e Piano di Ripresa e Resilienza Next Generation EU),...
Share