13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 19, 2021
Home Cronaca/Politica “Siamo ancora l’Italia degli spaghetti, mafia e camorra. Ecco cosa dice di...

“Siamo ancora l’Italia degli spaghetti, mafia e camorra. Ecco cosa dice di noi la stampa estera”. Ma era un pesce d’aprile con il ritratto dell’Italia a cavallo tra l’800 e il ‘900

pesce d'aprileIn omaggio alla tradizione del I° aprile che quest’anno ha coinciso con il lunedì di Pasquetta, anche Bellunopress ha pubblicato il suo pesce d’aprile.

E allora diciamo subito che è un tarocco l’editoriale dal titolo “Siamo ancora l’Italia degli spaghetti, mafia e camorra. Ecco cosa dice di noi la stampa estera” accompagnato dalla celebre immagine degli spaghetti conditi con il revolver del settimanale tedesco Der Spiegel del 1977.

In realtà i virgolettati attribuiti alla stampa estera The Washington Post, Daily Express, Frankfurter Allgemeine Zeitung li abbiamo presi da “Le origini della camorra” con gli scritti del professor Barbagallo relativi all’Italia di fine ‘800, quando “l’espansione dell’illegalità criminale si misurava con gli sviluppi della politica. Non essendo ancora nati i partiti di massa, questi si muovevano come aggregati di notabili, guidati da personalità eminenti come Nicotera, Crispi, Rudinì, Giolitti, Zanardelli, Sonnino. Non era più una stretta oligarchia di ricchi e aristocratici. Sulla scena politica irrompevano ceti meno altolocati, più disponibili a più larghe relazioni. Si tenga presente che le riforme elettorali degli anni ’80 allargavano il voto ai maschi ventunenni in grado di leggere e scrivere”.

Il ritratto del camorrista moderno che “conosce anticipatamente a chi verrà aggiudicato l’appalto” è di Eugenio De Cosa, funzionario di polizia, che nel 1908 traccia un intrigante profilo di questi criminali.

Insomma, è passato più di un secolo, ma se prendiamo un qualsiasi rapporto sulla criminalità redatto allora e lo virgolettiamo riproponendolo al lettore, difficilmente viene smascherata la bufala.

A onor del vero c’è stato un solo un commento con degli indizi su Facebook al nostro pesce d’aprile, firmato dall’anonimo John Wine, che sottolineava la singolare assenza della questione droga nel ritratto dell’Italia spaghetti mafia e camorra.

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Ancora bloccato l’appalto della galleria Pala Rossa tra Primiero e il Feltrino

La Comunità di Primiero e i Comuni del territorio scrivono alla Regione Veneto, alla Provincia di Trento, alla Provincia di Belluno e agli Enti...

Campi fotovoltaici sulle discariche dismesse. L’idea green di Legambiente favorita anche dal Recovery Fund

Cosa si potrebbe fare sulle superfici, teoricamente inutilizzabili, delle discariche sature, come ad esempio quella di Belluno in località Cordele, in via del Boscon,...

Vaccino anti covid. Settimana riservata alle seconde dosi

La Pfizer ha comunicato che, per il potenziamento della produzione di vaccini anti covid, lo stabilimento di Puurs in Belgio non riesce a consegnare...

Covid. Il direttore generale Ulss scrive alla Provincia. Padrin: «Intravvediamo la luce in fondo al tunnel. Ma vietato abbassare la guardia»

Belluno, 18 gennaio 2021 - Questa mattina il presidente della Provincia, Roberto Padrin, ha ricevuto una lettera dal direttore generale dell'Ulss 1 Dolomiti Adriano...
Share