13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 25, 2020
Home Cronaca/Politica Riordino province. Ghezze: "lasciare carta bianca al governo non è stata la...

Riordino province. Ghezze: “lasciare carta bianca al governo non è stata la mossa migliore. Spero che i nostri parlamentari sappiano fare squadra”

Stefano Ghezze

“Speravo in una presa di posizione diversa, nella quale emergesse chiaramente la questione bellunese, purtroppo si è deciso di non decidere. Mi auguro che a Roma prevalga la responsabilità e che i nostri parlamentari, al di là delle casacche politiche, sappiano davvero fare squadra”.

A dirlo, all’indomani della Conferenza Regione-Autonomie locali, è il coordinatore provinciale del Pdl Stefano Ghezze. “Non nascondo che l’orientamento della Conferenza sul riordino delle Province mi preoccupa. Lasciare tutto così com’è significa dare carta bianca al Governo”.

“Nonostante questo, voglio sottolineare il lavoro fatto da Ennio Vigne, che ha portato avanti le istanze del nostro territorio con grande determinazione”, continua Ghezze.

“A Roma dobbiamo fare massa critica anche con gli esponenti politici delle altre realtà montane, come Sondrio”, conclude il coordinatore provinciale.

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Dpcm del 25 ottobre 2020, ecco le nuove restrizioni in vigore da lunedì 26 ottobre al 24 novembre

E' stato diffuso il testo definitivo del nuovo Decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 25 ottobre 2020 che sarà in vigore dal...

Nasce a Ponte nelle Alpi il nuovo ambulatorio di Medicina generale che riunirà 5 medici

Un'unica sede per riunire tutti i medici di Ponte nelle Alpi: sta per nascere il nuovo ambulatorio di Medicina generale, finalizzato a offrire alla...

Rispettiamo le regole. L’appello del presidente della Provincia Roberto Padrin

In questo momento dobbiamo essere tutti responsabili. I numeri dei contagi e l'aumento dei ricoveri ospedalieri ci obbligano a comportamenti rispettosi delle regole. Dobbiamo...

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...
Share