13.9 C
Belluno
venerdì, Ottobre 23, 2020
Home Cronaca/Politica Provincia di Belluno. Michele Carbogno: “Siamo all’ultima vergognosa pagina di una storia...

Provincia di Belluno. Michele Carbogno: “Siamo all’ultima vergognosa pagina di una storia finita. Proviamone una nuova”

“Tutte più o meno speciali le province venete, tutte da salvaguardare. Questo il concetto espresso ieri dalla conferenza permanente Regione Autonomie locali: come dire, noi non siamo in grado di fare sintesi, fatela voi. E in quel fatela voi c’è indirettamente una delega piena al governo centrale a taglieggiare e far sparire pure Belluno”. Lo afferma l’ex vicepresidente della Provincia Michele Carbogno commentando la proposta di lasciare tutto come prima maturata in Regione e lasciar fare il taglio al governo centrale.

“L’ennesimo fallimento, dunque, di una politica abituata a litigare o a farsi gli affari suoi, da troppo tempo slegata dall’obiettivo vero di servire i cittadini. E d’altro canto cosa potevamo pretendere noi bellunesi, noi che da mesi non abbiamo nemmeno un interlocutore al tavolo a rappresentare la provincia perché la nostra di provincia l’avevamo buttata a mare giusto un anno fa. E mica per insormontabili difficoltà amministrative, ma semplicemente per una “lotta tra bande”, volendo parafrasare le parole utilizzate qualche giorno fa dall’ex ministro Prestigiacomo.

Ora ci sarà un passaggio pleonastico nell’Assemblea regionale e poi il tutto sarà trasferito nelle mani del Parlamento, di un Parlamento con centinaia di inquisiti (come ha riferito domenica la trasmissione Report) che peraltro continua imperterrito nel suo cammino, ma che certo non si scannerà nella difesa della specialità di Belluno.

Ma la notizia del giorno è l’arresto di Fiorito: una vicenda, quest’ultima, che solo apparentemente non c’entra con le oggettive difficoltà di un territorio come il nostro; essa infatti rappresenta l’emblema del perché nel tempo si sia perduta la credibilità nelle istituzioni. Come la rappresentano pure gli altri scandali nel Lazio, in Lombardia, Sicilia, Campania e via andare: troppi cattivi esempi per pensare che la semplice espulsione di un Fiorito, come si è affrettato a fare il Pdl, possa risolvere alla matrice il problema della credibilità perduta.

Oggi più che mai – conclude Michele Carbogno fondatore del Movimento Belluno protagonista –  c’è la necessità di rifondare un’intera classe politica, a destra come a sinistra dalle Alpi alla Sicilia. Limitandomi peraltro ai problemi di casa mia, ovvero il centrodestra, voglio sposare le parole dette in un twett dall’europarlamentare Fidanza: “siamo all’ultima vergognosa pagina di una storia finita. Proviamone una nuova”. Forse solo così potremo sperare in un futuro migliore… anche per Belluno”.

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Aperto alla Fiera di Padova il Salone auto e moto d’epoca. Inaugurazione ufficiale venerdì mattina alle 11

Oggi è il giorno di Auto e Moto d’Epoca a Padova. Uno dei più importanti appuntamenti internazionali dedicati ai veicoli storici apre i...

Ordinanza sugli orari di sale slot. Il Tar dà ragione al Comune di Belluno e respinge la richiesta di sospensiva

Nuova vittoria del Comune di Belluno al tribunale amministrativo in materia di gioco d'azzardo: la Terza Sezione del TAR Veneto ha infatti respinto la...

Stefano Bellotto è il nuovo presidente di Adiconsum

Stefano Bellotto è il nuovo presidente di Adiconsum Belluno Treviso, l'Associazione dei consumatori promossa dalla Cisl. 50 anni, trevigiano, residente ad Auronzo di Cadore,...

A Cancia è arrivata la briglia “Sabo dam”. Bortoluzzi: «Entro fine anno l’installazione»

Lavori in dirittura d'arrivo a Borca di Cadore. Nei giorni scorsi è arrivata la struttura componibile della briglia "Sabo dam", l'opera principale dell'imponente lavoro...
Share