13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 22, 2024
HomeCronaca/PoliticaLa riforma della Protezione civile: più poteri ai sindaci. Passi in avanti...

La riforma della Protezione civile: più poteri ai sindaci. Passi in avanti sul fronte della prevenzione: introdotte attività di contrasto dell’emergenza e mitigazione del rischio

Maurizio Fistarol senatore Verso Nord

«Nel Bellunese si fa ancora troppo poco per arginare e prevenire i dissesti idrogeologici, ma qualche passo in avanti è stato fatto con la riforma della Protezione civile approvata, in via definitiva, dal Senato». A dirlo è il parlamentare di Verso Nord, Maurizio Fistarol.

«Il problema – spiega Fistarol – va affrontato alla radice superando la logica “emergenziale” e puntando sulla pianificazione e sulla prevenzione utilizzando il patrimonio di competenze e professionalità che sono presenti anche nel nostro territorio. In particolare il nuovo testo integra l’elenco dei compiti di protezione civile, facendovi rientrare lo svolgimento delle attività dirette non solo al superamento dell’emergenza, ma anche al contrasto dell’emergenza e alla mitigazione del rischio. Del tutto nuova, inoltre, appare l’inclusione, tra le attività di previsione, di quelle di monitoraggio, sorveglianza, vigilanza in tempo reale degli eventi e del preannuncio dei livelli di rischio attesi».

«Il disegno di legge, inoltre, rafforza i compiti e i poteri che spettano al sindaco – continua Fistarol – assegnandogli, oltre a quanto già previsto dalla normativa vigente, la funzione di direzione generale dei servizi di emergenza che insistono sul territorio del comune. Durante l’esame in Parlamento, infine, sono stati inseriti tre nuovi commi 3-bis e 3-ter e 3-quater all’articolo 15 della legge n. 225 del 1992 che prevedono che il Comune approvi, con deliberazione consiliare ed entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto, il Piano di emergenza comunale previsto dalla normativa vigente in materia di protezione civile, redatto secondo i criteri e le modalità riportati nei modelli e manuali emanati dal Dipartimento della Protezione civile e dalle Giunte regionali».

 

 

 

 

 

 

- Advertisment -

Popolari