13.9 C
Belluno
domenica, Febbraio 28, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Presentato al ristorante Al Borgo il nuovo libro di Sergio Tazzer sulla...

Presentato al ristorante Al Borgo il nuovo libro di Sergio Tazzer sulla storia delle miniere della Val Imperina

Rivalutare il sito delle miniere della Valle Imperina è possibile e doveroso. Fonte economica dell’intera vallata agordina un tempo, oggi potrebbe ritornare ad esserlo se rivalutato dal punto di vista turistico. Quello che si è fatto fino ad oggi per ripristinare gli antichi edifici, le officine e i sentieri circostanti, non è bastato per far decollare il turismo in Valle Imperina. Il Parco delle Dolomiti Bellunesi, che ha in gestione le strutture, non fa ciò che ci si sarebbe aspettato. Questo monito è venuto da Giuliano Laveder, presidente del Club Unesco di Rivamonte Agordino, che, intervenuto all’interno della conferenza stampa di presentazione del libro “Canòpi e nobilomeni. Storia e miniere nell’Agordino” (Kellerman editore, 176 p. euro 15) di Sergio Tazzer, ha suscitato questo spunto di riflessione in tutti i presenti. Riportare alla grandezza e allo splendore di un tempo le miniere della Valle Imperina, certo non è facile, dato che, come ha raccontato l’autore del libro, il giacimento a pochi chilometri da Agordo fin dal ‘400 era diventato il più importante fornitore di ferro e rame della Repubblica di Venezia. Ma uno sforzo in più, da quanti si occupano della gestione del sito, anche l’autore lo auspicherebbe.
Ridare alla vallata agordina e, con essa a tutti i siti minerari che fecero grande Venezia (dall’Agordino, allo Zoldano, per passare ad Auronzo e al Tarvisiano), il meritato riconoscimento della loro importanza storico-economica per il territorio montano, è uno degli obiettivi del libro, insieme a quello di stimolare le popolazioni di montagna a rivalutare i luoghi dando, così, nuova dignità anche alla gente.
Tazzer ha presentato il suo lavoro ieri, 24 maggio, a Belluno nel giardino del ristorante “Al Borgo”. Una ricerca storica partita dal Bellunese e sviluppatasi fino alla Boemia, luogo da dove giunsero numerosi minatori, i canòpi, che in Val Imperina vennero a lavorare e che, poi, si insediarono dando origine a numerose famiglie e cognomi bellunesi, tra cui quello di Tazzer. L’autore ha, infatti, aperto la presentazione del suo nuovo lavoro con un ricordo del suo cognome, punto di partenza da cui è scaturita questa ricerca storica.
INFO: KELLERMANN EDITORE
PIAZZA SAN MICHELE, 29
31029 VITTORIO VENETO
TEL. 0438.940903
FAX 0438. 947653
info@kellermanneditore.it

Share
- Advertisment -

Popolari

L’assessore Lanzarin risponde sui 52 milioni destinati alle Ulss venete, esclusa Belluno

Dopo le varie proteste per i mancati stanziamenti della Regione Veneto all'Ulss 1 Dolomiti (nulla dei 52 milioni), nell'ordine, quella del sindaco di Belluno...

Italia Polo Challenge. Questa mattina la sfilata in centro Cortina preceduti dai carabinieri a cavallo

Italia Polo Challenge, evento che conferma il polo ‘on snow’ tra gli appuntamenti sportivi più attesi di Cortina d’Ampezzo, prosegue, seppure a porte chiuse,...

Attraversamenti faunistici. De Bon: «Obiettivo sicurezza, per gli automobilisti e per gli animali»

Provincia di Belluno e Veneto Strade sono al lavoro per prevenire gli incidenti stradali che coinvolgono la fauna selvatica. Negli ultimi vent'anni infatti sono...

Il saluto al nuovo direttore generale dell’Ulss 1 Maria Grazia Carraro

L’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Belluno dà il benvenuto alla dottoressa Maria Grazia Carraro, che per i prossimi 5 anni sarà...
Share