13.9 C
Belluno
giovedì, Marzo 4, 2021
Home Prima Pagina Da piazza dei Martiri, parte lunedì il viaggio della memoria: 2300 Km...

Da piazza dei Martiri, parte lunedì il viaggio della memoria: 2300 Km con le storiche Topolino, destinazione Auschwitz, in Polonia

Alla presenza del sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, del presidente della Sezione bellunese dell’ Associazione Nazionale Partigiani Italiani (A.N.P.I.) Gianpaolo De Pase e di Gianpaolo Bottacin, presidente dell’ Automobile Club Belluno, partiranno da Piazza dei Martiri in centro Belluno, lunedì 28 maggio alle ore 9,30, le Topolino partecipanti al “Il Viaggio della Memoria”, organizzato dal Club Amici della Topolino della Provincia di Belluno. Che porterà un selezionato gruppo di vetture provenienti da tutta Italia al campo di concentramento di Auschwitz, in Polonia.

Il Viaggio durerà sette giorni e le Topolino percorreranno 2300 km., attraversando sette nazioni, per ricordare il 70° anniversario della Conferenza di Wannsee, durante la quale i nazisti di Hitler decisero di attuare “la Soluzione Finale”, cioè lo sterminio sistematico di milioni di ebrei in tutta Europa. Le Topolino, nel loro Viaggio, renderanno omaggio anche ad altri due luoghi simbolo dell’ Olocausto: la Risiera di San Sabba a Trieste, l’unico campo italiano dotato di forno crematorio, ed il Lager di Mauthausen in Austria.

Il Club Amici della Topolino della Provincia di Belluno viene fondato nel 1979 con l’obiettivo di riunire i possessori e gli appassionati della Fiat 500 denominata “Topolino” e di provvedere alla conservazione ed al restauro della stessa. Nel corso degli anni il Club, pur mantenendo la propria sede a Feltre è notevolmente cresciuto ed ormai annovera iscritti da tutta Italia ed anche dell’estero.

“Le mete in programma saranno esperienze indimenticabili per l’alto valore civile e morale che esse evocano – dichiara Daniela Pongiluppi, presidente del Club Amici della Topolino della Provincia di Belluno –  Arrivarci in Topolino aggiungerà qualcosa in più alla visita perchè questa era la vettura più popolare dell’epoca per le strade italiane ed europee, come mi ha ricordato Franco Perlasca, raccontando dell’impegno umanitario del padre Giorgio, che salvò migliaia di cittadini ebrei a Budapest spostandosi proprio con una Topolino”.

L’iniziativa ha riscosso fin dal primo momento grande interesse per l’originalità e la motivazione storica ed ha ricevuto il patrocinio della rivista Auto d’Epoca, del Registro Fiat Italiano, della Fondazione Perlasca, dell’Associazione Nazionale Partigiani Italiani, della Provincia e del Comune di Belluno e dell’ Automobile Club di Belluno.

Gianpaolo Bottacin, dopo essersi complimentato con Daniela Pongiluppi, che è anche consigliere dell’Automobile Club Belluno, dichiara: “L’ Aci  ha dato il proprio patrocinio per il grande significato dell’iniziativa, per il recupero storico di un’epoca espressa anche dalla Topolino che è stata la prima vera utilitaria per gli italiani e infine per l’impegno di un Club che orgogliosamente si presenta come Club della Provincia di Belluno”.

(nella foto: Giorgio Perlasca ritratto al posto di guida della Fiat 600 in Piazza dei Martiri il 29.3.1956– per gentile concessione di Franco Perlasca)

Share
- Advertisment -

Popolari

Grave una giovane scialpinista caduta in Palantina

Tambre (BL), 4 marzo 2021 - Sono gravi le condizioni di una giovane scialpinista caduta da un salto di roccia mentre con un'amica risaliva...

Venerdì alle ore 9.00 da Cortina il via all’8va edizione della WinteRace

Al via domani alle ore 9.00 da Corso Italia, l’ottava edizione della WinteRace. Alla Super classica Acisport, che si svolgerà il 4-5-6 marzo totalmente in...

Valle del Mis. Sopralluogo per far partire i lavori. Luchetta: «Oltre 1 milione di euro per il ripristino della strada»

I lavori di ripristino della carreggiata sulla Sp 2 della Valle del Mis possono cominciare nel giro di poche settimane. La Provincia di Belluno...

Rotatorie di Levego e Sagrogna. Comitato: “La misura è colma”

Belluno, 4 marzo 2021 - "Siamo stufi di aspettare, dopo due anni in cui abbiamo solamente sentito delle promesse e nulla dal punto di...
Share