13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 25, 2020
Home Cronaca/Politica Sequesto dell'impianto asfalti di Busche. Gianni De Bastiani: "le autorizzazioni rilasciate dal...

Sequesto dell’impianto asfalti di Busche. Gianni De Bastiani: “le autorizzazioni rilasciate dal Comune sono assolutamente corrette”

Sulla vicenda relativa al sequestro ed alle indagini sull’impianto asfalti di Busche interviene il Primo cittadino di Cesiomaggiore Gianni De Bastiani. Che innanzitutto richiama al rispetto per il lavoro dei giudici che stanno eseguendo le indagini. Dopodiché snocciola una serie di questioni “collaterali” conseguenti al sequesto.
“Come rappresentante della comunità cesiolina – scrive De Bastiani –  non posso non  esprimere lo stupore della gente comune a fronte di un provvedimento  che blocca un impianto moderno, con la prospettiva invece che venga  riavviato l’impianto vecchio, non ancora dismesso, che ha già creato  in passato problemi per rumori ed odori.
Ricevo anche le preoccupazioni delle maestranze coinvolte e delle loro  famiglie che vedono messi in discussione posti di lavoro, così
preziosi in questa momento di particolare crisi.
L’amministrazione comunale ritiene utile ribadire ancora una volta che le procedure svolte dall’ufficio tecnico comunale, ossia gli atti e le
verifiche tecniche e amministrative volte al rilascio del permesso di costruzione dell’impianto, si sono svolte in assoluta correttezza.
Infatti l’impianto non è stato realizzato in zona agricola in quanto  l’area in questione, oltre che essere poco idonea e vocata alle  colture agricole (!), non può essere disciplinata con il piano  regolatore dell Comune trattandosi di area demaniale ove solo l’ente proprietario può disporre in ordine alle sue modalità di utilizzazione. Inoltre è stato realizzato a più di 60 metri dai corsi d’acqua e  quindi fuori dalla zona fluviale con vincolo di inedificabilità  assoluta che invece riguarda le fasce poste entro i 15 metri dal  ciglio dei fiumi e torrenti.
Inoltre – prosegue il sindaco –  non va tralasciato che il Genio civile ha espresso parere  favorevole in data 19 agosto 2010 nei riguardi idraulici,
idrogeologici e della tutela richiesta dai siti Natura 2000 (zone SIC  e ZPS). Inoltre lo stesso Genio civile il 22 dicembre 2010 ha  rinnovato le concessioni anche per l’installazione del nuovo impianto di conglomerati bituminosi dichiarando la sua ammissibilità anche nei  riguardi della polizia e sicurezza idraulica.  La speranza, come già ho detto, è che la verità dei fatti emerga al più presto.
La gente fa fatica a comprendere come possa accadere che dopo un anno di controlli sulle carte, dal parte del Comune, ULSS, Provincia,
Regione, Genio Civile, Vigili del Fuoco, Arpav, ci manca solo l’Alta  Corte di Giustizia Europea, non si sappia ancora se l’impianto poteva
o meno essere fatto.
Forse invece si è capito perché tanti imprenditori, ricercatori e  giovani vanno all’estero per trovare un futuro migliore!
Gianni De Bastiani

Share
- Advertisment -


Popolari

Nasce a Ponte nelle Alpi il nuovo ambulatorio di Medicina generale che riunirà 5 medici

Un'unica sede per riunire tutti i medici di Ponte nelle Alpi: sta per nascere il nuovo ambulatorio di Medicina generale, finalizzato a offrire alla...

Rispettiamo le regole. L’appello del presidente della Provincia Roberto Padrin

In questo momento dobbiamo essere tutti responsabili. I numeri dei contagi e l'aumento dei ricoveri ospedalieri ci obbligano a comportamenti rispettosi delle regole. Dobbiamo...

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...

Agricoltura di montagna. Dorfmann: aumenta il livello di protezione, maggiori aiuti alle aziende costituite da giovani

Si è chiusa con il voto di approvazione di ieri sera la quattro giorni che al Parlamento Europeo ha visto in discussione uno dei...
Share