13.9 C
Belluno
sabato, Gennaio 23, 2021
Home Cronaca/Politica Veneto, crescono i turisti. Finozzi: i dati su arrivi e presenze indicano...

Veneto, crescono i turisti. Finozzi: i dati su arrivi e presenze indicano segnali di ripresa

Caorle
Caorle

Oltre sei milioni di turisti hanno visitato il Veneto nel periodo tra gennaio e giugno e vi hanno trascorso complessivamente oltre 21 milioni di pernottamenti. I dati sull’andamento del turismo nel Veneto nella prima parte dell’anno presentati stamani a palazzo Balbi, a Venezia, dall’assessore regionale al Turismo Marino Finozzi dimostrano che il sistema regionale tiene e reagisce bene. “L’incremento del 2,6% degli arrivi nei primi sei mesi del 2010 rispetto al 2009 è un chiaro segno che i turisti continuano a preferire il Veneto. Ottimi sono i segnali che arrivano da alcune delle località per le quali sono già disponibili i dati di luglio: Caorle-Bibione arrivi +3,18%, presenze -1,5%; Garda arrivi +3,13%, presenze +2,6%. Questi numeri, assieme  alle prime stime dell’andamento di agosto fanno ben sperare per il settore dell’ospitalità nel Veneto e indicano che le offerte, dal balneare, alla montagna, alle città d’arte, fino al lago e le terme, sono attraenti e hanno forte richiamo pur in una situazione generale difficile”. “La crisi infatti – precisa l’assessore Finozzi – si fa ancora sentire sulla durata delle vacanze: anche per il 2010 prevale la tendenza a fare vacanze ma a rimanere meno a lungo nelle località turistiche. A una ripresa degli arrivi non corrisponde insomma un incremento delle presenze. I dati inerenti i primi sei mesi dell’anno da questo punto di vista indicano per il Veneto uno 0,87% di riduzione dei pernottamenti rispetto al 2009”. “Molto incoraggiante è la forte ripresa delle città d’arte, Venezia (arrivi +8,9%, presenze +0.86%), Padova (arrivi +13,3%, presenze +10,9%), Verona (+12,43% arrivi, +9,40% presenze) e Treviso (+8,2% arrivi, + 6,66% presenze), le prime a beneficiare dei segnali di ripresa dell’economia mondiale (in primis Usa e Asia). Alle Terme euganee i dati (+0,88% arrivi, – 1,16% presenze) mostrano un’inversione di tendenza, merito del lancio di una massiccia campagna di informazione medico-scientifica e pubblicitaria. Positiva conferma delle presenze straniere: le città d’arte, il mare e il lago di Garda si confermano mete privilegiate per i tedeschi e gli austriaci con ulteriori incrementi rispetto la già positivo 2009: Usa +4,3%, Francia +4,2%, Giappone +11,8%, Germania +2%, Cina +17,8%. Attendiamo infine i dati della montagna anche se fino a giugno non erano positivi complice l’andamento meteorologico particolarmente negativo del mese di giugno”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Fuga di infermieri e operatori sanitari dalle Case di riposo verso la Uls. Il tema del’OSS specializzato

Contratti di assunzione vantaggiosi e questioni di contagio hanno determinato nei mesi scorsi la fuga degli infermieri e degli operatori sanitari dalle case di...

La Granfondo Dobbiaco-Cortina cambia programma

La gara del circuito Visma Ski Classics slitta a domenica. Sabato gara in tecnica classica per atleti di interesse nazionale a partire dalle 10. Domenica...

Concorso anestesisti. Interrogazioni in Consiglio regionale e in Parlamento. Il PD provinciale vuole fare luce sulle criticità della sanità bellunese

Belluno, 22 gennaio 2021  -  Il gruppo consiliare del Partito democratico presenterà a breve un'interrogazione per fare chiarezza sulla mancata richiesta di anestesisti da parte...

Inaugurata la Scuola dell’infanzia statale a Chies d’Alpago

Si è tenuta oggi l'inaugurazione ufficiale della Scuola dell’Infanzia statale di Chies d'Alpago, con il taglio ufficiale del nastro da parte degli stessi bambini...
Share