13.9 C
Belluno
lunedì, Settembre 28, 2020
Home Cronaca/Politica Rabbia silvestre sotto controllo, l'assessore Stival annuncia la fine delle limitazioni alla...

Rabbia silvestre sotto controllo, l’assessore Stival annuncia la fine delle limitazioni alla circolazione dei cani

Daniele Stival
Daniele Stival

Il dirigente regionale competente in materia di sanità animale ha firmato oggi un decreto che stabilisce la possibilità per i cani di tornare a circolare negli ambienti agro-silvo-pastorali, purché in regola con la vaccinazione, modificando e integrando un’ordinanza del Presidente della Giunta dello scorso 24 novembre contenente misure urgenti per contrastare la diffusione di rabbia silvestre nel Veneto.  Ne ha dato notizia durante il consueto punto stampa successivo alla riunione di Giunta l’assessore regionale alla caccia Daniele Stival. “Lo avevo preannunciato qualche tempo fa – ha detto Stival – che avremmo presto sbloccato la situazione, grazie ai buoni risultati conseguiti dal Veneto presso l’Unità di Crisi nazionale per la Rabbia, la quale ha valutato positivamente sia le modalità di esecuzione degli interventi di vaccinazione orale delle volpi, sia le nostre richieste che miravano a venire incontro alle esigenze e alle aspettative del mondo cinofilo e venatorio”. “Con il decreto – prosegue l’Assessore regionale – viene sancita la revoca di tutte le residue limitazioni alla circolazione, all’addestramento e all’allenamento dei cani in ambiente agro-silvo-pastorale, pur in un contesto, evidentemente, di doverosa attenzione ai profili di profilassi vaccinale e di monitoraggio dell’andamento dell’epidemia, monitoraggio per il quale si dovrà fare ricorso ancora una volta alla collaborazione ed al senso di responsabilità dei cacciatori”. “Ritengo – conclude Stival – che il “sistema Veneto” esca rafforzato dall’esperienza maturata nel corso dei trascorsi mesi più critici e questo grazie da una parte all’operatività messa in campo dall’Istituto Zooprofilattico delle Venezie e dalle Amministrazioni provinciali, dall’altra alla sensibilità dimostrata dai cacciatori: il loro ruolo di presidio sul territorio ha avuto modo di esplicarsi concretamente, contribuendo a portare ai buoni risultati che oggi abbiamo consolidato”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Focolai di contagio covid a San Pietro di Cadore e Santo Stefano di Cadore. La Prefettura dispone l’intensificazione dei controlli di polizia

Si è tenuta oggi pomeriggio, in Prefettura, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana Cogode, con...

Indennità di rischio radiologico, la Cisl diffida l’Ulss 1 Dolomiti

La decisione della Ulss 1 Dolomiti, avvallata dal Nucleo aziendale di valutazione del rischio radiologico (Navrr) è definitiva: ai lavoratori di categoria B, infermieri...

Oltre le Vette 2020. Venerdì la prima serata della rassegna dedicata all’alpinismo e all’avventura

Si terranno al Teatro Comunale di Belluno le serate dedicate all’alpinismo e all’avventura della 24a edizione di Oltre le vette – Metafore, uomini, luoghi...

Olimpiadi 2026, tensione Cio-Governo. Berton: “Non si commettano passi falsi. Serve la massima collaborazione per evitare la perdita di finanziamenti”

Belluno 28 settembre 2020 - "Le parole pronunciate da Thomas Bach devono essere prese in serissima considerazione dal Governo. Sulle Olimpiadi Milano-Cortina del 2026...
Share