13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 5, 2020
Home Cronaca/Politica Oscar De Bona auspica il pieno riconoscimento del valore degli eroi del...

Oscar De Bona auspica il pieno riconoscimento del valore degli eroi del Suem

L’assessore regionale Oscar De Bona ha accolto con particolare conforto la buona notizia del conferimento da parte del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano della medaglia d’oro al merito civile alla memoria degli “eroi del cielo” Stefano Da Forno, Dario De Felip, Fabrizio Spaziani e Marco Zago.  «Confido – dichiara De Bona – che a questi quattro nostri amici, i quali sono morti per tutti noi, venga riconosciuto in pieno il loro valore anche nelle stanze della burocrazia e della giustizia. Tutti noi bellunesi, e non solo, siamo con le loro famiglie. Tutti noi proviamo ancora un profondo dolore per la tragica fine dei nostri “angeli della montagna” periti in missione sul “Falco” il 22 agosto scorso. E riesco solo immaginare come possano essere affranti i congiunti di questi eccellenti operatori del Suem. Mi stringo ai genitori, alle mogli, ai figli, ai fratelli e agli amici di Stefano, Dario, Fabrizio e Marco».  «Anche se non può bastare per colmare il grande vuoto che questi uomini lasciano – continua l’assessore bellunese – possa questo alto riconoscimento del Presidente della Repubblica, assieme al più locale Premio San Martino, rimanere come segno perenne di riconoscenza di un popolo che ama i suoi eroi. Perché questi ragazzi erano davvero i nostri custodi in montagna, sulla strada e in ogni nostra attività, pronti a calarsi con l’elicottero e sprezzanti del pericolo a cui andavano incontro in ogni salvataggio. Fino a rimanerne vittime».

Share
- Advertisment -

Popolari

Comune di Belluno, contributi alle associazioni 2020. Bando esteso alle spese sanitarie Covid e a quelle ordinarie

Tre novità per il consueto bando di fine anno dedicato alle associazioni impegnate in attività sul territorio del Comune di Belluno: oltre al tradizionale...

In libreria. Il delitto di Busto Arsizio, la raccapricciante storia di Silvia Da Pont, 21enne di Cesiomaggiore fatta morire nel 1951 da Carlo Candiani

Il delitto di Busto Arsizio, l'ultimo libro di Roberto De Nart, in libreria per Natale, è una storia realmente accaduta. Fu un caso che...

Fondo per le aree montane, 210 milioni. Bussone: “Un’importante misura per lo sviluppo locale”

È in Gazzetta Ufficiale da ieri sera il Decreto varato dal Governo il 15 settembre 2020 che ripartisce tra i Comuni delle aree interne...

Patrizia Manca eletta Segretaria generale della Fisascat Cisl Belluno Treviso

Patrizia Manca è la nuova Segretaria della Fisascat Cisl Belluno Treviso, la Federazione di categoria che rappresenta i lavoratori e le lavoratrici dei settori...
Share