13.9 C
Belluno
giovedì, Settembre 24, 2020
Home Cronaca/Politica Manzato alla LatteBusche: il sistema veneto deve allargare gli orizzonti di mercato

Manzato alla LatteBusche: il sistema veneto deve allargare gli orizzonti di mercato

“La Regione ringrazia la cooperativa Lattebusche per la qualità delle produzioni e per il ruolo che svolge soprattutto per la difesa della zootecnia bellunese e degli allevamenti di montagna. Per restare sul concreto, noi dobbiamo però promuoverne le produzioni e vendere: vendere il territorio veneto e tutte le sue produzioni di qualità, facendole anzitutto conoscere e rendendole facilmente riconoscibili”. Lo ha ribadito il vicepresidente ella Giunta regionale Franco Manzato, intervenendo questa mattina, nella sede della Lattebusche a Cesiomaggiore, in provincia di Belluno, al consiglio di amministrazione della cooperativa e alla manifestazione per promuovere il formaggio “Piave”, campione e vincitoree di premi di bontà, ottenuto secondo un’antica tradizione esclusivamente con latte bellunese e ormai incamminato verso il traguardo del riconoscimento europeo della Denominazione d’Origine Protetta: il disciplinare è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della comunità il 29 settembre scorso. L’incontro è stato tuttavia anche l’occasione per allargare il discorso sia sulle azioni a sostegno dell’intero settore lattiero caseario, oggi fortemente penalizzato con costi di produzione superiori al guadagno, sia sulla esigenza di allargare il sistema di valorizzazione del prodotto veneto di qualità e di fare in modo che tutti i segmentii dell’economia regionale si mettano in sinergia rispetto a questo obiettivo. Per quanto riguarda il comparto lattiero, Manzato ha richiamato tra l’altro l’azione regionale per costruire un disciplinare per il latte veneto, le iniziative allo studio per assicurare più valore aggiunto alle produzioni regionali e l’iniziativa di sostegno al settore nel bando di attuazione del Programma di Sviluppo Rurale, già all’esame del Consiglio. “Oggi la strategia per promuovere le produzioni venete è la stessa del territorio e della Regione: essere visibili, riconoscibili e conosciuti. Per l’anno prossimo è previsto un forte impegno comunicativo, ma più in generale tutte le iniziative vecchie e nuove, come ad esempio Ville Venete Aperte, dovranno vedere la compresenza di cultura,arte, turismo e agroalimentare. Siamo anche ormai pronti – ha ricordato – alla firma dell’accordo tra turismo e agroalimentare veneto, il cui obiettivo è che tutte le strutture turistiche, di ospitalità e di ristorazione evidenzino e propongano i prodotti del territorio. Puntiamo inoltre ad una filiera corta anche tra produttori e Grande distribuzione: voi ci date spazio e immagine, noi vi promuoviamo”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Aggiornamento Ulss Dolomiti. La settimana prossima aprono i drive-in a Caprile e Tai

Le ultime 24 ore di attività laboratoristica hanno registrato otto nuove positività: • sei relative a contatti stretti di casi confermati, individuate a seguito di...

Al Lago di Santa Croce, nel bosco dei salici pendenti e delle barbe rosse con Anacleto Boranga

Prosegue cammiNATURAlmente con l'Oasi naturalistica del Lago di Santa Croce, programmato dall'Associazione culturale Centro UPM di Belluno con Anacleto Boranga, divulgatore e guida naturalistica...

Tari 2020 Belluno. Sconto per le attività economiche chiuse per Covid

Sconto del 25% sulla quota variabile della TARI 2020 per le attività economiche costrette alla sospensione o chiusura a causa dell'epidemia da Covid-19: questa...

Oltre le Vette 2020. “Il ritorno alla montagna” è il tema della 24a edizione

Sarà presentato ufficialmente sabato 26 settembre, in occasione della conferenza stampa, il programma completo della 24a edizione di Oltre le vette – Metafore, uomini,...
Share