13.9 C
Belluno
lunedì, Settembre 26, 2022
Home Cronaca/Politica Regione: un milione e mezzo alla Gis di Cortina per lo stadio...

Regione: un milione e mezzo alla Gis di Cortina per lo stadio del ghiaccio. Individuati i territori riconosciuti con “stato di crisi” 2009

Per i lavori di ristrutturazione dello stadio del ghiaccio di Cortina d’Ampezzo, ritenuto dalla Regione struttura che presenta caratteristiche d’eccellenza, la giunta del Veneto contribuisce con un milione e mezzo di euro. Il contributo ha come beneficiaria la società per la Gestione degli Impianti Sportivi di Cortina srl (Gis)  a partecipazione esclusiva del Comune del capoluogo ampezzano.  «Sono lieto che il provvedimento proposto dal collega ai Lavori pubblici Massimo Giorgetti sia stato accolto dalla giunta – sottolinea Oscar De Bona – perché questa struttura sportiva che ricorda le tante glorie olimpiche del ’56 possa continuare ad essere al centro di manifestazioni di alto livello e continuare così nella funzione per cui era stata creata».
 Dal 1984 lo stadio è “in consegna” alla Gis la cui finalità consiste nella gestione e manutenzione degli impianti sportivi comunali, nonché nella promozione ed organizzazione di eventi sportivi per conto del Comune di Cortina.
Ecco i Comuni bellunesi individuati

Con la deliberazione odierna proposta dall’assessore Elena Donazzan, la giunta del Veneto ha stabilito definitivamente i territori colpiti dagli eventi calamitosi eccezionali verificatisi quest’anno nei mesi da gennaio a maggio e il 18 luglio per i quali la Regione aveva dichiarato lo stato di crisi. «A fronte dei gravi danneggiamenti subiti dal patrimonio privato – fa sapere Oscar De Bona – questo provvedimento dispone che i contributi siano concessi in ragione dell’entità dei danni e della spesa sostenuta per  riparare o ricostruire edifici adibiti ad abitazione o ad attività produttive; riparazione o sostituzione di impianti, attrezzature, arredi strettamente necessari all’attività produttiva; riparazione o sostituzione di beni mobili in maniera tale da non essere più utilizzati».   
I Comuni bellunesi individuati sono:
evento 1-8 febbraio: Alleghe, Auronzo, Calalzo, Canale d’Agordo, Cibiana, Colle Santa Lucia, Comelico Superiore, Cortina, Danta, Falcade, Forno di Zoldo, La Valle Agordina, Livinallongo del Col di Lana, Lorenzago, Lozzo, Perarolo, Pieve di Cadore, Quero, Rocca Pietore, San Nicolò Comelico, San Pietro di Cadore, San Tomaso Agordino, Sappada, Selva di Cadore, Sovramonte, Taibon, Vallada, Vigo, Vodo, Zoldo Alto e Zoppè;
evento 22 – 24 maggio: Chies d’Alpago, Longarone, Pieve d’Alpago, Tambre e Trichiana;
evento del 18 luglio: Borca, Calalzo, Perarolo, Pieve di Cadore, Selva e Valle di Cadore.

Share
- Advertisment -

Popolari

Politiche 2022. Osnato (FdI): “Una vittoria senza se e senza ma”

"Questa mattina, con dati ormai definiti, possiamo sicuramente trarre le prime considerazioni. Si tratta di una vittoria senza “se” e senza “ma”, che dimostra una...

Federica Lotti (flauto) e Massimo Somenzi (pianoforte) venerdì alle 20:30 al Liceo Lollino di Belluno

Al via la seconda parte della 69ma Stagione 2022 del Circolo Culturale Bellunese, sulle note del flauto di Federica Lotti, accompagnata al pianoforte da...

Nuova pista di atletica al Polisportivo di Belluno

Sono a buon punto i lavori al Polisportivo di Belluno: entro la settimana sarà terminata la posa della nuova pista di atletica. Il progetto,...

Presentata la nuova guida rossa. Belluno Città Splendente – Storia, Architettura, Arte

E' stata presentata questa mattina alla stampa la nuova edizione della guida di Belluno che ha rivisto, modificato e ampliato la famosa “Guida rossa”...
Share